Passa ai contenuti principali

Vermicelli di riso all' alga lattuga di mare e sugo di totano fujuto

vermicelli di riso
















"Vermicelli di riso all'alga lattuga di mare e sugo di totano fujuto"

La cucina fusion è quanto di più lontano da una che ha un blog come il mio e che si sente “funiculì funiculà inside”, legata talebanamente alle tradizioni, nemmeno entro il perimetro campano, ma entro quello napoletano, con qualche concessione al salernitano, a causa di certe parentele acquisite da oltre un ventennio. Scherzi a parte, il blog a questo mi sta servendo, ad aprire gli orizzonti, a guardare più in là del Vesuvio col monte Somma e del golfo più bello del mondo.
Perché poi, se vogliamo, mangiare in Thailandia o a Bali, ad esempio, mi è piaciuto molto, mai rimasta digiuna: è sempre ed innanzitutto, questione di testa e di stomaco ed avere il coraggio di fare il primo passo. 
Ora, volendo sperimentare un piatto nuovo, fusion appunto, inaugurare le bacchette giapponesi e per misurarmi con l'alga lattuga di mare, ispirandomi liberamente a questa ricetta qui dello Chef Francesco Apreda, ho preparato i "Vermicelli di riso all'alga lattuga di mare e sugo di totano fujuto". 

Per due persone,
occorrono:

500 g di totanetti
500 g di passata di pomodoro   
6 g di alga lattuga di mare in fiocchi Terra Nuova
1 spicchio d'aglio
mezzo peperoncino piccante
prezzemolo, maggiorana, timo limonato q.b.
un pizzico di sale

due nidi di vermicelli di riso
olio evo q.b.

Per prima cosa, preparare il sugo di totanetti:
in un tegame preparare un fondo di aglio, prezzemolo e  peperoncino, aggiungere la passata di pomodoro, i totanetti interi puliti, le alghe, un pizzico di sale ed una volta al bollore, ricoprire con circa un litro di acqua e lasciar sobbollire per circa due ore. Dopo un’ora, togliere i totanetti e continuare la cottura.
Trascorse un paio d’ore, passare il sugo dapprima ad un colino a maglie fini e poi  attraverso una garza.
Portare il sugo al bollore, aggiungere i vermicelli di riso e lasciarli cuocere, girandoli delicatamente e di continuo, impiegheranno circa 4 minuti a cuocersi. Mantecare con un filo di olio evo.

Composizione del piatto:

arrotolare i vermicelli di riso e poggiarli sui piatti da portata, guarnire con le alghe, le foglioline di maggiorana e timo, il sugo ristretto ed eventualmente, qualche cubetto di pane alle alghe fritto nell’olio evo all’aglio.

vermicelli di riso


Ed il totano dove è fujuto (scappato)? Ma nel secondo piatto! Qvvero nella zuppetta di totanetti:

preparare un sughetto con aglio, olio ed una decina di pomodorini del piennolo schiacciati al momento.  Saltarci i totanetti, tagliati a pezzetti e servire accompagnando la zuppetta con un pizzico di alghe sbriciolate e pane alle alghe fritto in olio evo all’aglio. 

totani


alga di mare

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…