Passa ai contenuti principali

Donuts ... e non solo

Ho preparato i donuts, le celeberrime ciambelle americane di Homer Simpson. La ricetta è francese però, presa dal blog Le Pétrin, con qualche licenza poetica.



(per una trentina di ciambelle)

 per la pasta
  • 25 g di lievito di birra fresco
  • 60 ml di acqua tiepida
  • 70 g di zucchero
  • 2 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 300 ml di latte
  • 750 g di farina 00
  • 80 g burro morbido
per la glassa
  • 80 g di burro
  • 200g di zucchero a velo
  • 2 cc di estratto di vaniglia
  • Da 4 a 6 cucchiai di acqua calda
  • qualche cucchiaio di cacao amaro
  • confettini colorati, cristalli di zucchero, etc.
  • olio di arachidi 
Preparazione dell’impasto
 
Nella ciotola della planetaria sbriciolare il lievito fresco, aggiungere l’acqua tiepida ed un pizzico di zucchero. Mescolare con una frusta, coprire e lasciare 5 minuti, il tempo necessario ad osservare il formarsi di piccole bolle sulla superficie.
Versare lo zucchero, le uova, il sale, il latte e 250 g di farina. Impastare fino a quando la farina sia mescolata con i liquidi ed aggiungere altri 250 g di farina; impastare come in precedenza e finire con la restante farina, impastando fino ad avere un impasto omogeneo. Aggiungere il burro, tagliato in strisce sottili e continuare ad impastare fino ad incordare l’impasto, che diventerà liscio e morbido (se necessario, in questa fase, aggiungere un po’ di farina nel caso d’impasto troppo appiccicoso, ma non più di un paio di cucchiai).
Formare l’impasto a palla e metterlo a lievitare in una ciotola leggermente infarinata. Coprire con la pellicola alimentare e lasciare che raddoppi (circa 1 ora).
Infarinare leggermente il piano di lavoro e versarvi sopra l’impasto. Schiacciare la pasta delicatamente con il palmo della mano, per degassare.
Stendere delicatamente col mattarello fino a uno spessore di 1,5 cm circa (l'impasto deve rimanere soffice e gonfio con le bollicine).
Con un coppa pasta da 7 o 8 cm di diametro, tagliare dei cerchi nella pasta, quindi creare il foro nella parte centrale, usando un coppa pasta più piccolo o un tappo di bottiglia a vite, metallico. Infarinare leggermente  il piano di lavoro e depositarvi i donuts lasciando un po’ di spazio tra l’uno e l’altro, poiché lievitando possono toccarsi. Coprirli con un panno e lasciare lievitare circa 45 min.
Friggere in abbondante olio di arachidi, usando una padella dai bordi alti.
Rimuovere le ciambelle e posarle su carta assorbente.

Per i donuts “nature”, rotolare semplicemente le ciambelle in un piatto contenente zucchero semolato.


Preparazione della glassa

Sciogliere il burro sul fuoco bassissimo, aggiungere lo zucchero a velo, poi il cacao* e mescolare fino a che si otterrà una pasta liscia e spessa.
Togliere dal fuoco, aggiungere l’estratto di vaniglia ed un paio di cucchiai di acqua calda e mescolare delicatamente aggiungendo eventualmente più acqua (1 cucchiaio alla volta), fino a che la pasta raggiungerà la consistenza di una ganache liquida.
*Per un glassaggio colorato non mettere il cacao in tutta la massa, ma separala in ciotole, in alcune delle quali si aggiungerà qualche goccia di colorante alimentare naturale.
Mettere le ciambelle su una griglia posta sopra un recipiente, colarvi la glassa e cospargere di confettini o  altri decori.



Ho arrotolato una striscia di impasto intorno alle canne di latta, quelle per le sfoglie dei cannoli, ho fritto e farcito con crema pasticcera leggera (fatta con poche uova), alla vaniglia (bacca e zucchero aromatizzato).


Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…