Passa ai contenuti principali

Scorzette candite di pompelmo rosa, limone e arancia

Scorzette di pompelmi rosa

Avendo a disposizione gli agrumi del nostro giardino di famiglia, in questo periodo dell'anno preparo marmellate e scorzette d’agrumi candite. Premetto che non vengono mai come quelle della pasticceria Pansa di Amalfi, però almeno la soddisfazione di provare ogni anno ad eguagliarle, non me la si può negar.
Sono partita da questa ricetta da gennarino.

Scorzette d'arance

Gli ingredienti necessari sono unicamente agrumi biologici, preferibilmente dalla buccia spessa, zucchero semolato e un po’ di santa pazienza.
 
Con l’aiuto di un coltello affilato, sbuccio gli agrumi lavati accuratamente, tagliando la buccia in senso longitudinale rispetto al picciolo.
Le bucce ricavate, le faccio appena bollire ed una volta sola, dopodiché le scolo e le pulisco dall’albedo, la parte bianca sottostante la superficie della buccia (succede specialmente con i miei pompelmi rosa), le taglio a fettine quanto più possibile regolari e le peso.
In un tegame d’acciaio alto sistemo le bucce e ad esse, aggiungo il doppio del loro peso in acqua e in zucchero (ad esempio per 100 di g scorzette aggiungo 200 g d’acqua e 200 g di zucchero).
Porto il tegame scoperto sul fuoco fino al bollore, ma molto lentamente; faccio sobbollire sempre adagio, per circa cinque minuti, quindi spengo. Lascio il tegame coperto a raffreddare.
Questa operazione si può ripetere anche un paio di volte al giorno, ma in ogni caso, deve essere ripetuta per almeno cinque giorni fino a sette giorni, dipende dallo spessore delle bucce dell'agrume. Verso la fine della canditura, orientativamente al quino giorno, unisco il succo di un limone che mi eviterà la completa cristallizzazione dello zucchero.
Dopo tanto attendere, ad un certo punto, le scorzette diventeranno traslucide e morbide: sono pronte.


Scorzette di limone

Le conservo in vasi di vetro sterilizzati, nel loro sciroppo, ma è possibile anche farle asciugare all’aria qualche giorno su una griglia per poi passarle nello zucchero semolato.

Commenti

  1. bravissima!
    e grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  2. ciao, volevo chiederti se quando dici di ripetere l'operazione bisogna sostituire la miscela di acqua e zucchero o bollire sempre la stessa?
    grazie anticipatamente

    RispondiElimina
  3. ciao, volevo chiederti se quando dici di ripetere l'operazione bisogna sostituire la miscela di acqua e zucchero o bollire sempre la stessa?
    grazie anticipatamente

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

Casatiello dolce di Pasqua con la ricetta di nonna Elisabetta

Il casatiello dolce , è un dolce pasquale molto apprezzato in casa nostra e si prepara tradizionalmente, solo a Pasqua. Ha una consistenza leggermente asciutta, così come può esserlo un dolce antico e per questa sua caratteristica, si conserva a lungo.  In famiglia ne prepariamo due versioni, una che viene tramandata dalla famiglia materna ed una da quella paterna .  Secondo me, sono tutte e due buonissime, non riesco a preferirne una all'altra, per cui, nel dubbio, le preparo entrambe, nonostante nel periodo pasquale la casa sia piena di pastiere , casatielli ,  pizze piene , etc. etc. Questa versione è quella della nonna materna, la nostra amata nonna Elisabetta , ottima e fine cuoca, abilissima coi dolci, che tante cose buone ci ha insegnato a preparare e ci preparava. Ingredienti: 800 g di farina 00 (meglio se forte) 300 g di criscito (o lievito madre in forza ) 400 g di zucchero semolato 8 uova (più 2 albumi per la glassatura) 200 g burro 150 g di uvetta 200 g ce