Passa ai contenuti principali

Melanzane a scarpone

 
Non è tutta farina del mio sacco, c'è la mano sapiente di mammà, ottima cuoca, in queste melanzane a scarpone (dette anche a barchetta), pietanza tradizionale nel napoletano.

Per una buona riuscita della preparazione, scegliere preferibilmente melanzane nere lunghe. In casa adoperiamo la melanzana cima di viola, un prelibato ecotipo locale, molto diffuso nel napoletano, caratterizzato dalla forma allungata e leggermente ricurva e buccia molto lucida di colore viola scuro tendente al nero.

Per 4 persone occorrono circa:
  • 4 melanzane lunghe napoletane cima di viola
  • 30 g di capperi sotto sale
  • 50 g di olive nere di Gaeta
  • 150 g di pomodorini rossi maturi del Vesuvio
  •  olio evo, sale fino, mezzo spicchio d'aglio, basilico, pane grattugiato q.b.

Preparazione:

togliere il peduncolo verde e tagliare ogni melanzana in due, longitudinalmente; ritagliarne la polpa interna, povera di semi, formando delle barchette; l'interno della melanzana, la polpa, va tagliata a cubetti piccoli.
Mettere in acqua tiepida e sale un paio d’ore, le barchette di melanzana e la polpa a dadini, dopodiché, sciacquare e strizzare tutto per bene.

A parte preparare il ripieno con olive nere di Gaeta a pezzetti, capperi sooto sale sciacquati, pomodorini rossi del Vesuvio spezzettati, un po’ d’aglio tritato, basilico fresco, olio evo ed un pizzico di sale (facoltativamente, un po’ di scamorza affumicata, provola a cubetti, anche un pizzico d'origano, qualche acciuga sott'olio). Unire i cubetti di polpa (si possono anche friggere).

Ungere le barchette di melanzana e farcirle con il ripieno; disporle in una teglia unta d’olio. Cospargere con pane grattugiato (da pane di S. Sebastiano al Vesuvio), aggiungere una tazzina d’acqua nella teglia ed infornare in forno a temperatura moderata  (150° C) per un ora o poco più.

Melanzane napoletane, var. cime di viola

Commenti

  1. Che meraviglia... In Puglia, terra della mia mammà, usiamo la ricotta salata e le olive dolcissime di Cerignola, ma credo che fra la Campania e la Puglia non si sbagli mai se si parla di qualità delle materie prime. E' il sole a fare la differenza! Ottimo piatto!

    RispondiElimina
  2. uhh.. che buone!! qui è difficile trovare quelle melaqnzane, eppure siamo in Puglia, insomma gli ortaggi sono buoni.. solo a Napoli la melanzana è così saporita!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia, sono sicura che da te se ne troveranno di altrettanto buone. E' che sono proprio fissata per queste melanzane napoletane :)

      Elimina
    2. maria io assemblo gli ingredienti già cotti o fritti o al forno e le passo pochi minuti in forno. proverò la tua versione. le faccio anche bianche con uova e provola.

      Elimina
    3. Tu prova, però i pezzetti devono essere piccoli piccoli e se non va come deve, ce la prendiamo con la signora :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…