Passa ai contenuti principali

'Ndunderi di Minori alla maniera di Elisabetta

'ndunderi

Gli 'ndunderi sono un tipo di pasta  fresca fatta a mano, tipica di Minori della Costiera d'Amalfi (Sa) e venivano preparati tradizionalmente per i festeggiamenti in onore della Patrona Santa Trofimena.

La ricetta è antichissima, pare di origine romana, una variante delle "palline latine" che venivano fatte con "farina caseata" ovvero con farro e latte cagliato. Se ne può leggere qui. Si narra che i pastai di Minori, quelli che nel Settecento si trasferirono a Gragnano per dare origine all’industria della pasta, modificarono la ricetta originaria dello 'ndundero minorese, in un impasto di farina, ricotta, uova, formaggio grattugiato, sale e spezie.

Gli ‘ndunderi si preparano a mano e mia sorella Elisabetta ha imparato molto bene. Li prepara spesso, aromatizzandoli e condendoli in svariate maniere, a seconda delle stagioni e degli ingredienti a sua disposizione. Questi in foto, ad esempio, sono stati conditi con le ultime melanzane a funghetto ed i primi pomodorini del Piennolo, l'inizio e la fine delle stagioni, nella prima domenica del secondo lockdown.

'ndunderi

Gli ingredienti per due porzioni abbondanti sono:

  •     130 g di ricotta
  •         1 uovo medio
  •         un pizzico di sale, uno di pepe
  •         un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato
  •         un cucchiaio di  pecorino romano grattugiato
  •         farina di grano tenero e duro, 100 g circa in totale

'ndunderi maioresi

Per prepararli si impastano tutti gli ingredienti fino a ricavarne un impasto compatto e morbido, della stessa consistenza degli gnocchi, per intenderci; staccandone dei pezzetti, arrotolare a formare dei cordoncini non troppo sottili, tagliarli a pezzetti (un po' più grandi dei comuni gnocchi), renderli concavi con la pressione delle dita e facendoli scivolare sull’apposita tavoletta rigata in legno detta "pettine" (che Elisabetta mi ha regalato), oppure in mancanza, sui rebbi di una forchetta oppure sulla parte convessa di una grattugia. 

Una volta pronti, cuocere gli 'ndunderi in acqua bollente salata, sino a che salgono a galla, trasferirli in una padella con il condimento (le melanzane a funghetto) e farli insaporire su fiamma viva, aggiungere in ultimo, qualche foglia di basilico fresco e servire.

P.S.: auguri Santa Elisabetta 

Commenti

  1. Come sempre ricette fantastiche. Potresti dirmi che tipo di ricotta o quale sarebbe ideale utilizzare? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tradizionalmente viene usata ricotta di mucca, ma a me piace adoperare anche quella di pecora che dalle mie parti viene chiamata "romana".
      Grazie

      Elimina
  2. Buonasera, grazie per la ricetta! Fatti e mangiati ieri sera;-) avrei una domanda...volendo farli in doppia o tripla dose come mi regolo per le proporzioni tra gli ingredienti?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pizza piena (chiena) di Pasqua

La ricetta della  pizza chiena  ( ripiena )  di Pasqua , una torta rustica, antica e molto saporita, mi viene tramandata da  nonna Maria , arriva quindi, da Napoli.  Non è molto conosciuta come i suoi parenti stretti e famosi, il casatiello e il tortano, ma da noi in famiglia, viene molto apprezzata. E' molto semplice da preparare.    Ingredienti: 1 kg di impasto per il pane ( tipo quello per il "palatone" preparato con il criscito ) oppure, prepararlo impastando: 660 g di farina 00 di buona qualità, 12 g lievito di birra, 400 g di acqua circa, 4 g sale.  Impastare come d'abitudine e far lievitare fino al raddoppio. 150 g ca. di sugna buona ( quella con l’aroma di alloro )  8 uova fresche 80 g ca di pecorino romano grattugiato 50 g ca di parmigiano stagionato grattugiato pepe nero macinato al momento  Ripieno dal peso totale di 700 g circa composto da  cubetti  di:  salame napoletano provolone semi-piccante c

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci  cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la cipolla che il sedano affettati sottilmente, insieme ad un trito fine di carota ed ai pomodorini schiacc

Spaghetti e zucchine alla Vico Equense alla maniera di Peppe Guida

Spaghetti e zucchine alla Vico Equense dello Chef Peppe Guida Da una diretta del venerdì pomeriggio dello Chef , fine maggio, periodo di zucchine. Ho cercato solo di approssimarmi al suo piatto. Sono molto gustosi e veloci da preparare. Ingredienti per due persone: 140 grammi di spaghetti   tre zucchine medie cinque o sei pomodorini in conserva una fetta di fior di latte di qualche giorno formaggi grattugiati misti q.b. basilico fresco q.b. Procedimento: Friggere le zucchine a rondelle in olio d'oliva extra vergine, quindi, nella stessa capace padella, aggiungere qualche pomodorino rosso in conserva, gli spaghetti molto al dente e terminare la cottura, aggiungendo poca acqua di cottura della pasta per volta, infine, a fuoco spento, unire il fior di latte spezzettato ed i formaggi grattugiati (ne andava messo di più), mantecando con un filo d’olio e aggiungendo foglie di basilico fresche.