Pasta gelato

Il gelato dal cono fritto è una delle mie passioni, così come la pasta, in tutti i suoi utilizzi e forme, o meglio formati. E allora, pasta gelato fritta, bocconcini di Pasta, la mia preferita, a fare da involucro croccante e saporito al gelato.

Per prepararla ho proceduto così:
ho lessato la pasta, in abbondante acqua salata cui ho aggiunto anche un  cucchiaino di zucchero e per un paio di minuti in più rispetto al tempo di cottura segnato sulla confezione. Ho utilizzato la calamarata orientale del Pastificio dei Campi, una ventina di pezzi.
Fatta asciugare molto bene, l'ho fritta in olio profondo, fino a doratura.
Ho fatto fondere il cioccolato e vi ho intinto la base di ogni pezzo di pasta fritta; li ho fatti raffreddare in modo da far solidificare il cioccolato, quindi, ho farcito la pasta fritta con il gelato e ho passato i "bocconcini" in freezer.


Questa volta, per la farcitura, ho preparato una namelaka (un cremoso) gelata, di panna e cioccolato, che preferisco e che ho utilizzato altre volte, perché senza uova. 

Questa è la ricetta, 
per chi se ne serve (cit.)
ne ho utilizzato circa la metà:
  • 200 g di buon cioccolato bianco
  • 2 g di colla di pesce (1 foglio)
  • 125 g di latte intero
  • 6 g di glucosio
  • 250 g di panna fresca
Far fondere il cioccolato (anche al micro onde a bassissima potenza e mescolando spesso) a bagnomaria; far sciogliere il glucosio nel latte a caldo, unire la gelatina fatta ammorbidire per una decina di minuti in acqua fredda e poi, strizzata; aggiungere, poco per volta, il latte caldo al cioccolato fuso, mescolando con cura, infine, aggiungere la panna fresca; ottenuta una crema omogenea, metterla dodici ore in frigorifero e poi in freezer fino all'uso.


Altri utilizzi "impropri" o poco usuali con la pasta li potete trovare in "Una Pasta di cioccolatino" e nella "Millefoglie salata". 

Commenti

Posta un commento