Passa ai contenuti principali

Risotto all'assoluto di piselli



L'assoluto di piselli originale dello Chef  Peppe Guida lo trovate registrato qui.
Ho provato a prepararlo anch'io qui, senza scuorno, in occasione dell'ultima "sperimentazione collettiva" sul forum Gennarino. 
Inutile far rilevare che il mio piatto e quello dello Chef, si somigliano come il giorno e la notte, ma nonostante tutto, la pasta e piselli era proprio buona: notevolmente rilevanti le differenze tra le consistenze degli ingredienti ed i diversi  sapori, che si apprezzano ad ogni boccone.
Non basteranno mai i miei ringraziamenti allo Chef  Peppe Guida per quanto condivide generosamente con noi e per quanto questo contribuisca alla mia/nostra crescita.

Le dosi indicate nella ricetta originale sono per quattro persone; dividendo equamente le preparazioni, metà le ho destinate alla versione con la pasta  e metà a questo risotto,
"risotto all'assoluto di piselli dello Chef  Peppe Guida"

Ingredienti per quattro persone 
  • 320 g di riso Carnaroli autentico
  • 100 g caciocavallo
  • 140 g latte intero
  • 800 g di piselli puliti dal baccello (tenere i baccelli più sani da parte)
  • n. 2 cipollotti freschi
  • 110 g di pancetta (ventresca)
  • olio evo q.b.
  • pepe nero q.b.
Preparazione

La preparazione dei vari elementi che compongono il piatto, l'ho distribuita nell'arco di tempo di qualche giorno.
Per la cenere di cipollotto, mettere a bruciare in forno (con il grill acceso) la parte verde tagliata a rondelle dei cipollotti, a 170 gradi C. Una volta che è ben secca, ridurla in polvere sottile con il macinacaffè o frullatore. Setacciare e mescolare con un po' di olio evo e pepe nero.

Per la polvere dei baccelli dei piselli freschi, tenerne circa la metà da parte, mentre si sgranano i piselli; poi, lavarli con cura e e preparare una farina, sbollentandoli velocemente, tenendo da parte il brodo e mettendoli a raffreddare in acqua e ghiaccio; scolarli, asciugarli e metterli a seccare in forno a 60 gradi C fino a quando non appaiano ben secchi (ho impiegato circa 20 minuti al giorno, per tre giorni). Ridurli in polvere con un macinacaffè e setacciare.

Preparare l'assoluto di piselli, sbollentandone circa 700 grammi per 3 o 4 minuti e passandoli in acqua e ghiaccio. In una larga pentola, far sudare i cipollotti tritati con la pancetta tagliata a dadini in poco olio evo, aggiungere i piselli scolati e far stufare per pochi minuti. Portare quindi, a cottura aggiungendo un po' di brodo dei baccelli. Frullare e setacciare.

Preparare la fonduta di caciocavallo, grattugiando il formaggio e facendolo sciogliere lentamente nel latte portato a 60 gradi C., fino a quando non appaia ben cremoso. Passare al setaccio.

Al momento della effettiva preparazione del risotto, ho fatto tostare il solo riso in pentola, senza grassi o fondi, quindi, per portarlo a cottura, ho aggiunto acqua bollente salata, alternandola al brodo di baccelli bollente; al 15° minuto di cottura, ho aggiunto l'assoluto di piselli ed ancora, un mestolino di brodo dei baccelli, portando a cottura. Prima di spegnere, ho aggiunto i pisellini crudi, poi ho mantecato con un filo d'olio ed ho rifinito il piatto, con l' aggiunta della ventresca tagliata a piccoli dadini, con l' olio di cenere di cipollotto e con qualche goccia di fonduta. Per decorare, ho aggiunto qualche fiorellino di salvia e basilico fresco.

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…