Passa ai contenuti principali

Tarte tatin alla percoca col pizzo

 

L'idea della tarte tatin, nonostante la stagione estiva, mi è ritornata in mente leggendola qui, dove viene preparata con le pesche, mentre questa mia, l'ho preparata con la percoca col pizzo, prodotto tradizionale campano, dal profumo inebriante, dalla polpa soda e sapore dolce - acidulo, che inizia ad essere di stagione in questo periodo, essendo più tardiva rispetto alle altre varietà. 
Insomma, come al solito, preferisco sempre i prodotti del mio territorio, la Campania felix, che ho imparato ad apprezzare ed amare nel tempo. 
Per preparare questa tatin, occorrono un paio di percoche sode e mature, il caramello e la pate sablèe per il suo buon sapore di mandorle, che ho preferito alla pasta frolla. 

Le dosi indicate sono per uno stampo da 26 cm di diametro.

Pate sablée 

• 250 g di farina 00 debole
• 120 g di burro morbido
• 30 g di farina di mandorle
• 90 g di zucchero sottile
• 1 uovo piccolo
• un pizzico di sale
• la scorza di un limone bio grattugiata
• un cucchiaio raso di succo di limone
• vaniglia

Caramello a secco 

preparato con 200 g di zucchero in una padella antiaderente;
qui un bel video  per preparalo con successo.

Due percoche a fette



Procedimento:

Preparare la pate sablée a mano, oppure in planetaria in questo modo: nella ciotola dell'impastatrice mettere il burro a pezzetti, lo zucchero e la farina di mandorle; impastare per pochi secondi, con la frusta a foglia; poi, aggiungere l'uovo, il sale, la vaniglia, la scorza del limone ed il succo, impastare ancora brevemente, unire la farina poca per volta. Impastare solo il tempo necessario ad amalgamare tutto, quindi sigillarla con pellicola alimentare e metterla a riposare in frigorifero.
Trascorse 4 /5 ore, riprendere l'impasto dal frigo e stenderlo allo spessore di  pochi mm.

Foderare la teglia con carta forno, versarci il caramello caldo, sistemare le fette di percoca a raggiera e ricoprire con la pasta; eliminarne l'eccesso, sigillare bene i bordi. Coprire con carta alluminio ed infornare alla temp. di 180 °C per circa 20 minuti. Eliminare la carta alluminio e cuocere per altri 15 minuti, dovrà dorarsi.
Aspettare che si raffreddi appena e sformare il dolce sul piatto da portata.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…