Passa ai contenuti principali

Risotto al Parmigiano Reggiano e limone confit


Il gusto personale mi ha convinta che per preparare il risotto, non sia necessario eccedere con le aggiunte di grassi, ma che si possa arrivare ad un buon risultato, anche usando pochi elementi o ingredienti, ma solo se di qualità eccellente. 
Appunto questo che ho preparato, è un risotto leggero e cremoso, fresco, quasi estivo. E' il "Risotto al Parmigiano Reggiano e limone confit" ispirandomi al risotto all'acqua dello chef Niko Romito.
Per questo risotto, sono partita con un po' d'anticipo, preparando i limoni confit a freddo (*) quando questi erano al punto giusto di maturazione. In pratica, ne ho lavati ed affettati a spicchi, 300 grammi – ho adoperato il limone della Costa d’Amalfi IGP, con la buccia piena di olii essenziali, biologico – ho aggiunto il 15% del loro peso in sale di Cervia e li ho tenuti sottovuoto, in salamoia, in frigo per più di un mese, fino al momento dell'utilizzo.





Dunque, i quattro ingredienti necessari per preparare questo risotto per due persone sono:


1. 160 grammi di riso Carnaroli del Delta del Po IGP
2. 60 grammi Parmigiano Reggiano stagionato Dop stag. 24 mesi o più
3. 20 grammi di limone confit (*)
4. 30 grammi di vino bianco (greco di Tufo Docg)
• 20 g olio  extravergine d’oliva
• acqua bollente q.b.

Preparazione
In una pentola di acciaio dal fondo spesso o meglio di rame, tostare il riso a secco. 
Bagnare con il vino freddo, lasciare evaporare, mescolando, iniziare ad aggiungere l'acqua bollente, a coprire a filo, il contenuto della pentola. 
Portare a cottura continuando ad aggiungere poca acqua bollente salata per volta, girando come per un risotto. 
Spegnere il fuoco e mantecare unendo il Parmigiano Reggiano grattugiato in un paio di volte, poi l’olio evo e la brunoise di limone confit (che sarà salata e per questo non è necessario aggiungere altro sale al piatto), regolando la densità del risotto, tramite aggiunta di acqua bollente, fino alla giusta cremosità.





Con questa ricetta partecipo al 4COOKING   #PRChef 2015 di Parmigiano Reggiano

Commenti

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Papaccelle napoletane ricce imbottite ('mbuttunate)

Sono tra gli ortaggi estivi che più mi piacciono e questa è la loro stagione. Parlo della papaccella napoletana (papaccella riccia), che è diventata anche un presidio Slow Food nel 2004.
E'
una varietà di peperone, dalla pezzaturapiccola, variamente colorata di giallo sole, di verde e di rosso intenso o vinato, tipicamente coltivata nelle zone del napoletano e del vesuviano. Queste in foto sono papaccelle  biologiche che coltiva mia zia Anna nel suo terreno a Napoli.

A me piacciono cucinate in ogni maniera: a minestrina, in padella, stufate con olive e capperi, nella cianfotta, con la pasta oppure crude nelle insalate, quando si trovano fresche, in estate.
Nella stagione invernale, quando si trovano solo sott’aceto, sono utilizzate nell’insalata di rinforzo a Natale o soffritte come contorno della carne di maiale nei mesi più freddi (e lì ci sta bene anche qualche papaccella piccante o forte).

Questa versione della papaccella ‘mbuttunata(imbottita), è quella che più preferisco ed …