Passa ai contenuti principali

Cozonac, dolce tradizionale rumeno


Il Cozonac è un dolce tipico della Romania, ma anche della cucina bulgara, albanese o più generalmente dell’Est Europa.
Viene preparato in occasione della maggior parte delle festività locali e quindi, anche a Natale.
I principali ingredienti del Cozonac sono: farina, noci, latte, aromi ed è tradizionalmente formato come una corda a due capi.
La ricetta originale, che ricevetti dai nostri vecchi vicini rumeni, prevedeva più lievito rispetto alla quantità che ho usato ed olio di semi, sia nell’impasto che nel ripieno; veniva impastato a mano e per dosi quadruplicate rispetto a quelle riportate.

E’ un dolce semplice, soffice e dal gusto unico che prepariamo spesso in famiglia, perché ebbe a conquistarci subito questa brioche morbida e farcita di cioccolato che la signora Elena ci insegnò a preparare, pesando a bicchieri i vari ingredienti.

 

Per l’impasto:
500 g farina (una miscela di farine al 50% di manitoba 0 e 00 dolci)
110 g burro
175 g latte
8 g di lievito di birra fresco
75 g zucchero
2 uova
1/2 cucchiaino di essenza naturale di vaniglia
1 cucchiaio di rhum per pasticceria
un pizzico di sale

Per il ripieno:
125 g noci sgusciate
10 g cacao amaro
30  g di cioccolato fondente
75 g zucchero
50 gr latte

A caldo in un pentolino, si scioglie nel latte, il cacao e lo zucchero; si aggiunge il cioccolato e dopo pochi minuti si mescola, si fa raffreddare il composto, quindi si aggiungono le noci ridotte a pezzettini. Far raffreddare.

Preparazione:
miscelare bene le farine; sciogliere il lievito ed un pizzico di zucchero in 50 grammi di  latte tiepido ed un po’ di farina presi dal totale. Aspettare una mezz’oretta affinché cominci la lievitazione.
Nella ciotola dell’impastatrice mettere la farina, aggiungere il lievitino, le uova e lo zucchero, il latte restante, lavorando con la frusta a foglia a bassa velocità; ad impasto formato, unire l’essenza di vaniglia, il rhum e quando saranno stati assorbiti, lavorare l’impasto a velocità media fino a quando si staccherà dalle pareti della ciotola. A questo punto, aggiungere il burro in pezzetti (a temperatura ambiente) e continuare ad impastare per riprendere l’incordatura dell'impasto. Se necessario, aggiungere una spolverata di farina. Quando l’impasto si staccherà dalle pareti della ciotola e tirandone un lembo, si formerà il cd. velo, infarinare leggermente il piano da lavoro e trasferirvi l’impasto.
Dare una piega allargandolo delicatamente, prendendo i lembi e piegandoli verso il centro, capovolgere l’impasto, formare a palla e con la chiusura sotto, riporlo in una ciotola infarinata, coprire con pellicola trasparente per alimenti e dopo un’oretta, riporre in frigo per tutta la notte. Se si ha fretta procedere senza far riposare l'impasto in frigo, come di seguito.
Il giorno seguente, riportare l’impasto a temperatura ambiente, tagliarlo in due, formare delle sfere e stenderle a rettangolo. Farcire stendendo il ripieno di noci, in modo da lasciare liberi due centimetri dai bordi; arrotolare quindi i cilindri, chiuderli bene sia alle estremità che lungo il margine. Avvolgere i due rotoli girandoli uno sull’altro come per una corda (la forma tradizionale del dolce).
Poggiare in uno stampo rettangolare allungato, del tipo da plum cake, foderato con carta forno e lasciar lievitare un’ora circa.
Spennellare la superficie del dolce con del latte, cospargere con poco zucchero ed infornare alla temp. di 160° C per una trentina di minuti. Tagliarlo quando sarà diventato freddo.



L’abbinamento a cura di Luciano Pignataro:

“Su questo dolce niente vino, ma il grande Nucillo di ‘E Curti di Sant’Anastasia (Na) magnifico prodotto artigianale di Enzo D'Alessandro che ha rivalutato un infuso che stava per cadere nelle grinfie della grande industria”.
          Nel mio piccolo  produco anche io un rispettabile nocillo casalingo.

Buon Natale a tutti!

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…