Passa ai contenuti principali

Babà salato con chantilly


La mia seconda proposta per #noiCHEESEamo! l'ho preparata con Le Gruyère DOP il formaggio svizzero a pasta compatta, dal sapore deciso ed inconfondibile.


Oltre ai famigerati babà dolci, nel napoletano e quindi anche a casa mia, sita in un ridente paesino di 54.000 abitanti ai piedi del Vesuvio, si preparano i babà salati.
Vi ho pensato subito per questo contest, un babà salato accompagnato da una chantilly di Le Gruyère DOP, decorato con sale nero delle Hawaii
A differenza di quelli dolci, questi babà salati non necessitano di bagna

La ricetta:

ingredienti per i babà salati

per il lievitino:
  • 10 g di lievito di birra
  • 35 g di acqua
  • 50 g di farina di forza
Impasto:
  • 230 g di farina di forza (W 350)
  • 150 g di uova pesate senza guscio
  • 125 g di patate bollite e schiacciate
  • 20 g di zucchero
  • 5 g di sale
  • 65 g di burro + 20 g per ungere gli stampi
Ripieno:
  • 200 g di Le Gruyère DOP a cubetti
Preparazione:
 
Preparare il lievitino versando l'acqua a temperatura ambiente ed il lievito di birra in una ciotola (anche quella dell’impastatrice), aggiungere 50 g di farina e mescolare ottenendo una piccola palla di impasto; coprire con i 230 grammi di farina e lasciarlo lievitare  fino a che la farina si presenterà incrinata in cima.
Aggiungere le uova una per volta, le patate, lo zucchero, il sale e lavorare con la foglia; quando l’impasto sarà formato, aggiungere il burro morbido a pezzetti.
Lavorare l'impasto a velocità media con il gancio della planetaria, fino a che non si scolli dalle pareti dell’impastatrice e comunque fino all’incordatura (almeno 10 -15 minuti).
Aggiungere il Le Gruyère DOP tagliato a dadini ed incorporarli all'impasto aiutandosi col gancio. Formare a palla, coprire lasciar lievitare fino a che l'impasto non raddoppi di volume (il tempo della lievitazione dipende dalla temperatura esterna, orientativamente un’ora e mezza).
Nel frattempo, imburrare gli stampini da babà.
Quando la pasta sarà raddoppiata, sgonfiarla delicatamente e mozzarla (un po' come si vede fare quando preparano le mozzarelle) e metterla direttamente negli stampini da babà imburrati con la chiusura sotto, riempiendoli per metà.
Lasciar lievitare a temperatura ambiente ancora per un paio d’ore o fino a quando l’impasto avrà formato una cupoletta in superficie.
Infornarli per una ventina di minuti a 170 ° C.

Per la Chantilly salata di  Le Gruyère DOP
  • 250 grammi di latte
  • 25 grammi di amido di mais
  • 1 pizzico di sale
  • 1 tuorlo d'uovo
  • 25 grammi di burro
  • 40 grammi di Le Gruyère DOP grattugiato 
  • 250 grammi di panna montata non zuccherata

In un contenitore adatto per il microonde, miscelare l’amido con il sale, unire l'uovo e poco per volta, il latte mescolando con la frusta a mano. Mettere al microonde al massimo della potenza per 2 minuti. Mescolare e di nuovo al microonde al massimo della potenza per altri 2 minuti e così per almeno un'altra volta. Alla fine, quando la crema si sarà addensata, dare un'ultima energica mescolata con la frusta a mano. Poi, a caldo, aggiungere il formaggio grattugiato ed il burro, mescolando fino ad ottenere una crema liscia.
Far raffreddare in frigo.
A freddo, incorporare delicatamente la panna montata e decorare i babà con il sac a poche.


Commenti

  1. Complmenti......una preparazione veramente originale e molto creativa. un caro saluto,peppe.

    RispondiElimina
  2. un babà così non l'ho mai mangiato! davvero interessante!
    quando vuoi passa da me c'è un regalo che ti aspetta! :)
    http://apertopercena.blogspot.it/2014/10/award-very-inspiring-blogger.html

    un saluto,
    Melassa ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pizza piena (chiena) di Pasqua

La ricetta della  pizza chiena  ( ripiena )  di Pasqua , una torta rustica, antica e molto saporita, mi viene tramandata da  nonna Maria , arriva quindi, da Napoli.  Non è molto conosciuta come i suoi parenti stretti e famosi, il casatiello e il tortano, ma da noi in famiglia, viene molto apprezzata. E' molto semplice da preparare.    Ingredienti: 1 kg di impasto per il pane ( tipo quello per il "palatone" preparato con il criscito ) oppure, prepararlo impastando: 660 g di farina 00 di buona qualità, 12 g lievito di birra, 400 g di acqua circa, 4 g sale.  Impastare come d'abitudine e far lievitare fino al raddoppio. 150 g ca. di sugna buona ( quella con l’aroma di alloro )  8 uova fresche 80 g ca di pecorino romano grattugiato 50 g ca di parmigiano stagionato grattugiato pepe nero macinato al momento  Ripieno dal peso totale di 700 g circa composto da  cubetti  di:  salame napoletano provolone semi-piccante c

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto ( panade ) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due per volta, fino a comple