Passa ai contenuti principali

Risotto all'assoluto di piselli



L'assoluto di piselli originale dello Chef  Peppe Guida lo trovate registrato qui.

Ho provato a prepararlo anch'io qui, in occasione dell'ultima "sperimentazione collettiva" sul forum Gennarino. 
Inutile far rilevare che il mio piatto e quello dello Chef, si somigliano come il giorno e la notte, ma nonostante tutto, la pasta e piselli era proprio buona: notevolmente rilevanti le differenze tra le consistenze degli ingredienti ed i diversi  sapori, che si apprezzano ad ogni boccone.
Non basteranno mai i miei ringraziamenti allo Chef  Peppe Guida per quanto condivide generosamente con noi e per quanto questo contribuisca alla mia/nostra crescita.

Le dosi indicate nella ricetta originale sono per quattro persone; dividendo equamente le preparazioni, metà le ho destinate alla versione con la pasta  e metà a questo risotto.


Ingredienti per quattro persone 
  • 320 g di riso Carnaroli autentico
  • 100 g caciocavallo
  • 140 g latte intero
  • 800 g di piselli puliti dal baccello (tenere i baccelli più sani da parte)
  • n. 2 cipollotti freschi
  • 110 g di pancetta (ventresca)
  • olio evo q.b.
  • pepe nero q.b.
Preparazione

La preparazione dei vari elementi che compongono il piatto, l'ho distribuita nell'arco di tempo di qualche giorno.
Per la cenere di cipollotto, mettere a bruciare in forno (con il grill acceso) la parte verde tagliata a rondelle dei cipollotti, a 170 gradi C. Una volta che è ben secca, ridurla in polvere sottile con il macina caffè o frullatore. Setacciare e mescolare con un po' di olio evo e pepe nero.

Per la polvere di baccelli dei piselli freschi: mentre si sgranano i piselli, tenerne circa la metà da parte; quindi, lavarli con cura e preparare una farina, sbollentandoli velocemente, tenendo da parte il brodo di cottura e mettendoli a raffreddare in acqua e ghiaccio; scolarli, asciugarli e metterli a seccare in forno a 60 gradi C, fino a quando non appaiano ben secchi (ho impiegato circa 20 minuti al giorno, per tre giorni). Ridurli in polvere con un macina caffè e setacciare.

Preparare l'assoluto di piselli, sbollentandone circa 700 grammi per 3 o 4 minuti e passandoli in acqua e ghiaccio.
In una larga pentola, far sudare i cipollotti tritati con la pancetta tagliata a dadini in poco olio evo, aggiungere i piselli scolati e far stufare per pochi minuti. Portare a cottura, aggiungendo un po' di brodo dei baccelli. Frullare e setacciare.

Preparare la fonduta di caciocavallo, grattugiando il formaggio e facendolo sciogliere lentamente nel latte portato a 60 gradi C., fino a quando non appaia ben cremoso. Passare al setaccio.

Al momento della effettiva preparazione del risotto, ho fatto tostare il solo riso in pentola, senza grassi o fondi, quindi, per portarlo a cottura, ho aggiunto acqua bollente salata, alternandola al brodo di baccelli bollente; al 15° minuto di cottura, ho aggiunto l'assoluto di piselli ed ancora, un mestolino di brodo dei baccelli, portando a cottura. Prima di spegnere, ho aggiunto i pisellini crudi, poi ho mantecato con un filo d'olio ed ho rifinito il piatto, con l' aggiunta della ventresca tagliata a piccoli dadini, con l' olio di cenere di cipollotto e con qualche goccia di fonduta. Per decorare, ho aggiunto qualche fiorellino di salvia e basilico fresco.

Commenti

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.