Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2015

Pasta tiepida alla fattallà Caronte

Comperati i pomodori secchi, li lavo, li faccio asciugare e riempio un vasetto a strati, alternando ai pomodori, olio evo (Colline salernitane), poco aglio, un pizzico di sale (di Cervia) e un pizzico di origano, coprendo d’olio l'ultima fila di pomodori. Tappo bene e tengo da parte. Uso al bisogno. Il momento del bisogno: è ora di pranzo, fa caldissimo, la pasta fredda e unta non mi si confà , la pasta tiepida la tollero, la menta nel mio vaso è cresciuta, i pinoli sono in dispensa, accanto ai pomodori sott'olio, tutto è pronto, posso cominciare.    Oggi avevo i fusilli, quelli di pasta secca, ma gli scialatielli di pasta fresca sarebbero andati meglio, cuociono prima, sarà per la prossima volta, quando aggiungerò pure una spolverata di pecorino.   Dunque, mentre cuoceva la pasta, ho tagliato a pezzettini tre pomodori sott’olio, messi nel piatto da portata, ho aggiunto le foglioline di menta fresca, in quantità abbondante e mescolato per bene, schiacciando con una f

Candele alla parmigiana

Parmigiano Reggiano e melanzane di stagione, costituiscono un connubio perfetto per me, aggiungendo un po’ di   basilico fresco e profumato, le candele di Gragnano IGP ed il pomodorino rosso del Vesuvio  è subito festa nel piatto , una pietanza semplice e buona. Le "candele alla parmigiana " sono la terza ed ultima proposta per il Contest 4COOKING   #PRChef 2015 di  Parmigiano Reggiano e peccato perchè ci stavo prendendo gusto, quindi continuerò anche senza concorso , sempre tenendo presente che " L'eccellenza in cucina non si ottiene quando non hai nient'altro da aggiungere, ma quando non hai nient'altro da togliere " , ovvero questo Contest è stat o per me, un'ottima palestra. Queste la mia prima e la seconda ricetta proposta.   Ingredienti per 2 persone 120 grammi di Candele di Gragnano IGP n. 2 melanzane medie (ho usato le cima di viola napoletane)  60 grammi di Parmigiano Reggiano Dop stagionato 33 mesi

Risotto al Parmigiano Reggiano e limone confit

Il gusto personale mi ha convinta che per preparare il risotto , non sia necessario eccedere con le aggiunte di grassi, ma che si possa arrivare ad un buon risultato, anche usando pochi elementi o ingredienti, ma solo se di qualità eccellente.  Appunto questo che ho preparato, è un risotto leggero e cremoso, fresco, quasi estivo.  E' il " Risotto al Parmigiano Reggiano e limone confit " ispirando mi al risotto all'acqua d ello chef Niko Romit o. Per questo risotto, sono partita con un po' d'anticipo, preparando i limoni confit a freddo (*) quando questi erano al punto giusto di maturazione.  In pratica, ne ho lavati ed affettati a spicchi, 300 grammi – ho adoperato il limone della Costa d’Amalfi IGP , c on la buccia piena di olii essenziali, biologico – ho aggiunto il 15% del loro peso in sale di Cervia e li ho tenuti sottovuoto , in salamoia, in frigo per più di un mese, fino al momento dell'utilizzo. Dunque, i quattro ingredi

Pizza di zucchine

E’ una torta salata la cui ricetta mi viene da Padula (Sa). In agosto, visto il clima più fresco rispetto a quello di Napoli, là si trovano ancora delle zucchine buonissime. Un giorno nonna Sisina, ci preparò questa “ pizza di zucchine ”, dosando gli ingredienti a tazze (da colazione), invece che pesarli, un fatto singolare per me. In occasione della fiera di Padula, invece, ci avrebbe preparato delle zeppole fritte epiche, ma questa è un’altra faccenda, così come la storia dell' " arepa ", un piatto venuto dalle Americhe, colombiano, a seguito della emigrazione, ma addomesticato perchè preparato con farcitura di caciocavallo, specialità locale.