Passa ai contenuti principali

Pasta e lenticchie napoletana

Le minestre di pasta e legumi sono un tipico primo piatto, molte volte piatto unico perché completo, della dieta mediterranea. Spesso cucinate in settimana e spesso di mercoledì, in molte case napoletane. La pasta e lenticchie è saporita, sana, nutriente ed economica. Si ritrova con più frequenza sulle tavole, in autunno ed in inverno. E’ molto semplice da preparare, forse troppo per essere pubblicata, ma appartiene alla nostra tradizione e non vorrei venisse persa.  Inoltre, è una pietanza vegana. Anche di questo piatto, seppur nella sua semplicità, esistono diverse varianti. In famiglia, le uniche differenze si rilevano sul tipo di lenticchie, da noi sempre piccole tipo quelle di Pantelleria e sull'aggiunta o meno, di quell'unico pomodorino del piennolo. In casa nostra, su tutti i formati di pasta, vinceva sempre lo spaghetto spezzato o in mancanza, la linguina spezzata. Una volta, e qui la chiudo, le lenticchie si scartavano prima della cottura, ovvero si sceglievano una ad una, con una santa pazienza, separandole da eventuali pietruzze, impurità od altri semini; ogni tanto se ne trovava una rosso arancio, una nera. Poi, c'era la storiella di Popeye e del ferro che contengono le lenticchie, tanti ma tanti anni fa.




Vi lascio la ricetta,"che non è di chi la scrive ma di chi se ne serve".

Ingredienti per 2 persone
  • 120 grammi di pasta (tubettini, spaghetti o linguine spezzate)
  • 100 grammi di lenticchie di Pantelleria o di Altamura
  • n. 2 cucchiai d’ olio extravergine d'oliva
  • sale fini q.b.
  • 1 spicchio d'aglio
  • un ciuffetto di prezzemolo
  • un pomodorino del piennolo
Preparazione
Far cuocere le lenticchie secche, ben lavate, in acqua abbondante, a fiamma bassa, fino a che diventino tenere ma non sfatte. A seconda della qualità e varietà delle lenticchie, cambierà il tempo di cottura.
Per velocizzare la cottura di questo legume, che è già più breve rispetto agli altri, le lenticchie possono essere messe a bagno per una mezz’ora, prima della cottura.
In un altro tegame, far soffriggere nell’ olio extra vergine d’oliva, l’aglio ed un pomodorino del piennolo schiacciato, se piace.  Aggiungere le lenticchie cotte, salare, unire un ciuffetto di prezzemolo e portare al bollore. Intanto, scegliere il formato di pasta ed eventualmente, spezzarla, quindi, calarla nelle lenticchie, eliminando l’aglio ed il prezzemolo. Appena si asciugherà l’acqua della minestra, aggiungerne poca per volta, di bollente, sempre mescolando. In questa maniera, andare ad ultimare la cottura. La pasta e lenticchie deve essere “azzeccosa” come si dice dalle mie parti, ovvero legata, non brodosa o lenta e soprattutto bella calda.


Volendo preparare una zuppa, al posto della pasta, mettere alla base del piatto, dei cubetti di pane raffermo su cui versare le lenticchie calde.

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…