Passa ai contenuti principali

Ricotta hotcakes e spinaci di Ottolenghi

E' la mia prima ricetta di Yotam Ottolenghi questi Ricotta hotcakes.
Una curiosità crescente per il suo genere di cucina così diverso da quello cui sono abituata e verso cui sino ad oggi, ero stata abbastanza scettica, insieme alle insistenze delle amiche gourmet, mi hanno portato a provare. E intanto, per iniziare col piede giusto, ho scelto una ricetta vicina ai miei gusti, da me non ci si poteva aspettare la rivoluzione all'improvviso!
E quindi, ricotta di bufala, olio evo, aceto balsamico di Modena IGP invecchiato ed in più un piccolo antefatto: dopo tanti anni, con mia sorella Marzia, abbiamo strappato un fazzoletto di terra, letteralmente un pezzetto di tre metri per tre, di fertilissima terra vesuviana, al giardino di fiori e prato. Tra gli ortaggi seminati prima della gelata, all'interno di un mini recinto anti Marec che tanta ilarità ha suscitato, gli spinaci, buonissimi (e non perché sono i nostri).
Allora, per valorizzarli velocemente ed anche perché pensando pensando, gli spinaci stavano fiorendo, ecco trovata la ricetta dei pancakes, anzi i Ricotta hotcakes di Y. Ottolenghi. 
Ho colto anche l'occasione per inaugurare un'altra padella della mia serie personalizzata (con tanto di firma)  #nontoccatemilapadella.


Ingredienti per quattro porzioni:
  • 220 g di ricotta di bufala
  • 3 cucchiai di parmigiano e pecorino grattugiati
  • 125 g di latte
  • 2 uova (bio)
  • 80 g di farina 00 
  • 1 cucchiaino di lievito chimico
  • 30 g d'olio extra vergine d'oliva 
  • 150 g di pomodorini rossi
  • 2 cucchiaio d'olio evo
  • sale e pepe nero q.b.
  • 1 spicchio d'aglio
  • aceto balsamico invecchiato 12 anni q.b.
  • 200 g di foglioline di spinaci (bio)
  • 30 g di pinoli
 
Procedimento:

preriscaldare il forno a 150° C. Tagliare i pomodorini rossi a metà (ho usato quelli col pizzo ma le primizie di serra sennò la ricetta di Ottolenghi saltava proprio) e condirli in una ciotola con un filo d'olio evo e sale. Sistemarli su una teglia ed infornarli per un'oretta, fino a quando assumeranno un aspetto appassito.

In una ciotola, mescolare la ricotta, i formaggi grattugiati, il latte ed i tuorli d'uovo, unire la farina e il lievito (oppure la farina autolievitante) e meno di mezzo cucchiaino di sale fino. Mescolare fino ad ottenere una pastella uniforme. Versare i bianchi d'uovo in un'altra ciotola e batterli fino ad avere una spuma non completamente ferma; unire all'impasto di ricotta, mescolando delicatamente.

Riscaldare un'ampia padella (#nontoccatemilapadella) ben oliata. Farci cadere due o tre cucchiai di pastella e livellarla, per cercare di modellare dei pancake rotondi di circa 1 cm di spessore e 10 cm di diametro (io ho adoperato un coppa pasta oliato per dare la forma). Cuocere un paio di minuti per lato, fino a doratura. Tenere in caldo e ripetere con la pastella rimanente.

Condire metà delle foglioline di spinaci con sale ed olio. L'altra metà, saltarla in padella con aglio ed olio e peperoncino. Servire due pancake caldi per persona, con gli spinaci cotti e con l'insalata di spinaci crudo, i pomodorini, i pinoli tostati in padella per pochi minuti e condire con qualche goccia di aceto balsamico. 

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…