Passa ai contenuti principali

I roccocò napoletani di Natale

Roccocò napoletani di Natale


I roccocò fanno parte dei dolci tipici della tradizione natalizia napoletana, da gustare a fine pasto, accompagnandoli a vini liquorosi o rosoliper l’intero periodo delle feste natalizie. 

Sono caratteristici per la croccantezza (che a volte diventa quasi una consistenza rocciosa), la forma a ciambella ed il profumo di pisto, che è una miscela di spezie tra cui cannella, pepe, noce moscata, chiodi di garofano, anice stellato e semi di coriandolo, da comprare comodamente, in drogheria insieme all'ammoniaca per dolci.

Hanno un’origine comune a molti dolci napoletani, ovvero venivano preparati in convento dalle monache e nello specifico, dalle monache del Real Convento della Maddalena di Napoli, già nel quattordicesimo secolo durante la doinazione angioina. Perfetta commistione tra le varie dominazioni di Napoli, stratificatesi nei secoli come roccia metamorfica, ci si ritrovano le mandorle da influenze arabe e siciliane, così come le spezie, i canditi ed il nome di origine vagamente francese.

La preparazione dei dolci natalizi comincia a partire dall'8 dicembre, il giorno in cui cade l'Immacolata Concezione.
La bozza della ricetta risale ai tempi del forum Gennarino ed è quella di Antonia Rimmel, una variante la si trova qui.

I roccocò, con i mustacciuoli, i raffiuoli semplici e a cassata, i divino amore, la pasta reale, i susamielli e gli struffoli, fanno parte dei dolci napoletani tipici natalizi, a cui spesso si accompagna, a coronamento, la cassata napoletana.

Roccocò napoletani di Natale

Ingredienti per due dozzine:

·         500 grammi di farina 00 di media forza

·         450 g di zucchero semolato

·         300 g di mandorle appena tostate, in parte tritate grossolanamente o pestate

·         10 g di pisto

·         160 g circa di acqua appena tiepida

·         2 g di ammoniaca alimentare o per dolci

·         un pizzico di sale fino

·         le bucce grattugiate di agrumi freschi e non trattati (mandarino, arancia e limone)

·         50 g di cedro e 50 g di scorzetta d’arancia candita tagliati finissimamente

·         1 uovo per la doratura

Procedimento:

unire farina, zucchero, sale, pisto, ammoniaca (o carbonato d'ammonio), poi mandorle, canditi e miscelare; fare la fontana e aggiungere l’acqua nel centro, mano a mano che l’impasto l’assorba, impastando su una spianatoia, ed aiutandosi con una spatola. 

Ad impasto formato, non duro e non appiccicoso, spezzare dei pezzi di impasto da 65 g circa per i roccocò grandi e 30 g circa per quelli più piccini. Formare dei cordoncini di 10 cm circa e sigillarne le estremità unendole come a formare un cerchio o ciambella, leggermente schiacciata. 

Disporre su placche da forno antiaderenti o ricoperte di carta da forno, distanziando i pezzi, spennellare con un uovo battuto e infornare alla temp. di 170° C per una quindicina di minuti o fino a doratura. Fare attenzione a non prolungarne troppo la cottura poiché i roccocò, raffreddandosi, induriscono. 

Personalmente, li preferisco belli croccanti, quelli morbidi nemmeno mi sembrano roccocò, ma attenzione ai denti!

Si conservano a lungo in scatole di latta o al riparo dall'umidità.


Roccocò napoletani di Natale



Commenti

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.