Passa ai contenuti principali

La cotognata


Il cotogno è un'antichissima pianta da frutto ingiustamente trascurata. Quest'anno sono riuscita a procurarmi delle mele cotogne e lo specifico poiché esistono anche le pere cotogne.



Ricordo ancora la bontà delle "cotognate" di quando ero piccola e così, chiedendo a chi ancora le prepara, consultando il forum gennarino, mi sono messa all'opera ed ecco la ricetta:

lavare e dividere a metà le mele cotogne, pulirne l'interno quindi, senza sbucciarle, metterle in una casseruola coperte a filo con acqua e farle cuocere fino a che possano essere infilzate facilmente da una forchetta.
Lasciare che intiepidiscano nell'acqua di cottura, sgocciolarle e sbucciarle eliminando torsoli e parti dure. Frullare la polpa ottenuta, pesarla ed aggiungere 700 grammi di zucchero semolato per ogni chilo di polpa, più il succo di un limone.

Cuocere  lentamente, girando spessissimo, fino a raggiungere una colorazione dorata della cotognata.

Versare in teglie coperte da carta forno e pareggiare la superficie.

Aspettare che il composto intiepidisca, preformare a cubetti tagliando la cotognata con una rotella liscia e lasciarla, coperta da un panno sottile, ad essiccare completamente.

Conservare in recipienti di vetro od alluminio, intervallando i quadrotti posti a strati, da carta forno.

 
Una prova "moderna" l'ho fatta al microonde, mettendo in un contenitore di vetro, 500 grammi per volta di pezzettini di cotogna pulita e sbucciata. Ho fatto cuocere al massimo della potenza del microonde per 10 minuti, ripetendo eventualmente, il ciclo di cottura, i pezzetti di mela cotogna devono diventare morbidi; ho frullato ed aggiunto lo zucchero (700 grammi per kg di frutta), il succo del limone e fatto cuocere al microonde per cicli successivi da 10 minuti ciascuno, girando il composto tra un ciclo e l'altro di cottura, fino alla consistenza desiderata. Se si lascia un po' meno solida, si può invasare come una confettura.
Per il resto, ho proceduto come sopra: versato in teglie coperte da carta forno e pareggiato la superficie. Ho aspettato che il composto intiepidisca, ho preformato a cubetti tagliando la cotognata con una rotella liscia e l'ho lasciata coperta da un panno sottile, ad essiccare completamente.




quadrotti di cotognata preparati al microonde




Commenti

  1. Voglio farla!!! Spero di trovare le mele cotogne! Bellissima....

    RispondiElimina
  2. pensa che in puglia, da mia nonna, la marmellata di mele cotogne è la cosa più normale del mondo!
    la cotognata è dolce o amarostica?

    RispondiElimina
  3. Ciao Maria :) ecco finalmente una ricetta che devo replicare!!! In Uruguay, paese di mio marito, viene chiamata "dulce de membrillo" e viene utilizzata per un dolce molto comune da quelle parti la "pasta frola".
    Oltre ad essere legata ai miei ricordi di bimba, la cotognata mi ri-porta in quel paese che amo tanto.
    a presto
    Rosa Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora lo dobbiamo proprio preparare questo "dulce de membrillo"!

      Elimina
  4. Ciao Maria.....quando ero bambina, in collegio, a colazione, insieme al latte e caffè, le suore distribuivano dei rettangolini, in carta cellofanata della Zuegg, mi pare, non so neppure se questa marca esiste ancora, con sopra, racchiuso in una bustina, un francobollo da raccolta....Si trattava, appunto, della cotognata, L'anno scorso, ero a Nemi ai Castelli romani e ho trovato le mele cotogne. Vuoi sapere come è finita? Non sono riuscita a farci nulla, data la durezza della polpa. Ho cercato online delle ricette ma nessuna parlava di prebollitura....Ora, mi portano delle mele cotogne...seguirò passo, passo la ricetta poi, ti dirò se è quella che ricordavo. Le tue ricette sono fantastiche! Ciao Maria....

    RispondiElimina
  5. Maria, ho messo a cuocere 4.500kg. di mele cotogne.....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno , che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe , giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà. Zeppola al forno Zeppole di San Giuseppe al forno : Per la pasta bignè: ½ litro d’acqua ½ cucchiaino di sale 2 cucchiaini di zucchero 180 grammi di burro  300 grammi di farina 00 (non debole) 7-8 uova grandi Procedimento: 1)       mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)       quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)       fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)       togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a complet

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano,  un primo piatto di pasta,  una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera  della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali. Un'ampia discussione sul tema  la trovate sul forum Gennarino , mentre   la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel  che su quello di Teresa . Ingredienti per  2 persone N. 3 patate medie tagliate a dadini 120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.   cipolla q.b. un pezzo di gambo di sedano  un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico fresco n. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano ( se disponibile) formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono. pepe nero q.b. Procedimento: in un tegame h

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia. Per il guscio di pasta frolla : 500 g di farina 00 200 g di burro 2 uova intere 1 tuorlo  200 g di zucchero un pizzico di sale buccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora. Per il ripieno : innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro 1 cucchiaio di zucchero un pizzico di sale buccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso. Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.