Passa ai contenuti principali

Ricotta hotcakes e spinaci di Ottolenghi

E' la mia prima ricetta di Yotam Ottolenghi questi Ricotta hotcakes.
Una curiosità crescente per il suo genere di cucina così diverso da quello cui sono abituata e verso cui sino ad oggi, ero stata abbastanza scettica, insieme alle insistenze delle amiche gourmet, mi hanno portato a provare. E intanto, per iniziare col piede giusto, ho scelto una ricetta vicina ai miei gusti, da me non ci si poteva aspettare la rivoluzione all'improvviso!
E quindi, ricotta di bufala, olio evo, aceto balsamico di Modena IGP invecchiato ed in più un piccolo antefatto: dopo tanti anni, con mia sorella Marzia, abbiamo strappato un fazzoletto di terra, letteralmente un pezzetto di tre metri per tre, di fertilissima terra vesuviana, al giardino di fiori e prato. Tra gli ortaggi seminati prima della gelata, all'interno di un mini recinto anti Marec che tanta ilarità ha suscitato, gli spinaci, buonissimi (e non perché sono i nostri).
Allora, per valorizzarli velocemente ed anche perché pensando pensando, gli spinaci stavano fiorendo, ecco trovata la ricetta dei pancakes, anzi i Ricotta hotcakes di Y. Ottolenghi. 
Ho colto anche l'occasione per inaugurare un'altra padella della mia serie personalizzata (con tanto di firma)  #nontoccatemilapadella.


Ingredienti per quattro porzioni:
  • 220 g di ricotta di bufala
  • 3 cucchiai di parmigiano e pecorino grattugiati
  • 125 g di latte
  • 2 uova (bio)
  • 80 g di farina 00 
  • 1 cucchiaino di lievito chimico
  • 30 g d'olio extra vergine d'oliva 
  • 150 g di pomodorini rossi
  • 2 cucchiaio d'olio evo
  • sale e pepe nero q.b.
  • 1 spicchio d'aglio
  • aceto balsamico invecchiato 12 anni q.b.
  • 200 g di foglioline di spinaci (bio)
  • 30 g di pinoli
 
Procedimento:

preriscaldare il forno a 150° C. Tagliare i pomodorini rossi a metà (ho usato quelli col pizzo ma le primizie di serra sennò la ricetta di Ottolenghi saltava proprio) e condirli in una ciotola con un filo d'olio evo e sale. Sistemarli su una teglia ed infornarli per un'oretta, fino a quando assumeranno un aspetto appassito.

In una ciotola, mescolare la ricotta, i formaggi grattugiati, il latte ed i tuorli d'uovo, unire la farina e il lievito (oppure la farina autolievitante) e meno di mezzo cucchiaino di sale fino. Mescolare fino ad ottenere una pastella uniforme. Versare i bianchi d'uovo in un'altra ciotola e batterli fino ad avere una spuma non completamente ferma; unire all'impasto di ricotta, mescolando delicatamente.

Riscaldare un'ampia padella (#nontoccatemilapadella) ben oliata. Farci cadere due o tre cucchiai di pastella e livellarla, per cercare di modellare dei pancake rotondi di circa 1 cm di spessore e 10 cm di diametro (io ho adoperato un coppa pasta oliato per dare la forma). Cuocere un paio di minuti per lato, fino a doratura. Tenere in caldo e ripetere con la pastella rimanente.

Condire metà delle foglioline di spinaci con sale ed olio. L'altra metà, saltarla in padella con aglio ed olio e peperoncino. Servire due pancake caldi per persona, con gli spinaci cotti e con l'insalata di spinaci crudo, i pomodorini, i pinoli tostati in padella per pochi minuti e condire con qualche goccia di aceto balsamico. 

Commenti

  1. Ti è piaciuta questa prima ricetta di Ottolenghi?
    sono felice che tu ti sia avvicinata a lui, a me piace tanto per l'approccio rispettoso e di valorizzazione degli ingredienti, in particolare vegetali.
    Hai trovato un bel modo di rendere giustizia ai tuoi primi spinaci! Come sai io sono nata contadinella e le piccole autoproduzioni mi fanno spuntare la lacrimuccia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tutta colpa tua e dei tuoi link, cara Valentina.
      Grazie per avermi tentato o iniziato a Yotam

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.