Passa ai contenuti principali

Brioche Fytyr Egyptian, ma con l'amarena


crema e amarena

Della brioche Fytyr Egyptian, farcita di crema, con l'impasto appena zuccherato ed un po' sfogliato, ne ho letto sul web e come sempre, nelle lingue più disparate. Per cui, questa che ho preparato, sarebbe o dovrebbe essere la brioche Fytyr Egyptian, in quanto è il risultato delle varie traduzioni con Google translate, divertente quella dal russo, in aggiunta al fatto che qui a Napoli, la brioche con la crema, chiama sempre a se l'amarena e che quindi, il ripieno di questa brioche, costituito da una generosa dose di crema alla vaniglia, bella dolce, non poteva che sposare benissimo con le note acidule ed aromatiche dell'amarena sciroppata (la ricetta la trovate in coda al link).

Ingredienti:

Per l'impasto

400 g di farina di forza  
245 g di latte 
1 uovo grande (più uno per dorare)
un pizzico di sale
15 g di lievito di birra fresco
130 g di burro  (70  g + 60 g)
1 cucchiaio di zucchero
la buccia grattugiata di mezzo limone bio

Per la crema della farcitura

1/2 litro di latte intero
1 uovo 
2 cucchiai di amido di mais
1 cucchiaio di fecola
160 g di zucchero
mezza bacca di vaniglia
un pizzico di sale
la buccia di mezzo limone

Poi occorreranno delle amarene sciroppate, sgocciolate, una ventina.

 

Preparazione:

per prima cosa, preparare la pasta lievitata:
sciogliere il lievito di birra in una tazza di latte tiepido, aggiungendo un cucchiaino di zucchero e lasciare in un luogo caldo per far iniziare la lievitazione.
Nella planetaria, mettere la farina, tenendone un cucchiaio da parte, aggiungere il lievitino, il latte, l'uovo, un cucchiaio di zucchero, un pizzico di sale e gli aromi. Impastare fino ad avere una pasta elastica e morbida. Aggiungere una spolverta di farina se necessario.
Dividere l’impasto in due parti, di cui l'una leggermente più grande dell'altra.
Stendere le due porzioni di impasto col mattarello e spalmarle con il burro leggermente ammorbidito.
Arrotolarle a formare due rotoli e poi avvolgerli, separatamente a lumaca. Avvolgere le "lumache" nella pellicola di plastica e far lievitare in frigorifero per un paio d'ore.

Intanto preparare la crema per la farcitura: stemperare l'uovo con lo zucchero e l'amido, unire un po'  di latte tiepido, mescolare bene, aggiungere il latte restante e portare il composto su fiamma bassa, mescolando di continuo. Portate fino alla prima ebollizione, spegnere il fuoco e lasciare raffreddare.

Ritirare l'impasto dal frigorifero e stendere le due porzioni, in due sfoglie dello spessore di circa mezzo centimetro. Adagiare il primo strato di sfoglia nella teglia (ho usato una teglia dal diametro di 24 cm); farcirla con crema e amarene e poggiare sopra il secondo strato, che dovrebbe essere leggermente più grande del primo; "rimboccarlo" sotto, infilando i lembi della sfoglia verso il fondo. Spennellare con il tuorlo d'uovo sbattuto e infornare alla temperatura di 180° C, facendo cuocere per circa mezz'ora.
Cospargere con zucchero a velo oppure lucidare con lo sciroppo di zucchero.

crema e amarena

Commenti

  1. quando si parla di dolci le barriere linguistiche ci fanno un baffo! questa brioche non la conoscevo, grazie!
    (adoro il tocco napoletano che aggiungi a tutte le preparazioni :* )

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.