Passa ai contenuti principali

Bocconcini di baccalà fritti con insalata di rinforzo

 "Bocconcini di baccalà fritti con insalata di rinforzo"

Premesso che il baccalà è merluzzo eviscerato, salato e seccato, a Napoli il filetto di baccalà, la parte più pregiata del merluzzo e ricavata dalla porzione centrale e più alta della groppa del pesce, prende il nome di "mussillo".

Per i bocconcini di baccalà e precisamente di mussillo fritto, tradizionale portata del menù della vigilia di Natale, occorrono per quattro persone:

·         600 g circa di mussillo di baccalà già ammollato
·         farina di grano tenero q.b.
·         abbondante olio di semi di arachide per friggere


Procedimento
Sciacquare il mussillo di baccalà e tagliarlo in cubetti abbastanza regolari di circa quattro cm per lato; spellarli e privarli delle spine; asciugarli bene ed infarinarli accuratamente.
In una padella profonda, portare a temperatura l’olio e friggervi i cubetti di baccalà fino a che risultino uniformemente dorati; asciugare l’olio in eccesso ed eventualmente, aggiustare di sale. Servirli caldi.

In precedenza si sarà preparata l’insalata di rinforzo (nzalata ‘e rinforzo) altra tipica portata del cenone della vigilia di Natale, che a Napoli è notoriamente di magro; questa pietanza andrà ad accompagnare poi, il pranzo natalizio e le tutte le altre festività a seguire. 
Gli ingredienti necessari sono:

·         un cavolfiore bianco napoletano
·         un paio di papaccelle ricce verdi e papaccelle rosse sott’aceto (var. di peperone)
·         sottaceti misti (cd. giardiniera) q.b.
·         50 g di olive nere di gaeta
·         100 g di olive bianche
·         alici sott’olio, tre o quattro
·         oliva extravergine d’oliva
·         aceto di vino bianco
·         un pizzico di sale fino

 Procedimento
Lavare e dividere in cimette il cavolfiore, lessarle in abbondante acqua salata con un po’ d’aceto, facendo attenzione a lasciarle ancora di consistenza croccante, quindi prelevarle con una schiumarola e sistemarle in un piatto affinché raffreddino.
A parte, preparare le papaccelle, tagliandole a spicchietti o a quadratini (brunoise) e fare lo stesso con i sott’aceti misti (carote, sedano, cetriolini, cipolline).
Sistemare le cimette di cavolfiore in un’insalatiera, aggiungendo le olive, le papaccelle, i sottaceti, i filetti d’acciuga e pochissimo sale, se necessario. Condire con aceto ed olio, rimestando molto delicatamente, per non sciupare le cimette.
Lasciar riposare almeno qualche ora prima di servire, perché l’insalata di rinforzo ha bisogno di insaporisi. Si conserva a lungo.
  
In abbinamento a questa portata, Luciano Pignataro mi ha concesso l’onore di consigliarvi:

“A questo piatto della tradizione partenopea non possiamo non abbinare una Falanghina dei Campi Flegrei, bianco elegante e fine, molto bello quello di Contrada Salandra, piccolo viticoltore a Pozzuoli impegnato nel biologico e chiocciola Slow Wine”.


Commenti

  1. A me piace proprio tanto, foto compresa. Che sia un po' terrona inside? :)

    RispondiElimina
  2. Se il maritozzo legge il tuo post mi tormenta... "Ecco (direbbe) QUESTA è l'insalata di rinforzo.... e QUESTO è il baccalà fritto". Lui è avellinese con papà napoletano, per cui questi piatti non mancano mai sulla nostra tavola natalizia (e non). Ma a me non vengono belli come i tuoi, brava!! Grazie e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  3. Da quando vivo qui, ogni anno, si parte mesi prima alla ricerca del baccala' che non e' per niente facile da trovare. Quest'anno invece, una mia carissima amica me l'ha portato e quindi sicuramente sara' anche sulla nostra tavola. Mi piace molto anche la tua presentazione :) Brava!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao Maria, ci è molto piaciuta la tua ricetta. Bàacha è un ristorante di Milano specializzato in baccalà. Ci piacerebbe postare la tua ricetta sulla nostra fanpage, dove naturalmente ti invitiamo.
    Grazie

    RispondiElimina
  5. Grazie Maria, ti pubblichiamo nei prossimi giorni! Buona giornata. :-)

    RispondiElimina
  6. Ecco la tua foto e ricetta Maria! Grazie ancora, teniamoci in contatto. Buon cenone e buon 2013

    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=513711641993492&set=a.217604964937496.61003.211557868875539&type=1&theater

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buon 2013!
      Quando passerò per Milano, verrò a trovarvi

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Papaccelle napoletane ricce imbottite ('mbuttunate)

Sono tra gli ortaggi estivi che più mi piacciono e questa è la loro stagione. Parlo della papaccella napoletana (papaccella riccia), che è diventata anche un presidio Slow Food nel 2004.
E'
una varietà di peperone, dalla pezzaturapiccola, variamente colorata di giallo sole, di verde e di rosso intenso o vinato, tipicamente coltivata nelle zone del napoletano e del vesuviano. Queste in foto sono papaccelle  biologiche che coltiva mia zia Anna nel suo terreno a Napoli.

A me piacciono cucinate in ogni maniera: a minestrina, in padella, stufate con olive e capperi, nella cianfotta, con la pasta oppure crude nelle insalate, quando si trovano fresche, in estate.
Nella stagione invernale, quando si trovano solo sott’aceto, sono utilizzate nell’insalata di rinforzo a Natale o soffritte come contorno della carne di maiale nei mesi più freddi (e lì ci sta bene anche qualche papaccella piccante o forte).

Questa versione della papaccella ‘mbuttunata(imbottita), è quella che più preferisco ed …