Passa ai contenuti principali

Ricotta hotcakes e spinaci di Ottolenghi

E' la mia prima ricetta di Yotam Ottolenghi questi Ricotta hotcakes.
Una curiosità crescente per il suo genere di cucina così diverso da quello cui sono abituata e verso cui sino ad oggi, ero stata abbastanza scettica, insieme alle insistenze delle amiche gourmet, mi hanno portato a provare. E intanto, per iniziare col piede giusto, ho scelto una ricetta vicina ai miei gusti, da me non ci si poteva aspettare la rivoluzione all'improvviso!
E quindi, ricotta di bufala, olio evo, aceto balsamico di Modena IGP invecchiato ed in più un piccolo antefatto: dopo tanti anni, con mia sorella Marzia, abbiamo strappato un fazzoletto di terra, letteralmente un pezzetto di tre metri per tre, di fertilissima terra vesuviana, al giardino di fiori e prato. Tra gli ortaggi seminati prima della gelata, all'interno di un mini recinto anti Marec che tanta ilarità ha suscitato, gli spinaci, buonissimi (e non perché sono i nostri).
Allora, per valorizzarli velocemente ed anche perché pensando pensando, gli spinaci stavano fiorendo, ecco trovata la ricetta dei pancakes, anzi i Ricotta hotcakes di Y. Ottolenghi. 
Ho colto anche l'occasione per inaugurare un'altra padella della mia serie personalizzata (con tanto di firma)  #nontoccatemilapadella.


Ingredienti per quattro porzioni:
  • 220 g di ricotta di bufala
  • 3 cucchiai di parmigiano e pecorino grattugiati
  • 125 g di latte
  • 2 uova (bio)
  • 80 g di farina 00 
  • 1 cucchiaino di lievito chimico
  • 30 g d'olio extra vergine d'oliva 
  • 150 g di pomodorini rossi
  • 2 cucchiaio d'olio evo
  • sale e pepe nero q.b.
  • 1 spicchio d'aglio
  • aceto balsamico invecchiato 12 anni q.b.
  • 200 g di foglioline di spinaci (bio)
  • 30 g di pinoli
 
Procedimento:

preriscaldare il forno a 150° C. Tagliare i pomodorini rossi a metà (ho usato quelli col pizzo ma le primizie di serra sennò la ricetta di Ottolenghi saltava proprio) e condirli in una ciotola con un filo d'olio evo e sale. Sistemarli su una teglia ed infornarli per un'oretta, fino a quando assumeranno un aspetto appassito.

In una ciotola, mescolare la ricotta, i formaggi grattugiati, il latte ed i tuorli d'uovo, unire la farina e il lievito (oppure la farina autolievitante) e meno di mezzo cucchiaino di sale fino. Mescolare fino ad ottenere una pastella uniforme. Versare i bianchi d'uovo in un'altra ciotola e batterli fino ad avere una spuma non completamente ferma; unire all'impasto di ricotta, mescolando delicatamente.

Riscaldare un'ampia padella (#nontoccatemilapadella) ben oliata. Farci cadere due o tre cucchiai di pastella e livellarla, per cercare di modellare dei pancake rotondi di circa 1 cm di spessore e 10 cm di diametro (io ho adoperato un coppa pasta oliato per dare la forma). Cuocere un paio di minuti per lato, fino a doratura. Tenere in caldo e ripetere con la pastella rimanente.

Condire metà delle foglioline di spinaci con sale ed olio. L'altra metà, saltarla in padella con aglio ed olio e peperoncino. Servire due pancake caldi per persona, con gli spinaci cotti e con l'insalata di spinaci crudo, i pomodorini, i pinoli tostati in padella per pochi minuti e condire con qualche goccia di aceto balsamico. 

Commenti

  1. Ti è piaciuta questa prima ricetta di Ottolenghi?
    sono felice che tu ti sia avvicinata a lui, a me piace tanto per l'approccio rispettoso e di valorizzazione degli ingredienti, in particolare vegetali.
    Hai trovato un bel modo di rendere giustizia ai tuoi primi spinaci! Come sai io sono nata contadinella e le piccole autoproduzioni mi fanno spuntare la lacrimuccia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tutta colpa tua e dei tuoi link, cara Valentina.
      Grazie per avermi tentato o iniziato a Yotam

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

Casatiello dolce di Pasqua con la ricetta di nonna Elisabetta

Il casatiello dolce , è un dolce pasquale molto apprezzato in casa nostra e si prepara tradizionalmente, solo a Pasqua. Ha una consistenza leggermente asciutta, così come può esserlo un dolce antico e per questa sua caratteristica, si conserva a lungo.  In famiglia ne prepariamo due versioni, una che viene tramandata dalla famiglia materna ed una da quella paterna .  Secondo me, sono tutte e due buonissime, non riesco a preferirne una all'altra, per cui, nel dubbio, le preparo entrambe, nonostante nel periodo pasquale la casa sia piena di pastiere , casatielli ,  pizze piene , etc. etc. Questa versione è quella della nonna materna, la nostra amata nonna Elisabetta , ottima e fine cuoca, abilissima coi dolci, che tante cose buone ci ha insegnato a preparare e ci preparava. Ingredienti: 800 g di farina 00 (meglio se forte) 300 g di criscito (o lievito madre in forza ) 400 g di zucchero semolato 8 uova (più 2 albumi per la glassatura) 200 g burro 150 g di uvetta 200 g ce