Passa ai contenuti principali

Fichi bianchi sciroppati o semi-canditi


Per conservare i fichi neri, che sono compatti e asciutti, uso questa ricetta. Ora, vista la dipartita  del mio albero di fichi neri, in giardino, avendo a disposizione solo fichi bianchi, più grossi e acquosi, ho pensato di semi-candirli, così come faccio coi pomodorini rossi, del piennolo o anche con le scorzette d'agrumi.

Questa è la ricetta,"che non è di chi la scrive ma di chi se ne serve".

Nello specifico, gli ingredienti sono, per  ogni chilo di fichi bianchi interi,  650 grammi di zucchero e 500 g d'acqua.
Il procedimento è molto semplice, solo un po' lungo in termini di tempo:

si raccolgono i fichi scegliendo quelli che non sono ancora a completa maturazioe;
si sciacquano, scartando quelli non perfetti;
si sistemano in un tegame o una casseruola coi bordi alti, senza sovrapporli;
si uniscono lo zucchero e l'acqua e su fiamma bassa si porta all'ebollizione;
al raggiungimento dell'ebollizione, si terrà per circa una decina di minuti; 
si spegne, si copre e si lascia riposare circa sei ore;
si ripete l'operazione (riportare al bollore il tegame scoperto a fiamma bassissima per una decina di minuti) fino a cottura completa.

A seconda della qualità dei fichi e dell'acqua di vegetazione in essi contenuta, saranno necessari circa otto cicli di cottura breve.
I fichi saranno pronti quando, posando una goccia di sciroppo su un piattino freddo ed inclinandolo, questa non colerà.
Appena prima di spegnere la fiamma, si aggiunge il rhum ed infine, si fa raggiungere il bollore e si spegne. 
I fichi si conservano quando sono ancora caldi, in vasetti di vetro sterilizzati. 
Eventualmente, per maggiore sicurezza nella conservazione, si fanno far bollire i vasetti per una mezz'ora, immersi in acqua.



Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…