Vesuvietti alla parigina




Questa è una rivisitazione della parigina, una focaccia farcita molto diffusa nel napoletano, costituita da una base di pasta per pizza e la parte superiore di pasta sfoglia.

Tra gli Appunti di cucina di Rimmel troverete la ricetta tradizionale.

Il "vesuvietto" preparato, è una versione mignon della parigina, con la base di pasta per pizza, la farcitura di mozzarella di bufala Dop, di mortadella, di granella di pistacchio e la parte superiore in pâte feuilletée inversée.



Ingredienti dell'impasto per pizza


  • 430 g di farina 00 per pizza (tipo Caputo Classica)
  • 260 g di acqua
  • 10 g di sale di Cervia
  • 2 g di lievito di birra fresco
  • 100  g di mortadella
  •  500 g di pasta sfoglia inversa
  • 500 g di mozzarella di bufala Dop
  • Granella di pistacchio q.b.
  • Pomodorini pelati del Vesuvio sciroppati q.b. per decorazione



Preparazione:


lavorando a mano,  in una ciotola sciogliere il lievito nell'acqua e cominciare ad aggiungere la farina, amalgamando; aggiungere il sale disciolto in poca acqua; appena l'impasto comincerà a prendere corpo, trasferirlo sulla spianatoia ed impastare fino a renderlo abbastanza consistente e comunque, impastare per pochi minuti. Trasferire l’impasto  in un contenitore e farlo lievitare 10 ore.
Trascorso questo tempo, formare delle palline di impasto e farle lievitare nuovamente per altre 7 – 8 ore.
Per questo impasto, ho cercato di seguire la ricetta di Salvatore Salvo.

Occorreranno ancora, circa 500 grammi di pâte feuilletée inversée (pasta sfoglia inversa) preparata come descritto qui.

Stendere la pasta sfoglia in modo da ottenere un rettangolo di circa 2 mm di spessore, arrotolarlo, sigillarlo con la pellicola alimentare e farlo riposare in frigo una trentina di minuti.



Per assemblare i vesuvietti:

in stampini di ceramica tipo cocotte, preparare una base con l'impasto per pizza (35 g ca); poi, preparare uno strato di farcitura con fettine di mozzarella di bufala dop ben sgocciolata, infine l'ultimo strato prepararlo tagliando a fette spesse circa 4 cm, il rotolo di pasta sfoglia; queste fette di pasta sfoglia vanno appiattite leggermente col mattarello e formate a mo' di cono, con un piccolo foro al vertice; appoggiare i coni formati sulla farcitura, nelle cocottine e sigillare bene i bordi.
Infornare alla temperatura di 180° C, fino a che la sfoglia sia ben dorata (per una quindicina di minuti); sfornare e farcire con pezzetti di mozzarella di bufala Dop, crema di mozzarella (ottenuta frullando la mozzarella con un filo d’olio evo), mortadella e granella di pistacchi. Guarnire con pomodorini sciroppati.


Come è capitato altre volte nei miei post, vi lascio con le note di una antica canzone che narra la storia di una giovane ragazza napoletana che decide di cambiar nome, dal napoletanissimo "Concetta", al francese  Lilì Kangy.
"Chi mme piglia pe' Frangesa,
chi mme piglia pe' Spagnola,
ma só' nata ô Conte 'e Mola"

Con questa ricetta partecipo al FoodBlogAward_OFF | PIZZA VILLAGE

Commenti

  1. credo che tu abbia l'oro nelle mani e non lo sai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosaria, dici così perchè adesso ne hai solo una e di platino visto quello che riesci a fare!:D
      Grazie

      Elimina
  2. tu mi fai morire! nel senso buono: sei creativa e divertente ma conservi sempre un legame con la tradizione. prima o poi mi trasferisco a pensione da te :)

    RispondiElimina
  3. Sei una delle poche che mi legge e fino in fondo!
    Sta casa aspetta a te :D

    RispondiElimina

Posta un commento