Passa ai contenuti principali

In fondo è rosso, pomodoro e pasta in coppa




Il tema della quarta edizione del contest di MySocialRecipe e La Fiammante, è tutto contenuto nel titolo Sani e Mediterranei”.
Poiché la mia maestra delle elementari ce lo ricordava sempre:”Non andate fuori tema!”, volendo partecipare al Contest, mi sono impegnata nel seguire pedissequamente il tema assegnato, esprimendomi in una ricetta accessibile, un piatto POP, mediterraneo, leggero.

Il Pomodoro rosso come protagonista principale e per la precisione, conserva al naturale di “Pomodorino del piennolo del Vesuvio dop”, un concentrato di gusto e sapori, che in questo tipo di conservazione, mantiene intatte se non migliorate, tutte le sue proprietà nutrizionali.

In fondo è rosso” è più che un piatto, una coppa di pomodoro e pasta, nata pensando alla coppetta di gelato, da consumare all'aria aperta, da portare a passeggio o vicino ad un buffet, ricca di pomodoro, cremosa di ricotta, calda di pasta appena cotta nel sugo, con un goccio di salsa nascosto sul fondo, la delizia da gustare per ultima, affondandoci la posata.



Ingredienti per 2 persone:
  • n. 1 barattolo di Pomodorino del piennolo del Vesuvio dop in conserva al naturale
  • 60 g di fusilli lunghi col buco
  • 100 g di ricotta di pecora
  • olio extra vergine d’oliva q.b.
  • qualche fogliolina di origano fresco
Procedimento:
scolare i pomodorini dal loro liquido di conservazione, passarli attraverso un setaccio, frullandoli col minipimer. La passata che se ne ricaverà è come vellutata. Farla cuocere a fiamma bassa, con una presa di sale ed un filo d’olio evo, per una ventina di minuti circa, aggiungendo una foglia di basilico a fine cottura.
Setacciare la ricotta, rendendola cremosa.
Cuocere i fusilli lunghi col buco, per metà del tempo riportato sulla confezione e passarli nel sugo dove se ne continuerà la cottura, al dente, aggiungendo, mano a mano, l’acqua di cottura della pasta stessa.

Composizione:
sul fondo della coppa, versare un cucchiaio di salsa, quindi, formare, aiutandosi con una spatola, uno strato di crema di ricotta, livellare, adagiare in cima, un gomitolo di fusilli ben conditi e caldi e guarnire con qualche fogliolina di origano fresco, in mancanza del basilico.



Con questa ricetta partecipo al Contest Pomorosso d’Autore – Sani e Mediterranei, realizzato da MySocialRecipe in collaborazione con La Fiammante” 
#pomorosso2019 
#saniemediterranei 
#mysocialrecipe 
#lafiammante

Commenti

Post popolari in questo blog

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…