Passa ai contenuti principali

Tartellette con namelaka e uva rosa di Pisticci caramellata

 
La mia ricetta per il primo concorso di cucina e pasticceria  “A ME PIACE FICOTTO organizzato in collaborazione con gli Chef dell' Unione Regionale Cuochi Lucani e con la Food blogger Teresa De Masi scattigolosi.com, ideato per valorizzare i prodotti dell' Azienda Terravecchia di Giovanni Ancona  terravecchiaproduce.com l'ho già inviata ed è il  "Cannolo aperto al Ficotto e suo caramello con Fico rosa di Pisticci caramellato" e  queste tartellette con l'uva rosa di Pisticci caramellata, costituiscono solo un omaggio alla bontà dei prodotti dell'Azienda Terravecchia di Giovanni Ancona.

Le "Tartellette con namelaka e uva rosa di Pisticci caramellata", sono dei semifreddi composti da una base di frolla all'arancia vaniglia, da  una semisfera di namelaka di cioccolato bianco e panna con un cuore di uva rosa di Pisticci caramellata.
Tutti gli elementi che la compongono, possono essere preparati in anticipo ed assemblati poco prima di essere consumati.



Per le basi di frolla:
  • 125 g di farina 00 debole
  • 60 g di burro
  • 40 g di zucchero semolato
  • 13 g di farina di mandorle
  • un pizzico di sale
  • 1 tuorlo d'uovo
  • la buccia di un'arancia grattugiata (per me arancia vaniglia, una varietà dalla polpa dolce e dalla buccia molto aromatica)

 La namelaka dal blog di Pinella:

  • 200 g di cioccolato bianco
  • 2 g di colla di pesce (1 foglio)
  • 125 g di latte
  • 6 g di glucosio
  • 250 g di panna fresca
Occorre ancora:


Procedimento:

Per la namelaka: far fondere il cioccolato bianco al micro onde o a bagnomaria;
sciogliere il glucosio nel latte a caldo, unire il foglio di gelatina fatta ammorbidire per 10 minuti in acqua fredda e poi, strizzato;

aggiungere in tre volte, il latte caldo al cioccolato fuso, mescolando con cura, infine, aggiungere la panna fresca; ottenuta una crema omogenea, metterla una notte in frigorifero.
Il giorno successivo, riempire per metà le semisfere in silicone, poggiare un acino di uva caramellata e completare il riempimento con la namelaka, pareggiare le basi e metterle in freezer ad indurire.


Per le basi di pasta frolla: impastare a mano o in planetaria, tutti gli ingredienti, giusto il tempo che si assemblino. Sigillare l'impasto nella pellicola alimentare e conservare in frigo almeno un'ora
Trascorso questo tempo, stendere l'impasto e ritagliare delle basi aventi circa la stessa grandezza della circonferenza delle semisfere di silicone. Adagiarle su una placca da forno rivestita con la carta apposita e farle riposare in frigo una mezz'ora. Quindi, cuocere in forno alla temperatura di 140 - 150° C per quindici minuti circa oppure fino a quando cominciano a colorirsi. Farle raffreddare e conservarle in una scatola ben chiusa.  

Assemblare le tartellette, appoggiando una semisfera di namelaka, tolta dal freezer almeno un'ora prima di essere servita, su ogni base di frolla e guarnendo con un acino d'uva rosa di Pisticci caramellata.




Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…