Passa ai contenuti principali

Conchiglioni incaciati coi cocozzielli

"Conchiglioni incaciati con zucchine (cocozzielli), il loro fiore maschio, fior di latte e menta fresca"

E' una pasta al forno, farcita con le nostre zucchine dell'orto.
Si può preparare anche in anticipo, per essere infornata per una veloce cottura e gratinatura, poco prima d'essere consumata. E' una pietanza semplice, genuina, saporita, senza fritture.
Già avevo provato ad incaciare i paccheri e sulla scorta di quelli, ho preparato questi conchiglioni al profumo di menta.

Un piccolo inciso, a quasi trecento post, oggi sono cinque anni di blog.



Ingredienti per due persone:
  • n. 10 conchiglioni
  • n. 2 zucchine piccole
  • n. 4 fiori (maschi) di zucchina
  • 50/60 g di cacio grattugiato (pecorino romano e parmigiano reggiano 36 mesi)
  • mezzo cipollotto fresco
  • una fetta di fior di latte da 100 g circa
  • un paio di rametti di menta fresca
  • olio evo q.b.
  • olio evo alla menta q.b
Preparazione:


lessare i conchiglioni al dente, scolarli e condirli con un filo d'olio evo. Intanto, far "sudare" il cipollotto in olio evo su fiamma bassissima. Unire le zucchine tagliate sottili, aggiustare di sale e far stufare. Tagliare a striscette il fior di latte, tenuto almeno un giorno in frigo.
Con le zucchine tiepide, farcire i conchiglioni, poi unire il fior di latte e quindi, "impanare" nei formaggi grattugiati i conchiglioni e sistemarli in una teglietta da forno. Fare lo stesso coi fiori di zucchina (non quelli attaccati alla zucchina) e metterli in un'altra teglietta.
Infornare per una quindicina di minuti alla temp. di 200°C o fino a quando il conchiglione risulterà dorato (i fiori cuociono molto prima).
Sistemare i conchiglioni caldi ed i fiori nel piatti da portata. Finire irrorando con un filo d'olio alla menta (*), foglioline di menta fresca e pepe nero.

 (*) olio alla menta:  in un pentolino versare 100 g di olio evo e portarlo fin quasi al bollore; immergervi 5 grammi di menta fresca, spegnere e far riposare, quindi, filtrare e conservare in vetro.


Commenti

  1. Fantastici e fantastica ,ricette semplici,buonissime e di effetto...bravissima!!!!!!

    RispondiElimina
  2. ti ho già detto che questi conchiglioni mi fanno impazzire, che i fiori sono peggio delle caramelle, ma ora sono qui per fare gli auguri al tuo blog, perchè è sempre più bello vivo e interessante! Ad maiora, Maria, nel tuo caso è proprio vero!

    RispondiElimina
  3. Complimenti maria che diventi sempre più brava.

    RispondiElimina
  4. una cosa che devo provare assolutamente
    nel frattempo tanti auguri al blog più funiculì funiculà del web 😘

    RispondiElimina
  5. anch'io nuovo arrivato mi associo agli auguri per il blog e faccio i miei complimenti per le ricette sempre particolari interessanti e tutte da sperimentare.Grazie Maria

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Papaccelle napoletane ricce imbottite ('mbuttunate)

Sono tra gli ortaggi estivi che più mi piacciono e questa è la loro stagione. Parlo della papaccella napoletana (papaccella riccia), che è diventata anche un presidio Slow Food nel 2004.
E'
una varietà di peperone, dalla pezzaturapiccola, variamente colorata di giallo sole, di verde e di rosso intenso o vinato, tipicamente coltivata nelle zone del napoletano e del vesuviano. Queste in foto sono papaccelle  biologiche che coltiva mia zia Anna nel suo terreno a Napoli.

A me piacciono cucinate in ogni maniera: a minestrina, in padella, stufate con olive e capperi, nella cianfotta, con la pasta oppure crude nelle insalate, quando si trovano fresche, in estate.
Nella stagione invernale, quando si trovano solo sott’aceto, sono utilizzate nell’insalata di rinforzo a Natale o soffritte come contorno della carne di maiale nei mesi più freddi (e lì ci sta bene anche qualche papaccella piccante o forte).

Questa versione della papaccella ‘mbuttunata(imbottita), è quella che più preferisco ed …