Passa ai contenuti principali

Melanzanine napoletane sott'olio


La melanzana "cima di viola" è un ecotipo tradizionale del napoletano, caratterizzato per avere bacche di particolare forma allungata e ricurva, che presentano la testa più grossa del corpo, un peduncolo leggermente spinoso e la buccia molto lucida, di colore viola scuro.
Alla fine del ciclo colturale, che coincide all’incirca con la fine di settembre, le piante che vengono estirpate, ma portano ancora alcuni piccoli frutti che non sono riusciti a giungere alla giusta dimensione per la raccolta.
Queste piccole melanzane, che raramente si trovano in commercio, vengono recuperate per essere anche conservate sott’olio e per questo tipo di conservazione, la loro lunghezza arriverà al massimo a 6 cm.
Le mie, biologiche, provengono dalla località Tierzo di Napoli.

melanzanine
Il procedimento da seguire per prepararle sott'olio, è il seguente:
le melenzanine vanno lavate, pulite del peduncolo, sciacquate ancora ed intagliate a croce, fino a circa mezzo centimetro dalla punta.
 

Sul fuoco intanto, si porta al bollore, una soluzione di acqua ed aceto di vino, in parti uguali e vi si tuffano le melanzanine. Alla ripresa del bollore, si tirano su velocemente aiutandosi con una schiumarola e si mettono a raffreddare in un colapasta, con un peso sopra.
Si lasciano colare per un'oretta almeno e si strizzano.
 

Dopodichè, si prendono dei vasi in vetro sterilizzati e si riempiono di melanzanine procedendo a strati: sul fondo dopo un giro d’olio evo ed un pizzico di sale fino, si comincia con un primo strato di melanzanine nel cui taglio a croce si è avuto cura di mettere un cappero dissalato; si aggiunge, tra uno strato e l'altro, un pezzettino d’aglio, un pizzico d’origano, un pezzetto di peperoncino piccante fresco, un pizzico di sale; si copre d’olio evo e si continua così fino a riempire completamente il vasetto.
Prima di chiudere i vasi, bisogna controllare che non abbiano bisogno di ulteriori aggiunte di olio (si osservano per 12 ore), quindi si possono conservare per l'inverno.
vasetto

Commenti

  1. Ellerinize sağlık, Çok güzel ve leziz görünüyor.

    Saygılar..

    RispondiElimina
  2. Bello Maria! Ricordo di averle mangiate anni fa in un agriturismo che le produceva e le conservava in questo modo. Mi piacerebbe riuscire a trovarle per poterle preparare nel modo che hai descritto!

    RispondiElimina
  3. Che bontà!
    Puoi aiutarmi a comprendere meglio la preparazione?:
    aglio,peperoncino,origano,sale e cappero,vanno inseriti solo nelle melanzane,vero? e non distribuiti tra uno strato e l'altro come si fa di solito.
    E le melanzane vanno solo messe a scolare o devo anche strizzarle?
    Perdona le domande ma,se le preparo,per me sarebbe la prima volta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle melanzanine tagliate a croce, va un cappero. Gli altri ingredienti vanno distribuiti nel barattolo tra uno stato e l'altro.
      Le melanzane vanno messe a colare con un peso sopra, senza strizzarle.
      Fammi sapere

      Elimina
  4. ....brava Maria, rispolverare e riproporre queste vecchie ricette per conservare i prodotti della nostra terra, oltre a farci ritornare indietro di parecchi anni quando eravamo ragazzini e vedevamo le nostre nonne, che sul finire dell'estate, si organizzavano per preparare le conserve per l'inverno, ci fai riprovare quei gusti semplici persi da tempo...... grazie!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghettino, ma con un diametro minore.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a…