L'occasione per fare il giurato




E' partita in questi giorni, una fattiva ed intensa collaborazione tra Slowthinking e la Federazione Italiana Cuochi

La F.I.C. inviterà quattro food blogger a fare parte della giuria “Premio critica Gastronomica”, che si assegnerà ogni giorno, dal 18 al 21 febbraio, durante il Campionato cucina italiana, a Rimini. 
Per partecipare è stato sufficiente scegliere una ricetta tra quelle di un blog che preferisco e motivarne la scelta, in un testo di massimo 150 parole, pubblicandone foto e link al blog autore.

Il regolamento completo lo trovate qui

Questa è la mia occasione per fare il giurato in un concorso, un sogno che inseguo come contraltare del fatto che come food blogger, nei contest, vengo invece, sempre sottoposta ad insindacabile giudizio.

Nella vita di ogni giorno, essendo un tecnico per professione, mi applico per cercare di essere schematica nelle valutazioni, adottando criteri concreti e ripetibili, per non lasciarmi influenzare solo dal fascino della prima impressione.
Per cui, anche nel valutare un piatto o una ricetta, tendendo all'obiettività, cerco di applicare sempre gli stessi fattori, come possono essere quelli contenuti in una scheda tecnica di valutazione, ovvero questi:
per le conoscenze tecniche nell'esecuzione del piatto: valutazione della tecnica di esecuzione adoperata; valutazione dell’esatta sequenza nell'esecuzione della ricetta.
Per la disposizione e presentazione: disposizione esatta e pulita, senza guarnizioni artificiali; scelta degli ingredienti per rendere le pietanze esteticamente appetibili ed esaltarne il contenuto.
Aspetto estetico e sapore: aspetto estetico ed impatto cromatico; il cibo deve mantenere il suo caratteristico sapore; i condimenti devono esaltare il gusto della pietanza.
Creatività: valutazione dell’idea e della creatività del piatto.

Seguo il blog di Sandra, Le Pètrin, da tantissimo tempo; è in francese, una lingua che non conosco e che piano piano ho cominciato a capire, sempre con l'aiuto del mio fido scudiero Google translate.
Ho scelto di recensire una ricetta tra quelle che mi hanno avvicinato positivamente al mondo dei blog, i Soufganiot de Fin d'Année, delle piccole soffici ciambelle fritte, morbide, dorate e leggere, leggere.


La ricetta è molto ben spiegata, tra gli ingredienti, facilmente reperibili in commercio, spesso sono suggerite sostituzioni per intolleranti o allergici o per motivi religiosi; è accompagnata da illustrazioni passo per passo e da spiegazioni esaustive dei vari passaggi, ma comunque la ricetta è illustrata con chiare, belle ed invitanti fotografie, riguardanti esclusivamente il prodotto finale, senza inutili sbavature.

Con questa recensione mi candido a partecipare come giurato al campionato nazionale cuochi organizzato dalla F.I.C. per i lievitati (sia dolci che salati) che concorrono il giorno 21 febbraio 2017.


Commenti