Passa ai contenuti principali

Riccioli di pasta e Peperoni arrostiti, ovvero peperoni ripieni di pasta


Adoro i peperoni arrostiti in forno a legna, come da tradizione, perché conservano quel leggero profumo di affumicatura, sono corposi e saporiti. 
Questi che ho usato nella preparazione del piatto, sono stati pelati interi, quindi sono più facilmente digeribili ed io li trovo ottimi per la preparazione di molti piatti, tipo questo ad esempio. 
Stavolta li ho usati a mo' di contenitore per una pasta di grano duro dal formato riccioluto, gratinata leggermente in forno, un primo piatto vegetariano. Devo confessare che usando questi peperoni arrostiti, non è mai stato così' semplice e veloce preparare i peperoni ripieni. 

Ingredienti per 2 porzioni:
  • n. 1 scatola di peperoni arrostiti La Fiammante
  • 120 g di fusilli lunghi col buco, pasta di Gragnano IGP
  • olive nere di Gaeta, una decina
  • capperi piccoli di Pantelleria, una ventina
  • uno spicchio d’aglio
  • olio extra vergine d’oliva q.b.
  • fior di latte di Agerola, una fetta
  • Provolone del Monaco Dop q.b.
  • un pizzico d’origano
Procedimento:
scolare i peperoni arrostiti e conservarne il liquido; in un tegame far appena imbiondire l’aglio nell'olio extra vergine d’oliva, unire un peperone sfilettato, i capperi dissalati e le olive snocciolate, aggiungere un pizzico d’origano; calare i fusilli ricci col buco in abbondante acqua salata portata all'ebollizione e dopo circa tre - quattro minuti, spostarli nel tegame coi peperoni conditi e continuare fino ad una cottura al dente, aggiungendo l’acqua di cottura della pasta stessa, poca per volta, come a cuocere un risotto e l'acqua dei peperoni che si era tenuta da parte; unire il fior di latte a cubetti alla pasta e farcire i peperoni arrostiti, come nella prima foto, oppure, sistemare in un coppa pasta, poggiato su una teglietta ricoperta con carta forno, le  falde di peperone arrostito e la pasta condita; i peperoni interi andranno sistemati in recipienti monoporzione appena unti d'olio, adatti alla gratinatura in forno; prima di infornare, cospargere con Provolone del Monaco grattugiato. Far gratinare per una decina di minuti.


Commenti

Post popolari in questo blog

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…