Passa ai contenuti principali

Crostata crema e amarena

Ogni tanto non voglio esimermi dal preparare un dolce e quindi, pensa che ci ripensa finisce che lo preparo sempre alla mia maniera, gusti tradizionali, tanto più che incontrano quelli della sorellina festeggiata. 
Per questa crostata crema e amarena, ho utilizzato sia le mie amarene sciroppate che quelle in confettura preparate pazientemente in giugno.
La pasta frolla alla mandorla l'ho preparata secondo la ricetta di Gianluca Fusto, mentre la crema è quella  del Maestro Sabatino Sirica: in effetti, sono andata sul sicuro.



Ingredienti:
250 g  di burro
190 g  di zucchero a velo (o sottile tipo Zefiro)
70 g  di farina di mandorle
5g  di sale
110 g di uova
130 g di farina per frolla (debole)
370 g di farina per frolla (debole)

Procedimento:
preparare tutti gli ingredienti pesati separatamente.
Portare il burro a t.a. (l'ideale sarebbero 25°C) ed in una planetaria munita di foglia, aggiungervi lo zucchero, le uova; ed unire la farina di mandorla, poi la prima quantità di farina. Terminare l'impasto con la restante farina.
Conservare in frigorifero almeno 3 ore.

Ingredienti: 
500 ml di latte
225 g di zucchero (200 g)
40 g di farina 00
45 g di amido di riso
4 tuorli
1/2 bacca di vaniglia (o buccia di limone)
un pizzico di sale
50 g di panna fresca
30 g di Strega (10 g di rhum)

Procedimento:
In un tegame versare zucchero e farina, l’amido ed un po'di latte, mescolando fino a ottenere una pastella; aggiungere i tuorli e il resto del latte caldo, acui si era unita la bacca di vaniglia o la buccia di un limone. Mettere il tegame su fiamma bassa e mescolare continuamente fino all’ebollizione. Spegnere e quando la crema diventerà tiepida, aggiungere la panna ed il liquore scelto. Versare la crema in un recipiente in vetro, ceramica o acciaio, lasciar raffreddare completamente e conservare in frigo con pellicola alimentare a contatto.

Occorreranno ancora:

amarene sciroppate secondo gusto (a sentimento)
confettura d'amarena, almeno un vasetto
un po' di zucchero a velo

un cerchio microforato 

Montaggio:

Stendere la pasta frolla allo spessore ci circa 3 mm, ritagliare due cerchi ampi quanto la base; passare ai bordi, formando delle strisce, foderare il cerchio microforato precedentemente e imburrato leggermente; pareggiarne la parte superiore ritagliando l’eccesso di pasta frolla con un coltello affilato e poggiare il cerchio microforato appena foderato, su una teglia foderata con carta forno; ora formare la base della crostata poggiando un cerchio di frolla al’interno del bordo microforato, sigillare la base e passare in freezer.
Intanto, portare il forno alla temperatura di 160° C, quindi infornare cuocendo in bianco, fino a leggera doratura.
Infornare anche l’altro cerchio, quello che servirà per coprire la crostata, di dimensioni leggermente minori, intagliandolo sia al centro che su parte della superficie, passandolo sempre prima nel freezer e infornandolo da congelato.
Sfornare e stendere sulla base tiepida, la confettura di amarene. Lasciare raffreddare completamente.
Farcire la base della crostata con la crema pasticcera (mi aiuto con un sac a poche).
Cospargere con amarena sciroppata (ben sgocciolata) tutta la crostata in special modo la parte centrale.
Poggiare il “coperchio” della crostata (che ho cosparso di zucchero a velo) sulla crema e le amarene e tenere in fresco fino al consumo.


Buon compleanno Marzia

Commenti

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.

Zeppole di San Giuseppe al forno:

Per la pasta bignè:

½ litro d’acqua½ cucchiaino di sale2 cucchiaini di zucchero180 grammi di burro 300 grammi di farina 00 (non debole)7-8 uova grandi Procedimento:
1)mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a completo assorbimento. Si posso far incorporare le uova all'impasto, con la frusta a foglia nella plan…

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta secca di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.

Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si ri…