Passa ai contenuti principali

Torta uʍop ǝpısdn o rovesciata all’ananas

E’ una torta semplice e fresca, la torta rovesciata all'ananas, che solo per spirito di modernità ho chiamato "Torta uʍop ǝpısdn all'ananas".
La ricetta è vintage, ovvero ce la ritroviamo fin da quando, negli anni ’80, il computer in casa era solo l’Olivetti M-24, quello di mio padre e la rete non si associava ad esso, ma a tutt’altro.

Ingredienti:

  • n° 1 scatola di ananas sciroppato
  • n° 1 vasetto da 125 g di yogurt all’ananas
  • n° 1 misurino (quello dello yogurt) di olio di semi di arachidi o mais
  • n° 4 misurini (dello yogurt) di farina
  • n° 1,5 misurini (dello yogurt) di zucchero di canna o bianco
  • n° 1 bustina di lievito per dolci
  • n° 4 uova grandi
  • un pizzico di sale
  • 240 g zucchero di canna o bianco per il caramello
Preparazione:
la prima operazione da fare è la preparazione di un caramello biondo, direttamente nella teglia da forno in rame stagnato, con i 240 grammi di zucchero, senza mescolare. Il caramello si può anche preparare a parte, per poi trasferirlo nella teglia da forno.
Da qualche tempo, giusto per innovazione, per la preparazione del caramello uso il metodo dello Ziopiero.
Una volta preparato il caramello, lo si lascia intiepidire, per poi sistemarvi sopra le fette di ananas scolate dal loro succo. Si lascia raffreddare completamente.
Con le fruste elettriche o la planetaria, si mescolano nell’ordine: uova e zucchero, il pizzico di sale, si aggiunge lo yogurt, l’olio, la farina, qualche cucchiaio di sciroppo dell’ananas ed infine il lievito.
Si versa nella teglia sopra l’ananas nel caramello e si inforna a 160° C, con il forno già a temperatura, per circa 40 minuti.
Fatta intiepidire, la torta si ribalta su un piatto da portata.
Quando sarà arrivata a temperatura ambiente, la si bagna con lo sciroppo dell’ananas e la si sistema  in frigo, perché questa torta, migliora se servita fredda.

Commenti

  1. Sono molto affezionata a questa torta, è stato uno dei miei primi esperimenti culinari...anni luce fa! :-D

    RispondiElimina
  2. La preparo in maniera un po' diversa, ma rimane uno dei miei dolci preferiti.

    RispondiElimina
  3. E' stata forse la prima torta per molte di noi,ma rimane sempre buona.
    antonia

    RispondiElimina
  4. E' il dolce che mia madre prepara più di frequente :))
    L'aspetto è davvero invitante.

    RispondiElimina
  5. Temo di essere fuori dal coro...
    la conosco ma non l'ho mai preparata.
    Mi piacerebbe rimediare preparando la tua versione.
    Due domande:
    Per metodo di zioPiero intendi quello senza acqua?
    E poi, la bagna dopo la cottura.Verso il succo sopra l'ananas caramellato? Più o meno in che quantità? Mica tutto?
    Grazie per la pazienza!

    RispondiElimina
  6. Il metodo dal blog dello Ziopiero (si dovrebbe aprire un link con filmato allegato)è preparae un caramello senz'acqua e senza mescolare.
    Dopo aver sformato la torta capovolgendola, si bagna con il succo che rimane nella scatola dell'ananas sciroppato. A me serve sempre tutto.
    Grazie a te per l'attenzione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Papaccelle napoletane ricce imbottite ('mbuttunate)

Sono tra gli ortaggi estivi che più mi piacciono e questa è la loro stagione. Parlo della papaccella napoletana (papaccella riccia), che è diventata anche un presidio Slow Food nel 2004.
E'
una varietà di peperone, dalla pezzaturapiccola, variamente colorata di giallo sole, di verde e di rosso intenso o vinato, tipicamente coltivata nelle zone del napoletano e del vesuviano. Queste in foto sono papaccelle  biologiche che coltiva mia zia Anna nel suo terreno a Napoli.

A me piacciono cucinate in ogni maniera: a minestrina, in padella, stufate con olive e capperi, nella cianfotta, con la pasta oppure crude nelle insalate, quando si trovano fresche, in estate.
Nella stagione invernale, quando si trovano solo sott’aceto, sono utilizzate nell’insalata di rinforzo a Natale o soffritte come contorno della carne di maiale nei mesi più freddi (e lì ci sta bene anche qualche papaccella piccante o forte).

Questa versione della papaccella ‘mbuttunata(imbottita), è quella che più preferisco ed …