Passa ai contenuti principali

Fichi neri sciroppati




Questa che segue era la foto del "mio" albero di fichi neri,  una varietà tardiva detta “Natalina”.
Qui era anche un po' troppo folto, ma la perfezione non è di questo mondo e nemmeno del mio giardino. Dopo la potatura, purtroppo, nel 2015, questo mio alberello mi ha lasciata.


In settembre i fichi erano in maturazione:‘nu zucchero! Avevano un sapore che ricordava il miele, la fragola, una vera delizia.


Del resto, già per i romani i fichi costituivano un alimento base per la dieta e accompagnati al pane, formavano un pasto completo. Per mio padre era la colazione preferita in estate. Per me la merenda o lo spuntino, direttamente sotto l'albero.


Per conservarli, uso questa semplice ricetta: 
  • 1 chili di fichi non giunti a piena maturazione
  • 300 grammi  di zucchero semolato
  • un bicchierino di rhum scuro
Si sciacquano i fichi, scartando quelli non perfetti e si mettono interi, ancora bagnati, in una casseruola o meglio in un tegame, senza sovrapporli, affiancati l'uno all'altro. Si copre e su fiamma bassa si porta all'ebollizione. Raggiunto il bollore, i fichi inizieranno a rilasciare l’acqua di vegetazione. A questo punto, si aggiungerà lo zucchero e senza mai girare, si riporterà all'ebollizione per circa una decina di minuti. Si spegne, si copre e si lascia riposare circa sei ore.
Ripetere l'operazione (riportare al bollore il tegame scoperto a fiamma bassissima per una decina di minuti) portando a cottura completa. A seconda della qualità dei fichi e dell'acqua in essi contenuta, ci vorranno circa sei cicli di cottura breve.
I fichi saranno pronti quando, posando una goccia di sciroppo su un piattino freddo ed inclinandolo, questa non colerà.
Appena prima di spegnere la fiamma, aggiungere il rhum. 

Questo è il procedimento da utilizzare quando c'è tempo a disposizione, in caso contrario, si continua la cottura per qualche ora, fino a che lo sciroppo abbia preso consistenza. A volte, per fare ancora più in fretta, si può cuocere al micro onde,  per cicli successivi da  5 minuti ciascuno. Il risultato non sarà lo stesso del procedimento "lento", ma costituisce un ottimo compromesso. 

Mettere i fichi sciroppati ancora caldi, in vasetti di vetro sterilizzati. Far bollire i vsetti pronti, per circa mezz'ora in una casseruola dove saranno stati completamente coperti d'acqua.


I fichi sciroppati si conservano a lungo, un anno, ma lontano dai golosi ed io non dovrei proprio parlare...

Commenti

  1. Questi li devo fare assolutamente.
    antonia

    RispondiElimina
  2. Maro'!!! Quasi quasi vengo a far visita al tuo giardino!!! :)))

    RispondiElimina
  3. Che belli, ma non solo!!!

    RispondiElimina
  4. E questi, quando me li mandi? Prima, durante, o dopo la nevicata? ;-DDDD

    RispondiElimina
  5. non sapevo che si potessero sciroppare ifichi..pensavo fossero troppo morbidi... la foto invece ci mostra qualcosa di...sublime!

    RispondiElimina
  6. Ho alcuni vasi di fichi sciroppati e altri cotti al forno....li adoro ma temo che mi facciano recuperare in un attimo i chili persi con tanta fatica.....potrei portarli al lavoro per farci crostate ma non voglio privarmene....quale atroce dilemma?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dilemmi! :)
      Io faccio un poco e un poco, si sa la virtù sta nel mezzo :D

      Elimina
  7. che belli Maria! La prossima settimana provo la tua ricetta, ha meno zucchero rispetto a quella che uso io,,,così ne magno di più ;)

    RispondiElimina
  8. che buoni!!! devo assolutamente farli, grazie!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.