Passa ai contenuti principali

Tartellette con namelaka e uva rosa di Pisticci caramellata

 
La mia ricetta per il primo concorso di cucina e pasticceria  “A ME PIACE FICOTTO organizzato in collaborazione con gli Chef dell' Unione Regionale Cuochi Lucani e con la Food blogger Teresa De Masi scattigolosi.com, ideato per valorizzare i prodotti dell' Azienda Terravecchia di Giovanni Ancona  terravecchiaproduce.com l'ho già inviata ed è il  "Cannolo aperto al Ficotto e suo caramello con Fico rosa di Pisticci caramellato" e  queste tartellette con l'uva rosa di Pisticci caramellata, costituiscono solo un omaggio alla bontà dei prodotti dell'Azienda Terravecchia di Giovanni Ancona.

Le "Tartellette con namelaka e uva rosa di Pisticci caramellata", sono dei semifreddi composti da una base di frolla all'arancia vaniglia, da  una semisfera di namelaka di cioccolato bianco e panna con un cuore di uva rosa di Pisticci caramellata.
Tutti gli elementi che la compongono, possono essere preparati in anticipo ed assemblati poco prima di essere consumati.



Per le basi di frolla:
  • 125 g di farina 00 debole
  • 60 g di burro
  • 40 g di zucchero semolato
  • 13 g di farina di mandorle
  • un pizzico di sale
  • 1 tuorlo d'uovo
  • la buccia di un'arancia grattugiata (per me arancia vaniglia, una varietà dalla polpa dolce e dalla buccia molto aromatica)

 La namelaka dal blog di Pinella:
  • 200 g di cioccolato bianco
  • 2 g di colla di pesce (1 foglio)
  • 125 g di latte
  • 6 g di glucosio
  • 250 g di panna fresca
Occorre ancora:


Procedimento:

Per la namelaka: far fondere il cioccolato bianco al micro onde o a bagnomaria;
sciogliere il glucosio nel latte a caldo, unire il foglio di gelatina fatta ammorbidire per 10 minuti in acqua fredda e poi, strizzato;

aggiungere in tre volte, il latte caldo al cioccolato fuso, mescolando con cura, infine, aggiungere la panna fresca; ottenuta una crema omogenea, metterla una notte in frigorifero.
Il giorno successivo, riempire per metà le semisfere in silicone, poggiare un acino di uva caramellata e completare il riempimento con la namelaka, pareggiare le basi e metterle in freezer ad indurire.

Per le basi di pasta frolla: impastare a mano o in planetaria, tutti gli ingredienti, giusto il tempo che si assemblino. Sigillare l'impasto nella pellicola alimentare e conservare in frigo almeno un'ora
Trascorso questo tempo, stendere l'impasto e ritagliare delle basi aventi circa la stessa grandezza della circonferenza delle semisfere di silicone. Adagiarle su una placca da forno rivestita con la carta apposita e farle riposare in frigo una mezz'ora. Quindi, cuocere in forno alla temperatura di 140 - 150° C per quindici minuti circa oppure fino a quando cominciano a colorirsi. Farle raffreddare e conservarle in una scatola ben chiusa.  

Assemblare le tartellette, appoggiando una semisfera di namelaka, tolta dal freezer almeno un'ora prima di essere servita, su ogni base di frolla e guarnendo con un acino d'uva rosa di Pisticci caramellata.




Commenti

  1. Bellissimo questo dolce, è davvero un piacere guardarlo e, sicuramente, anche mangiarlo! Un bacio e buona Immacolata :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.