Passa ai contenuti principali

Gattò o gateau di patate

Ph E. Lucarini

Una delle più popolari ricette della cucina tradizionale partenopea è il gattò di patate  o gateau di patate, per trasposizione dalla lingua francese. Si narra lo avessero preparato per primi a Napoli, i monzù (da monsieur, signori), cuochi spesso,ma non unicamente, d’origine francese, che lavoravano nel '700 a capo delle cucine della nobiltà napoletana. E’ una “torta” o meglio uno sformato rustico, arricchito da salumi e formaggi, con una golosa crosticina croccante.

Ingredienti per 4 persone:
  •  1 Kg patate (meglio se vecchie e di Avezzano)
  •  2 uova grandi
  • 250 g di formaggi a cubetti ( scamorza, fior di latte, mozzarella, provola, asciutti)
  • 100 g di salame napoletano
  • 80 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • 40 g di formaggio romano grattugiato
  • 90 g di burro circa (60 g + 30 g ca.)
  • 50 g circa di latte
  • sale fino q.b.
  • pepe nero q.b.
  • pane grattugiato  q.b.
Procedimento:
lessare le patate con la buccia, fino a che infilzandole con la forchetta,queste scivolino via; sbucciarle ancora calde, schiacciarle con lo schiacciapatate e; quando saranno ancora un po' calde, tiepide ma non fredde, aggiungere  60 g di burro circa, le uova, i formaggi grattugiati, il sale, il pepe macinato al momento ed il latte, aggiunto poco per volta; mescolare con un cucchiaio, lavorando il composto, fino ad avere un impasto dalla consistenza morbida ed omogenea; a questo punto, aggiungere il salame a cubetti piccoli ed i formaggi a cubetti. Ungere uno stampo  del diametro di 23 cm, (a me piace che venga di spessore alto) o anche delle tegliette mono porzione, con il burro restante e cospargere con il pane grattugiato; riempire con il composto e pareggiarlo  (si può anche intervallare un primo strato di composto, con uno di fette di fior di latte o mozzarella asciutti e chiudere con l’ultimo, di impasto di patate); cospargerne la superficie con del pan grattato, aggiungere qualche fiocchetto di burro ed infornare per una trentina di minuti circa a 180° C e fino a che la superficie del gattò sia bella dorata. Farlo riposare fuori dal forno, affinché si assesti, per una ventina di minuti prima di servirlo caldo.

Commenti

  1. ne avevo sentito parlare di questo famoso gattò ma nn l'ho mai mangiato! io lo faccio un po' diverso, ci metto il prosciutto cotto e il formaggio...buonissimo!!
    baci
    http://i5mondi.com/blog/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

Sciroppo di limone, arancia o mandarino

Nei mesi freddi c'è abbondanza di agrumi in giardino ed io le penso tutte per conservarli, non essendo questi purtroppo, sempre disponibili. Ad esempio, in piena estate, mancano i limoni così come   le arance ed i mandarini, che saranno solo un pallido ricordo.  E allora, mi è venuta in mente quella santa donna di zia Carmela , quella della marmellata o confettura al microonde  quella che in piena estate ci prepara delle limonate da manuale, dissetanti, con quel suo sciroppo sciolto nell'acqua minerale fredda, servito con qualche cubetto di ghiaccio.  Mi sono subito adoperata (mi scuso per le bottigliette non proprio da food blogger)  ed ecco la ricetta  per chi se ne serve (cit.) : spremere il succo dell'agrume che si è scelto, ad esempio dei limoni; filtrarlo, pesarlo ed aggiungervi lo stesso peso, in zucchero semolato. Mettere il liquido in una casseruola, su fiamma moderata, facendo sciogliere lo zucchero nel succo, mescolando, senza far a