Passa ai contenuti principali

Il ricordo degli stortini al pomodoro


Ogni sabato pomeriggio, si andava dalla nonna in campagna. Nonna coltivava primizie, ortaggi sotto serra. Tornavamo a casa pieni di tutto quello che c’era di buono nei campi, ma solo a me nonna Maria, regalava ogni volta, un pacchetto di  pasta, gli “stortini”. Se li  faceva comprare di proposito. Non dolciumi, ma pasta per la sua prima nipote, avrò avuto quattro anni. 

Durante la settimana, invece, spesso mi mandavano dall'altra nonna, quella di città. Per inciso, mio padre, che aveva uno spiccato senso dello humor, parafrasando la favola del topo di campagna e del topo di città,  ci aveva insegnato a chiamarle in questo modo. E dunque, andando dalla nonna di città, spesso mi portavo dietro la pastina della nonna di campagna, perché pretendevo di cucinarla. I nonni, soprattutto nonno Giovanni, soprintendeva e me lo consentiva. Così, in piedi sulla sedia, imparavo i primi rudimenti della cucina. Innanzitutto, nonno mi portava a scegliere qualche pomodorino dal piennolo appeso fuori al balcone (di fianco a quello delle sorbe); una volta scelti i pomodorini  rossi, questi venivano lavati ed io, già pronta in postazione, li schiacciavo e mettevo in un pentolino d’alluminio piccolo piccolo, ma vero. Con due dita d’acqua, un filo d’olio ed il sale, si andava ad iniziare la cottura. Intanto che bolliva, preparavo la pasta, tre cucchiai di stortini, tutt'al più di tubettini. E potevano pure essere le undici del mattino, appena pronto, volevo mangiare.

Quando poi, mi mandarono all'asilo, cominciai piccolissima, spesso rientravo con le tasche del grembiulino piene di pasta cotta. Interrogata sulla circostanza, rispondevo che mettendola in tasca, la potevo mangiare con calma e quando volevo.

Ora che tutti i protagonisti di questi ricordi non ci sono più, sto facendo il giudice in un contest di cucina dove viene richiesto di abbinare un piatto di pasta, al racconto di un ricordo ad essa legata. Ed è per questo che ho voluto raccontare. I miei stortini al pomodoro, che nel frattempo sono diventati stivalettini, li ho preparati proprio come avrebbe fatto Marietta a casa di nonni, cinquanta anni fa.


Pensando di reinterpretarli ed interrogandomi su come li avrei potuti preparare oggi, ho messo a punto quelli che seguono: sulla base del piatto fondo, sugo caldo, mozzarella e basilico; poi la pastina risottata nel sugo di pomodorini del piennolo; a finire, mozzarella gelata grattugiata e qualche fiorellino di basilico.


Infine, citando i versi di Buongiovanni- Bovio “Lacreme napulitane”, “Mo’ tengo quacche dollaro, e mme pare ca nun só' stato maje tanto pezzente” (comm’è amaro stu ppane).


Commenti

  1. ti ho visto in cucina
    bambina
    in piedi su una sedia
    che schiatti pomodorini
    😍

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.