Passa ai contenuti principali

Spaghettini aglio e olio su zuppetta di totani

 


Nel parlare del mare, il mio pensiero vola a Marina del Cantone.
Capitava che all'imbrunire, vedessimo partire i pescatori per la pesca dei totani. Laggiù se ne mangiavano spesso, erano freschissimi, perchè Nerano, Maria del Cantone, è famosa per gli spaghetti con le zucchine, ma io la ricordo anche per i totani.
Curiosamente, quando eravamo a Marina del Cantone, per comprare il pesce o almeno un bell'assortimento di pesce e frutti di mare, si doveva salire e fino a Sant'Agata sui due golfi.
Ci andavo con la mitica A112 azzurro metallizzato ed ogni volta era come un rally arrivare fin lì (amo anche guidare).

Per appoggiare il "Si" al referendum del 17 aprile 2016, teso a  vietare il rinnovo delle concessioni a trivellare entro le 12 miglia dalla nostra costa, dall'iniziativa 

ho pensato di rifare una pasta coi totani, da una ricetta dello Chef Alfonso Caputo, che a Marina del Cantone ha ancor oggi il suo ristorante di famiglia, la Taverna del Capitano, oggi ristorante stellato.


Ingredienti per due persone

  • 160 g di spaghettini di Gragnano IGT
  • 250 g di totani puliti
  • 250 g di pomodorini del piennolo in conserva
  • olio evo q.b.
  • uno spicchio d'aglio
  • un pezzettino di peperoncino

Procedimento

Tagliare i totani puliti a listarelle, eslusi i tentacoli, da tenere interi. Far imbiondire l’aglio con l’olio in un pentolino dal fondo spesso o meglio, un pignatiello di terracotta, unire il totano e cuocere per 10 minuti.
Aggiungere la salsa dei pomodorini passati al chinoise e cuocere per altri 10 minuti. Aggiustare di sale.
Preparare in una padella, abbastanza grande da contenere anche la pasta, un fondo con l'olio, uno spicchio d'aglio, un pezzetino di peperoncino piccante e farli appena rosolare, quindi, levarli.

Nel frattempo, portare l’acqua all'ebollizione, salare e cuocere gli spaghettini al dente, scolarli e versarli nella padella con aglio e l'olio, aggiungere un mestolino d'acqua di cottura della pasta e sul fuoco, mescolare aggiungendo ancora un filo d'olio. 

Sul fondo del piatto da portata, mettere la zuppetta di totani ed adagiarvi sopra gli spaghettini aglio e olio.
Ho guarnito con alga di mare, anzichè col prezzemolo.


Condividete sia l’evento che la vostra ricetta, sui social network, usando i seguenti hashtag:
#ilmarelocucinononlotrivello 
#NOtrivSEAfood 
#notrivelle 
#notriv 
#referendum17aprile


E intanto, ecco alcune proposte dai foodblogger che  hanno scelto di sostenere la causa:

da Saporidielisa Insalatina tiepida di seppie e finocchi
da Profumo di mamma Brodetto di pesce e taralli al peperoncino,trivelle e condivisioni
da SosiDolceSalato Cous cous con calamaro

 

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…