Tarte tatin alla percoca col pizzo

 

L'idea della tarte tatin, nonostante la stagione estiva, mi è ritornata in mente leggendola qui; è con le pesche, mentre questa mia, l'ho preparata con la percoca col pizzo, prodotto tradizionale campano, dalla buccia pelosetta, dal profumo inebriante, dalla polpa soda e sapore dolce - acidulo, che inizia ad essere di stagione in questo periodo, tardivamente rispetto alle altre. 
Insomma, come al solito, preferisco sempre i prodotti del mio territorio, che ho imparato ad apprezzare ed amare nel tempo. Ciò che ritrovo in  #Slowthinking.
Per preparare questa tatin, occorrono un paio di percoche sode e mature, il caramello e la pasta frolla che io ho sostituito con la pate sablèe per il suo buon sapore di mandorle. 
Le dosi sono per uno stampo da 26 cm di diametro.

Pate sablée 

• 250 g di farina 00 debole
• 120 g di burro morbido
• 30 g di farina di mandorle
• 90 g di zucchero sottile
• 1 uovo piccolo
• un pizzico di sale
• la scorza di un limone bio grattugiata
• un cucchiaio raso di succo di limone
• vaniglia

Caramello a secco 

preparato con 200 g di zucchero in una padella antiaderente;
qui un bel video  per preparalo con successo.

Due percoche a fette



Procedimento:

Preparare la pate sablée a mano, oppure in planetaria in questo modo: nella ciotola dell'impastatrice mettere il burro a pezzetti, lo zucchero e la farina di mandorle; impastare per pochi secondi, con la frusta a foglia; poi, aggiungere l'uovo, il sale, la vaniglia, la scorza del limone ed il succo, impastare ancora brevemente, unire la farina poca per volta. Impastare solo il tempo necessario ad amalgamare tutto, quindi sigillarla con pellicola alimentare e metterla a riposare in frigorifero.
Trascorse 4 /5 ore, riprendere l'impasto dal frigo e stenderlo allo spessore di  pochi mm.

Foderare la teglia con carta forno, versarci il caramello caldo, sistemare le fette di percoca a raggiera e ricoprire con la pasta; eliminarne l'eccesso, sigillare bene i bordi. Coprire con carta alluminio ed infornare alla temp. di 180 °C per circa 20 minuti. Eliminare la carta alluminio e cuocere per altri 15 minuti, dovrà dorarsi.
Aspettare che si raffreddi appena e sformare il dolce sul piatto da portata.


VI RACCOMANDO DI PROVARE QUESTE ALTRE RICETTE SLOWTHINKING



Tarte tatin siciliana con pomodorini e “tenerumi” senza glutine

di Stefania Oliveri Cardamomo & Co






Commenti