Passa ai contenuti principali

Scorzette candite di pompelmo rosa, limone e arancia

Scorzette di pompelmi rosa


Avendo a disposizione gli agrumi del mio giardino, in questo periodo dell'anno preparo marmellate e scorzette d’agrumi candite. Premetto che non vengono mai come quelle della pasticceria Pansa di Amalfi, però almeno la soddisfazione di provare ogni anno ad eguagliarle, non me la si può negar.
Sono partita da questa ricetta da gennarino.

Scorzette d'arance

Gli ingredienti necessari sono unicamente agrumi biologici, preferibilmente dalla buccia spessa, zucchero semolato e un po’ di santa pazienza.
 
Con l’aiuto di un coltello affilato, sbuccio gli agrumi lavati accuratamente, tagliando la buccia in senso longitudinale rispetto al picciolo.
Le bucce ricavate, le faccio appena bollire ed una volta sola, dopodiché le scolo e le pulisco dall’albedo, la parte bianca sottostante la superficie della buccia (succede specialmente con i miei pompelmi rosa), le taglio a fettine quanto più possibile regolari e le peso.
In un tegame d’acciaio alto sistemo le bucce e ad esse, aggiungo il doppio del loro peso in acqua e in zucchero (ad esempio per 100 di g scorzette aggiungo 200 g d’acqua e 200 g di zucchero).
Porto il tegame scoperto sul fuoco fino al bollore, ma molto lentamente; faccio sobbollire sempre adagio, per circa cinque minuti, quindi spengo. Lascio il tegame coperto a raffreddare.
Questa operazione si può ripetere anche un paio di volte al giorno, ma in ogni caso, deve essere ripetuta per almeno cinque giorni fino a sette giorni, dipende dallo spessore delle bucce dell'agrume. Verso la fine della canditura, orientativamente al quino giorno, unisco il succo di un limone che mi eviterà la completa cristallizzazione dello zucchero.
Dopo tanto attendere, ad un certo punto, le scorzette diventeranno traslucide e morbide: sono pronte.


Scorzette di limone

Le conservo in vasi di vetro sterilizzati, nel loro sciroppo, ma si può anche farle asciugare all’aria qualche giorno su una gratella per poi passarle nello zucchero semolato.

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…