Passa ai contenuti principali

Paccheri fritti ripieni di parmigiana di melanzane alla maniera dello Chef Peppe Guida

Paccheri fritti ripieni di parmigiana di melanzana alla maniera dello Chef Peppe Guida

Premetto che li avevo mangiati dallo Chef e come tutto ciò che è fritto, in più preparato dallo Chef Peppe Guida, mi folgorò tanto da scolpirsi in mente.
Passano le stagioni ed esce il libro dello Chef, "Questa è la mia terra, il mio Sud in 60 ricette".
A pg. 97 trovo la ricetta. Contenta, con i miei tempi, nella stagione delle melanzane ancora buone, provo a prepararli. 
Non saranno mai come quelli che ci offrì lo Chef ed al quale chiesi il bis ed il tris, ma sono piaciuti.



Per la ricetta vi rimando caldamente al libro.


Intanto, vi racconto come ho proceduto, un passo per volta e mi vado a spiegare: ho lavato, sbucciato, tagliato a fette per il lungo, messo sotto sale, sciacquato, asciugato e fritto le melanzane lunghe nere napoletane; poi, ho preparato un sugo con la passata di pomodoro (La Fiammante) condito con solo olio, sale e tanto basilico fresco.
Con il fior di latte acquistato un giorno prima e tenuto in frigo, ho preparato una teglia di parmigiana di melanzane, intervallando gli strati, con il latticino a pezzi, il basilico, il parmigiano stagionato grattugiato ed il sugo. Ho infornato a 180° C per una quarantina di minuti, tanto da asciugare bene la parmigiana. L'ho fatta raffreddare, quindi, battuta a coltello per preparare il ripieno dei paccheri.

Ho lessato al dente, la pasta, una ventina di paccheri del pastificio Di Martino di Gragnano.
Li ho farciti uno ad uno con la parmigiana.
Poi, ho preparato tre ciotole, una con la farina, una con due uova sbattuto con un pizzico di sale ed una con il pane grattugiato. 
A questo punto, ho passato uno ad uno, i paccheri farciti,  prima nella farina, poi nell'uovo ed infine, nel pane grattugiato. 
A questo punto, ho fritto i paccheri in abbondante olio di semi d'arachide ben caldo, fino a doratura. 
Si mangiano caldi.











Commenti

Post popolari in questo blog

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…