Passa ai contenuti principali

Che FICO!


Finalmente sono stata a FICO Eataly Bologna. Abbiamo fatto un bel giro, insieme alle mie fide "cumpagnielle" di merende, tutte a trovare Teresa.
Abbiamo visto come nasce la pasta nel molino e pastificio "bonsai" Di Martino a Fico, per poi vederla cucinare da giovani cuochi.
Una visita all'Osteria del Fritto di Pasquale Torrente, trovare Mimmo La Vecchia che offre mozzarella di bufala: pareva di essere a casa.

Poi, una volta a casa, per ricordare l'evento nell'unico modo a me più confacente, ho preparato questo piatto salato e un po' dolce, nell'intenzione di unire le tipicità dell'Emilia e della Campania, il mio piatto FICO.
Ed insomma, coi fichi neri "natalini" che avevo conservato dalla fine di settembre sotto sale e sotto vuoto, ho condito le tagliatelle, ma di semola di grano duro, quelle Di Martino di Gragnano IGP, con parmigiano reggiano, squacquerone di Romagna comprato a Bologna e prosciutto crudo di Parma.


Che FICO!
Questa è la semplice ricetta, a chi serve:

Ingredienti per due persone
  • 160 grammi di tagliatelle 
  • un cucchiaio di parmigiano grattugiato 
  • due cucchiai abbondanti di squacquerone
  • due fichi neri 
  • 20 g ca di prosciutto crudo a piccoli cubetti 
  • pepe nero q.b.
Procedimento

Lessare le tagliatelle molto al dente in acqua poco salata, scolarle ed a caldo, unire i fichi tagliati a piccoli cubetti, i formaggi, il pepe nero macinato al momento ed i cubetti di prosciutto crudi passati per qualche secondo nel forno al micro onde, fino a che diventino croccanti.


Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…