Passa ai contenuti principali

Le pesche (percoche) sciroppate

 

Sempre della serie: "In estate mi sento più formichina che cicala", ecco le percoche sciroppate per l'inverno:

Produzione 2015
è da qualche anno che uso la ricetta di Claudia, la signora di cosegolose, ripresa da Teresa De Masi nel forum Gennarino, di cui allego il link qui.

E' essenziale alla riuscita della conserva, il reperimento di percoche sode e profumate, di ottima qualità, saporite, quelle il cui nome, in Campania, viene declinato al maschile, il "percuoco" meglio se col pizzo (con la punta), in estate spesso immerso a fette, in brocche di vino fresco.


Riassumo e  vi riporto la ricetta per brevità:
    • si inizia preparando uno sciroppo, facendo bollire per una decina di minuti, una soluzione composta da 500 g di zucchero in 1 litro di acqua; a freddo si aggiungerà il succo di un limone;
    • in una pentola capace, si portano al bollore 3 litri d'acqua; 
    • si lavano le percoche (un paio di chili) e si tuffano per tre/quattro minuti circa nell'acqua bollente; 
    • si scolano e si passano subito in acqua freddissima, quindi, si sgocciolano; così facendo, a causa dello shock termico causato, la buccia della percoca si dovrebbe staccare più facilmente;
    • si sbucciano quindi, le percoche e si tagliano in quarti, meglio ancora a metà, eliminando il nocciolo;
    • si dispongono nei barattoli sterilizzati (si possono sterilizzare in microonde) sfruttandone al meglio lo spazio interno;
    • completato il riempimento con la frutta, si versa nei barattoli, a colmare tutti gli spazi, lo sciroppo, che sarà a temperatura ambiente;
    • chiusi per bene i barattoli, si fanno bollire a bagnomaria per una ventina di minuti, lasciandoli raffreddare immersi nell'acqua della bollitura.
    • I barattoli di percoche sciroppate, si conservano al fresco ed al buio e vanno consumati entro l'anno. Una volta aperti, vanno conservati tenendoli in frigo per qualche giorno.

    Commenti

    1. Ma tu hai un blog e non lo sapevo???? Che bello e che bella ricetta, volevo proprio provare a farle! Un bacio

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie Pasqualina, ma il blog è in assestamento.
        Sono però riuscita a mettere il link al tuo

        Elimina
      2. Anch'io ti ho aggiunto alla mia blogroll! Sarà un piacere leggerti!

        Elimina
    2. Belle Maria,ma tu le trovi facilmente queste percoche?
      antonia

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Non mi dire che non trovi le percoche! Ti inondo :)))

        Elimina
    3. anche io scopro oggi il tuo blog! In bocca al lupo!!!

      RispondiElimina
    4. Ma ciao!!!!
      Mi sono accorto solo ora che hai aperto un blog!
      In bocca al lupo e...bacioni!!!

      RispondiElimina
    5. A quanto pare non sono l'unica a scoprire solo oggi il tuo blog Maria! Da seguire...per forza! ;)

      RispondiElimina
    6. Maria, ma che bella scoperta, finalmente anche tu hai uno spazio tutto tuo...in bocca al lupo! :-)

      RispondiElimina
    7. Ciao posso sterilizzare i barattolj pronti in microonde?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Non ho mai provato a causa della presenza dei tappi di metallo

        Elimina

    Posta un commento

    Post popolari in questo blog

    Zeppole di San Giuseppe al forno

    Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

    Pasta, patate e provola

    E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

    La pastiera napoletana

    Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.