Passa ai contenuti principali

La Brioche Bouldouk, appena sfogliata




La ricetta per questa graziosa brioche, di divertente realizzazione, l'ho presa qui dove troverete anche un'utile sequenza fotografica dei diversi passaggi ed il rimando alle fonti d'ispirazione. Come si potrà notare dalla foto, è un po' sfogliata, ma la sfogliatura non è quella classica.
 

L'ho modificata pochissimo, ma sostanzialmente la ricetta e gli ingredienti sono questi:
Ingredienti:
- 300 g di farina 00 W 330
- 35 g di zucchero semolato (aromatizzato con la bacca di vaniglia)
- 9 g di lievito di birra fresco
- 150 g di latte intero
- 50 g di burro (bavarese)
- 1 uovo grande
- 1/4 di cucchiaino di sale
- la buccia grattugiata di un agrume (arancia o limone)
- 30 g di burro
- 1 cucchiaio di zucchero di canna

Preparazione:
Sciogliere il lievito di birra fresco nel latte tiepido, aspettare i primi cenni di lievitazione.
Mettere la farina nella ciotola della planetaria ed aggiungere il latte con il lievito, l'uovo, lo zucchero, poi il sale e far impastare con la frusta a foglia o K.
Quando l'impasto sarà formato, aggiungere il burro morbido a pezzetti.
Lavorare l'impasto fino a che non risulti liscio ed omogeneo (eventualmente cambiare la frusta montando il gancio) ed incordare.
Coprire e lasciar raddoppiare di volume in un luogo riparato, impiegherà circa 2 ore in inverno.
Io, non potendo aspettare, ho messo l'impasto in frigo per dodici ore ed al rientro l'ho trovato raddoppiato.
Dividere l'impasto in 4 porzioni di uguale peso.
Dare ad ogni porzione una piega ed arrotondare.
Con il mattarello, su una superficie infarinata, stendere le porzioni di impasto in cerchi simili.
Spennellare i primi 3 cerchi con il burro fuso e freddo e cospargerli con lo zucchero di canna; sovrapporli uno sull'altro, lasciando la superficie dell'ultimo senza burro. Ho fatto riposare un quarto d'ora in frigo.
Stendere la pila di cerchi di impasto in un rettangolo dello spessore di circa mezzo centimetro.
Tagliare con la rotella, otto strisce di pasta; arrotolarle su se stesse e adagiarle in uno stampo foderato con carta forno, del diametro di 20 cm.
Lasciar lievitare fino a quando la brioche sarà bella gonfia (un paio d'ore in inverno), tenendola in un luogo ben riparato.
Cospargere con poco zucchero di canna e cuocere in forno preriscaldato a 170° - 180° C per una mezz'ora (il tempo di cottura varia a seconda del forno).
Si può lucidare con sciroppo di zucchero o cospargere di zucchero a velo
Anche tiepida è buonissima.

L'ho rifatta, spennellata con latte e cosparsa con zucchero di canna, prima della cottura.



Qui con un cucchiaino di lemon curd


Commenti

  1. Simpatica e buona? Cosa chiedere di più a una brioche? Brava Maria, mi hai messo allegria con questo lievitato dal nome strano :)

    RispondiElimina
  2. Mamma mia che splendida visione, complimenti per questa golosissima brioche!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…