Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2018

Spaghettini al pomodoro a "devozione" e finale Pomorosso d'autore 2018

Special thanks to Riccardo Melillo photographer  Era qualche giorno fa, il 23 luglio, il giorno della finale Pomorosso d'autore 2018 .  Ci arrivo per questo e questo .  Un’ultima prova, a sorpresa, attende i finalisti: cucinare spaghettini al pomodoro . Solo olio extravergine d’oliva  come  condimento concesso, insieme all'aglio ed al basilico fresco.  La giuria è già schierata e pronta ai dieci assaggi, uno per finalista. La scelta tra i pomodori La Fiammante da usare è tra passata di pomodoro rosso, pomodorini gialli in conserva, pacchetelle di pomodorini del Vesuvio, pelati    San Marzano. Tempo di cottura degli spaghettini di Gragnano, Pastificio dei Campi , 6 minuti: un filo di preoccupazione fa capolino, ma prende il sopravvento la voglia di divertirsi e cucinare in compagnia. Intanto penso, ma è già il mio turno. Special thanks to Riccardo Melillo photographer  Vado di olio e aglio a soffriggere appena in un padellone; aggiungo tutta la passat

Fettucce a "'O roje" a devozione

Sempre maccheroni, ma intesi in senso più ampio, ovvero, non solo spaghetti ma Fettucce di Gragnano di grano duro italiano, tracciato dal campo, belle corpose, profumate e larghe, che invitano ad essere avvolte ( arravogliate ) e mangiate, dopo che hanno incorporato il sugo di pomodoro caldo ed essere state profumate di basilico. Un piatto di pasta dunque, ma cucinato all'antichissima maniera napoletana: i venditori ambulanti, i maccaronari, li cucinavano e vendevano per strada al costo di due soldi e per questo li chiamavano  "' o roje " in napoletano due, condendoli con soli due ingredienti, il pomodoro ed una spolverata di formaggio, senza alcuna aggiunta di olio o grassi. Per quanto antichi, risultano molto moderni perché ispirati al principio del "togliere" anziché dell'aggiungere ingredienti.  Io me li preparo tenendo ben presente l'esempio della preparazione della " devozione "  dello Chef Peppe Guida, stella Michel