Passa ai contenuti principali

Brioche dell'Epifania

brioche a lievitazione naturale

L'Epifania tutte le feste porta via e sono appena in tempo per una brioche a lievitazione naturale (anche mista), con la mollica morbida e soffice. Talmente mi è piaciuta che per sottoporvela, ho aspettato di ripeterla per più volte. 

La ricetta prende ampio spunto da questa (ringrazio sempre di cuore chi ancora condivide ricette ed esperienze culinarie con sincerità e passione), vi raccomando di leggerla perchè è molto esaustiva in tutti i suoi passaggi.

E dunque, da qualche tempo, il mio lievito madre è diventato pasta madre in coltura liquida, il cd. licoli, che secondo me, è di più facile gestione. Lo coltivo quasi per simpatia, facendoci più niente che quasi. Orbene, giunti oramai alla fine del periodo natalizio, almeno in una brioche con questi licoli, mi volevo cimentare. 

Ecco la ricetta:

Innanzitutto rinfrescare la pasta madre in coltura liquida così:

  • 65 grammi di pasta madre al 100% di idratazione (licoli) 
  • 65 grammi di farina di forza (tipo Caputo Oro)
  • 65 grammi d'acqua
  • 4 grammi di zucchero
Poi, preparare la farcitura (opzionale) unendo: 
  • 50 g d'uvetta strizzata (fatta precedentemente rinvenire in acqua calda e poi immersa nel rhum)
  • 40 g di scorzette d'arancia candite, tagliate a piccoli cubetti
  • mezzo cucchiaino di pasta d'arancia
  • mezzo cucchiaino di miele 
  • 20 g di burro 
far riscaldare tutti questi ingredienti su fiamma bassa, mescolandoli, far raffreddare e tenere da parte.

Trascorse 12-18 ore dal rinfresco di cui sopra (la pasta madre comincerà a cedere in alcuni punti), procedere all'impasto.

Ed occorreranno ancora: 

  • 250 g circa di farina di forza
  • 2 uova grandi
  • 50 g di zucchero
  • 3 g di sale 
  • 60 g di burro 
  • 20 grammi di latte condensato
  • qualche goccia di estratto di vaniglia
Nel caso non ci si senta sicuri della forza del lievito madre, unire all'impasto 3 grammi di lievito di birra fresco.

Procedimento:

nella ciotola della planetaria, avendo montato il gancio a foglia o K, mettere il licoli, unire un uovo, un cucchiaio di zucchero ( il lievito di birra se si da il caso) e qualche cucchiaio di farina, facendo lavorare a velocità non molto sostenuta, fino a far formare l'impasto, quindi, aggiungere il secondo uovo, il resto dello zucchero e ancora farina; poi, il latte condensato, il sale, la vaniglia e mano a mano tutta la farina, facendo prendere corda all'impasto; a questo punto unire il burro morbido, per aggiunte successive ed una volta finito, montare il gancio ad uncino e far lavorare l'impasto a velocità più sostenuta, fino a che prenda elasticità ed estensibilità (impiegherà circa 15 minuti). Solo a questo punto unire le sospensioni, lavorando lentamente e per breve tempo solo fino ad incorporarle.

Far riposare l'impasto per una ventina di minuti, quindi, formarlo piegandolo dapprima ed infine arrotondandolo e metterlo in uno stampo dai bordi alti, imburrato, a lievitare per circa 8 - 12 ore (il tempo varia in funzione della temperatura esterna). Sarà tempo di infornare quando, premendo leggermente con il polpastrello la superficie della brioche, questa non farà più resistenza.

Se piace, spennellare la superficie della brioche con un uovo sbattuto ed infornare alla temperatura di 170 - 180°C per circa 30 minuti. 

N.B. Dalle foto che ho scattato non so se sono riuscita a riportarvi la consistenza della mollica 

brioche a lievitazione naturale


Commenti

  1. uà Maria, bella questa brioche! io ho ammazzato il licoli, ma durante queste vacanze ho fatto per tre volte lo shukupan (pane al latte) dallo stesso sito :D
    il fatto che ci siano foto di tutti i passaggi me la fa amare persino quando scrive le ricette in cups :P
    un abbraccio e buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale bellissima! Buon Anno a te!
      Ora me lo cerco anch'io questo pane (queste sono blogger serie)
      Un abbraccio

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

Casatiello dolce di Pasqua con la ricetta di nonna Elisabetta

Il casatiello dolce , è un dolce pasquale molto apprezzato in casa nostra e si prepara tradizionalmente, solo a Pasqua. Ha una consistenza leggermente asciutta, così come può esserlo un dolce antico e per questa sua caratteristica, si conserva a lungo.  In famiglia ne prepariamo due versioni, una che viene tramandata dalla famiglia materna ed una da quella paterna .  Secondo me, sono tutte e due buonissime, non riesco a preferirne una all'altra, per cui, nel dubbio, le preparo entrambe, nonostante nel periodo pasquale la casa sia piena di pastiere , casatielli ,  pizze piene , etc. etc. Questa versione è quella della nonna materna, la nostra amata nonna Elisabetta , ottima e fine cuoca, abilissima coi dolci, che tante cose buone ci ha insegnato a preparare e ci preparava. Ingredienti: 800 g di farina 00 (meglio se forte) 300 g di criscito (o lievito madre in forza ) 400 g di zucchero semolato 8 uova (più 2 albumi per la glassatura) 200 g burro 150 g di uvetta 200 g ce