Passa ai contenuti principali

'Ndunderi di Minori alla maniera di Elisabetta

'ndunderi

Gli 'ndunderi sono un tipo di pasta  fresca fatta a mano, tipica di Minori della Costiera d'Amalfi (Sa) e venivano preparati tradizionalmente per i festeggiamenti in onore della Patrona Santa Trofimena.

La ricetta è antichissima, pare di origine romana, una variante delle "palline latine" che venivano fatte con "farina caseata" ovvero con farro e latte cagliato. Se ne può leggere qui. Si narra che i pastai di Minori, quelli che nel Settecento si trasferirono a Gragnano per dare origine all’industria della pasta, modificarono la ricetta originaria dello 'ndundero minorese, in un impasto di farina, ricotta, uova, formaggio grattugiato, sale e spezie.

Gli ‘ndunderi si preparano a mano e mia sorella Elisabetta ha imparato molto bene. Li prepara spesso, aromatizzandoli e condendoli in svariate maniere, a seconda delle stagioni e degli ingredienti a sua disposizione. Questi in foto, ad esempio, sono stati conditi con le ultime melanzane a funghetto ed i primi pomodorini del Piennolo, l'inizio e la fine delle stagioni, nella prima domenica del secondo lockdown.

'ndunderi

Gli ingredienti per due porzioni abbondanti sono:

  •     130 g di ricotta
  •         1 uovo medio
  •         un pizzico di sale, uno di pepe
  •         un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato
  •         un cucchiaio di  pecorino romano grattugiato
  •         farina di grano tenero e duro, 100 g circa in totale

'ndunderi maioresi

Per prepararli si impastano tutti gli ingredienti fino a ricavarne un impasto compatto e morbido, della stessa consistenza degli gnocchi, per intenderci; staccandone dei pezzetti, arrotolare a formare dei cordoncini non troppo sottili, tagliarli a pezzetti (un po' più grandi dei comuni gnocchi), renderli concavi con la pressione delle dita e facendoli scivolare sull’apposita tavoletta rigata in legno detta "pettine" (che Elisabetta mi ha regalato), oppure in mancanza, sui rebbi di una forchetta oppure sulla parte convessa di una grattugia. 

Una volta pronti, cuocere gli 'ndunderi in acqua bollente salata, sino a che salgono a galla, trasferirli in una padella con il condimento (le melanzane a funghetto) e farli insaporire su fiamma viva, aggiungere in ultimo, qualche foglia di basilico fresco e servire.

P.S.: auguri Santa Elisabetta 

Commenti

  1. Come sempre ricette fantastiche. Potresti dirmi che tipo di ricotta o quale sarebbe ideale utilizzare? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tradizionalmente viene usata ricotta di mucca, ma a me piace adoperare anche quella di pecora che dalle mie parti viene chiamata "romana".
      Grazie

      Elimina
  2. Buonasera, grazie per la ricetta! Fatti e mangiati ieri sera;-) avrei una domanda...volendo farli in doppia o tripla dose come mi regolo per le proporzioni tra gli ingredienti?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

Casatiello dolce di Pasqua con la ricetta di nonna Elisabetta

Il casatiello dolce , è un dolce pasquale molto apprezzato in casa nostra e si prepara tradizionalmente, solo a Pasqua. Ha una consistenza leggermente asciutta, così come può esserlo un dolce antico e per questa sua caratteristica, si conserva a lungo.  In famiglia ne prepariamo due versioni, una che viene tramandata dalla famiglia materna ed una da quella paterna .  Secondo me, sono tutte e due buonissime, non riesco a preferirne una all'altra, per cui, nel dubbio, le preparo entrambe, nonostante nel periodo pasquale la casa sia piena di pastiere , casatielli ,  pizze piene , etc. etc. Questa versione è quella della nonna materna, la nostra amata nonna Elisabetta , ottima e fine cuoca, abilissima coi dolci, che tante cose buone ci ha insegnato a preparare e ci preparava. Ingredienti: 800 g di farina 00 (meglio se forte) 300 g di criscito (o lievito madre in forza ) 400 g di zucchero semolato 8 uova (più 2 albumi per la glassatura) 200 g burro 150 g di uvetta 200 g ce