Passa ai contenuti principali

Strangulaprievete o gnocchi al ricordo dei peperoni al gratin


E' il profumo del legno che arde che resta nei peperoni arrostiti  e preparati al gratin che mi piace moltissimo. I peperoni al gratin sono un secondo o contorno tipico e molto comune, della tradizione napoletana.
E per ritrovare quei sapori che per questo piatto, ho voluto usare i peperoni arrostiti rigorosamente in forno a legna e pelati interi, che restano di una straordinaria consistenza corposa. Io uso i Peperoni arrostiti La Fiammante, di cui ho seguito la produzione durante l'educational tour nel loro stabilimento di Buccino (Sa).
Con le olive nere di Gaeta, i capperi (di Pantelleria), uno spicchio d'aglio, un po' di prezzemolo fresco e di origano ed il pane grattugiato, si crea un'armonia di sapori, tutti perfettamente integrati, e caratterizzati dalla croccantezza della crosticina superiore tipica del gratin (detto anche a Napoli grattè).

Allora, per farne un primo piatto che ne conservasse tutti i sapori, ho pensato di preparare gli "Strangulaprievete (gnocchi) al ricordo dei peperoni al gratin".

A ricordare il "gratin" ho preparato un craquelin saleè con il pane grattugiato. Alle olive nere t.q. ho preferito utilizzare la polvere di olive nere di Gaeta,  con un spore più marcato e concentrato, che avevo già provato qui.

Questa la ricetta per preparare due pozioni:
per chi se ne serve (cit.):


Per il condimenti di peperoni:

i peperoni, che sono già arrostiti e pelati, li ho sfilettati in striscioline lunghe e saltati in padella con olio evo, aglio, prezzemolo, un pizzico di origano ed i capperi.

Per gli strangulaprieveti:

Una volta portati quasi all'ebollizione 200 ml di acqua con un cucchiaio di olio evo ed un pizzico di sale, ho unito 130 g di semola rimacinata (la quantità di semola dipende dalla capacità di assorbimento dello sfarinato) ed ho mescolato vigorosamente. Ho rovesciare l'impasto, che era caldissimo, su un ripiano cosparso di semola ed ho impastato per uniformarlo qualche minuto. 
Dall'impasto, ho ricavato dei bastoncelli spessi mezzo centimetro e ne ho tagliato piccoli cilindretti di circa un centimetro ognuno.
A me piace lasciare l'impasto abbastanza morbido, anche se gli strangulaprievete risulteranno così, abbastanza delicati o fragili.
Mano a mano che li preparavo, li ho disposti ad asciugare, su di un vassoio cosparso con pochissima semola. 
Dopo mezz’ora, ho portato all'ebollizione l’acqua in una pentola capiente, ho salato ed ho versato gli strangulaprievete, pochi per volta; appena salivano a galla, ovvero erano cotti, li ho prelevati con una schiumarola e li ho passati nella padella con i peperoni. 

Per la polvere di olive nere:

denocciolare le olive e passarle nel microonde al max della potenza per cicli di trenta secondi ciascuno, fino a disidratarle, quindi ridurle in polvere col macinacaffè.

Per il Craquelin saleè (ricordo di gratin)

Ingredienti:
  • 15 g di burro a t.a.
  • 15 g di  farina 00
  • 15 g pane grattugiato (di San Sebastiano al V.)
  • 1 presa di fior di sale 
  • 1 pizzico di zucchero
impastare tutti gli ingredienti, stendere in sfoglia sottile tra due fogli di carta forno e riporre in freezer. Ritagliare le cialdine con un coppa pasta, nelle misure desiderate e conservare il freezer.
Al momento dell'uso, ancora congelate, infornarle alla temp. di 180° C (mod. ventilato), 
per circa cinque di minuti, fino a leggera doratura.

Disporre gli gnocchetti conditi coi peperoni, nei piatti da portata, cospargere con la polvere di olive nere e con il craquelin sbriciolato. 



Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…