Passa ai contenuti principali

Confettura al microonde col metodo "zia Carmela" alle albicocche vesuviane, fragole, percoche


Albicocche vesuviane
Ho la fortuna di avere delle signore zie, ma una in particolare è anche all'avanguardia in fatto di cucina. Infatti, un giorno mi dice: "La marmellata non la preparo più sui fornelli". E spiega che lei mette in un recipiente di vetro pirex scoperto (il mio misura 20 cm x 20 cm per 7 cm di altezza) 500 g di frutta in pezzi, 200 - 250 g di zucchero, qualche goccia di limone e via nel microonde al massimo della potenza per 10 minuti, quindi apre, mescola, altri 10-15 minuti di cottura (o fino a che il composto si sia asciugato) ed invasa.
That's all folks.

Ecco, ho provato subito anch'io il metodo "zia Carmela", con le fragole e con le albicocche vesuviane, amarene, percoche, pesche, ciliegie, fichi. Ma anche con gli agrumi e coi pomodorini.

Confettura di fragole

Confettura di percoca

Cubetti di percoca in confettura


Solo qualche precisazione:

se la frutta, durante la cottura, dovesse rilasciare troppo liquido, toglierne qualche mestolino oppure prolungarne la cottura, tenendo presente che la cottura stessa, come la quantità di zucchero da aggiungere alla confettura, va sempre modulata di volta in volta, in relazione al tipo di frutta usata ed alla sua consistenza;

dopo aver messo la confettura ancora calda, nei barattoli sterili, per maggior sicurezza nella conservazione, si può passare alla sterilizzazione dei vasetti, ben chiusi, immergendoli completamente un una pentola piena d'acqua, portando all'ebollizione, mantenendola per almeno venti minuti; i vasetti si fanno poi, raffreddare immersi in questa acqua e quindi, conservati in luogo oscuro e asciutto;
una volta aperto un vasetto di confettura, tenerlo in frigo;

se lasciate la frutta tagliata a pezzi grossi, a macerare in frigorifero con lo zucchero dalla sera prima della cottura, questa conserverà di più la forma e diventerà quasi sciroppata.

Commenti

  1. Questa mi era sfuggita !! Che bellezza...e ringraziamo Zia Carmela !

    RispondiElimina
  2. bellissimo......da provare al più presto!!!!!!

    RispondiElimina
  3. proprio avanti, zia Carmela!
    :-)
    grazie!

    RispondiElimina
  4. Proverò a fare la marmellata di fichi con questo metodo...

    RispondiElimina
  5. Mi piace come metodo,veloce rispetto a quello tradizionale,la foto ,mi dice che devo provare,grazie .Ma le albicocche gia' sono abbastanza mature da usare?Brave,molto.

    RispondiElimina
  6. ormai nostro metodo irrinunciabile !!complimenti a zia Carmela.

    RispondiElimina
  7. Fantastica, avevo provato con le albicocche, mancava provare le fragole. Grazie ottima idea.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.

Zeppole di San Giuseppe al forno:

Per la pasta bignè:

½ litro d’acqua½ cucchiaino di sale2 cucchiaini di zucchero180 grammi di burro 300 grammi di farina 00 (non debole)7-8 uova grandi Procedimento:
1)mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a completo assorbimento. Si posso far incorporare le uova all'impasto, con la frusta a foglia nella plan…

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia.

Per il guscio di pasta frolla: 500 g di farina 00200 g di burro2 uova intere1 tuorlo 200 g di zuccheroun pizzico di salebuccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora.
Per il ripieno:

innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro1 cucchiaio di zuccheroun pizzico di salebuccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso.
Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.
Nel caso si stesse usando il grano in barattolo, sarà ne…