Passa ai contenuti principali

Kumquat o mandarini cinesi sciroppati o semicanditi

Abbiamo un alberello di kumquat in giardino che ogni anno e da molti anni, ci regala tanti frutti profumati. Lo piantò mio padre e per molto tempo ha avuto solo funzione decorativa. Poi, un giorno in rete trovai questa bella ricetta  che pubblicai anche sul forum di Gennarino

La ricetta l'ho provata con soddisfazione, molte volte negli anni: la consistenza dei kumquat che ne deriva,  è morbida, tra il candito e lo sciroppato.


Ingredienti:
  • 340 g di kumquat
  • 310 g d’acqua
  • 200 g di zucchero semolato
  • ½ cucchiaino di zenzero grattugiato (facoltativo)

Si inizia con il lavaggio e l’asciugatura dei kumquat; quindi, utilizzando un coltello affilato, si tagliano come delle feritoie verticali sul frutto (tra le 3 e le 5 fessure a seconda delle dimensioni del frutto).
I kumquat si bollono per pochi minuti (3 min. ca); si mettono a bagno in acqua fredda (5 min. ca.) quindi si scolano.
Aprendo leggermente una delle feritoie nel frutto e premendo, aiutandosi con uno spiedino di bambù, si tolgono i semi da tutti i frutti.
A parte si porta l'acqua al bollore e si aggiunge lo zucchero. Quando lo zucchero si sarà sciolto, si aggiungono i kumquat. Si riduce il calore e si cuoce a fuoco lento, togliendo la schiuma bianca che a volte si raccoglie in superficie. Si continua a cuocere, sempre a fuoco lento, fino a quando il frutto non diventi lucido e vitreo e lo sciroppo si riduca a coprire a malapena i kumquat.
A questo punto, si trasferisce la frutta e lo sciroppo di un barattolo di vetro (li sterilizzo al microonde).
I barattolini si possono conservare in frigorifero per circa sei mesi, oppure, per un tempo maggiore, sterilizzandoli, a bagnomaria per una ventina di minuti dal bollore.
Una volta che si è aperto un barattolo, conservarlo in frigo.

Commenti

  1. e mica lo sapevo che avevi un blog...

    Questi ce li ho ancora in frigo ;)

    RispondiElimina
  2. Li conosco, li conosco...
    /e l'elenco dei followers, lo vogliamo mettere? :))

    RispondiElimina
  3. anche io mi sono messa tra i tuoi sostenitori, ho visto il tuo blog su fb e la curiosità i ha portata qui...io ho fatto una buonissima marmellata di kumquat, magari la prossima volta proverò questa tua ricetta....comunque dai nomi che leggo non sarai certamente sola, verranno in tanti stai tranquilla...un caro saluto e ben arrivata

    RispondiElimina
  4. Grazie, proprio ieri ho trovato una ricetta per la marmellata di kumquats. Puoi mettere il link alla tua, la vorrei preparare

    RispondiElimina
  5. Non sono foodblogger ma t'inseguo anche io fosse solo per il nome che hai dato al blog,troppo troppo bella la frase che hai scelto!!!!!!!!!!!!!!!!!!Paola.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…