Passa ai contenuti principali

Post

Babà napoletano coi friarielli

Post recenti

Crostata al ricordo d‘estate

Ora che è dicembre, un mese che regala ancora belle giornate e che ci sta traghettando velocemente verso il Natale, una crostata che sappia ancora di sole, d’estate, fatta con pate sablée, confettura di percoche, percoche sciroppate e namelaka allo yogurt tipo quella di Omar Busi, secondo me ci sta proprio bene. 
Per la pate sablée: 320 g di farina 00 debole 150 g di burro morbido40 g di farina di mandorle120 g di zucchero a velo1 uovoun pizzico di salela scorza di un limone bio, grattugiata un cucchiaio di succo di limoneProcedimento:
nella ciotola della planetaria lavorare il burro con lo zucchero e la farina di mandorle; impastare per pochi secondi, poi aggiungere l'uovo, il sale, la scorza del limone ed il succo, impastare ancora brevemente, unire la farina poca per volta. Far lavorare solo il tempo necessario ad amalgamare tutto, quindi, stendere la sablée tra due fogli di carta forno per uno spessore di circa mezzo centimetro e mettere in freezer. All'occorrenza, prendere l&…

Pasta alla crema di friarielli, aglio, olio, peperoncino e noci tostate

In origine dovevano essere "Spaghetti alla crema di friarielli aglio olio peperoncino e noci tostate", questo il piatto ideato dai miei amici Salvatore Insolitopasto Annunziata e Rosaria Orrù, con un mio modesto contributo. Poi, tutti insieme, l'abbiamo preparato per decine di persone, durante l'evento tenutosi a Terzigno (Na) per il Tasting Vesuvio 2018.
Rientrata a casa, li ho preparati di nuovo perché mi sono piaciuti moltissimo; in mancanza delle nocciole tostate, ho usato le noci tostate e come formato di pasta ho scelto di usare le fettucce.
A pensarci bene, è una ricetta vegana.



Vi lascio la ricetta, "che non è di chi la scrive ma di chi se ne serve".
Dosi per due persone: 180 g di fettucce o spaghetti n. 2 fasci di friariellin. 2 spicchi d'aglion. 1 peperoncino rosso piccantequattro noci o una decina di nocciole, tostate e tritate grossolanamenteolio extra vergine d'oliva q.b.sale q.b.Procedimento:
far soffriggere in olio extravergine d’oliva, u…

Pasta e scarole

E' un primo piatto con scarola insaporita, cruda e cotta; come pasta, ho scelto la fusillata casereccia di Gragnano che con la sua forma particolare, trattiene sapori ed i tanti ingredienti, tra cui la colatura d'alici e le noci
Vi lascio la ricetta,"che non è di chi la scrive ma di chi se ne serve".

Ingredienti per due persone:
un cespo di scarole
160 grammi di pasta tipo fusillata casereccia di Gragnano IGP
olio extra vergine d’oliva, un cucchiaio uno spicchio d’aglio uvetta, un cucchiaio quattro noci infornate e tritate colatura d’alici, un cucchiaino un pomodorino del piennolo un pizzico di olive nere infornate e tritate peperoncini piccanti in olio d'oliva, la punta di un cucchiaino
Procedimento:
lavare il cespo di scarole, scottarne le foglie in acqua bollente salata,  raffreddarle velocemente e frullare con il mixer ad immersione. Far dorare uno spicchio d’aglio in olio extra vergine d’oliva, eliminarlo, aggiungere un po’ di uvetta passolini lavati, il passato …

Pasta e lenticchie napoletana

Le minestre di pasta e legumi sono un tipico primo piatto, molte volte piatto unico perché completo, della dieta mediterranea. Spesso cucinate in settimana e spesso di mercoledì, in molte case napoletane. La pasta e lenticchie è saporita, sana, nutriente ed economica. Si ritrova con più frequenza sulle tavole, in autunno ed in inverno. E’ molto semplice da preparare, forse troppo per essere pubblicata, ma appartiene alla nostra tradizione e non vorrei venisse persa. Inoltre, è una pietanza vegana. Anche di questo piatto, seppur nella sua semplicità, esistono diverse varianti. In famiglia, le uniche differenze si rilevano sul tipo di lenticchie, da noi sempre piccole tipo quelle di Pantelleria e sull'aggiunta o meno, di quell'unico pomodorino del piennolo. In casa nostra, su tutti i formati di pasta, vinceva sempre lo spaghetto spezzato o in mancanza, la linguina spezzata. Una volta, e qui la chiudo, le lenticchie si scartavano prima della cottura, ovvero si sceglievano una ad …

Il ricordo degli stortini al pomodoro

Ogni sabato pomeriggio, si andava dalla nonna in campagna. Nonna coltivava primizie, ortaggi sotto serra. Tornavamo a casa pieni di tutto quello che c’era di buono nei campi, ma solo a me nonna Maria, regalava ogni volta, un pacchetto di pasta, gli “stortini”. Se li faceva comprare di proposito. Non dolciumi, ma pasta per la sua prima nipote, avrò avuto quattro anni. 

Durante la settimana, invece, spesso mi mandavano dall'altra nonna, quella di città. Per inciso, mio padre, che aveva uno spiccato senso dello humor, parafrasando la favola del topo di campagna e del topo di città,ci aveva insegnato a chiamarle in questo modo. E dunque, andando dalla nonna di città, spesso mi portavo dietro la pastina della nonna di campagna, perché pretendevo di cucinarla. I nonni, soprattutto nonno Giovanni, soprintendeva e me lo consentiva. Così, in piedi sulla sedia, imparavo i primi rudimenti della cucina. Innanzitutto, nonno mi portava a scegliere qualche pomodorino dal piennolo appeso fuori al …

Lasagne alla zucca

Lasagna autunnale, un altro modo per consumare la pasta con la zucca, aggiungendo i funghi ma  sotto forma di pasta al forno, che fa sempre allegria. 

Vi lascio la ricetta,"che non è di chi la scrive ma di chi se ne serve".
Dosi per quattro persone
250 g di sfoglie di pasta secca per lasagna dai bordi arricciatizucca200 g di funghi 200 g di ricotta100 g di provola  pecorino e parmigiano grattugiatiolio extra vergine d'olivauno spicchio d'agliopeperoncino piccante, un pezzettoPreparazione:
lessare le sfoglie di lasagna al dente;
cuocere la zucca, tagliandola a fettine sottili, fatte soffriggere in abbondante olio, con mezzo spicchio d'aglio ed un pizzico di peperoncino piccante, salare; non deve disfarsi e se piace, sfumare alla fine, con un po' di vino bianco secco;
soffriggere i funghi puliti e lavati, in olio extra vergine d'oliva con l'aglio, aggiungere un rametto di prezzemolo per far insaporire, quindi, toglierlo;
lavorare la ricotta sgocciolata dal…