Passa ai contenuti principali

Il pagnottiello o panino napoletano, sfogliato


Il mio pagnottiello ideale deve essere un po’ sfogliato e "briochioso". Certo, è un pane condito, forse troppo, poco salutare, ma buonissimo, almeno secondo me.
Ne ho assaggiati molti e di diverse provenienze. Mi piacciono molto e mi lascio tentare: alcuni si sono rivelati deludenti, altri meno, nel frattempo mi sono formata un'opinione personale in merito.
Ora, volendo prepararli e considerando che l'anno passato a Pasqua, preparai riscuotendo un discreto successo familiare, il casatiello sfogliato su ricetta di Maria Letizia, visto che il pagnottiello gli somiglia molto come sapore, avendo a disposizione la farina della Garofalo W260, tutto condiderato, ho deciso di sfogliare l'impasto ed ho sfornato questi pagnottielli o panini napoletani sfogliati:

pagnottiello

Ingredienti:
  • 600 g di farina 00 W 260 
  • 400 g d’acqua circa
  • 8 g lievito di birra fresco
  • 180 g di sugna fredda
  • 10 g di sale
  • pecorino romano e parmigiano grattugiati q.b.
  • 300 g circa in tutto tra salame napoletano, ventresca (pancetta tesa), provolone piccante, provoletta affumicata
  • pepe nero macinato al momento

Procedimento:

La sera prima, ho preparato l’impasto:
ho sciolto 8 grammi di lievito di birra in 50 g di acqua tiepida con un pizzico di zucchero; dopo una trentina di minuti, nella ciotola della planetaria, ho messo la farina ed ho aggiunto, prima il lievito, poi l’acqua tiepida in cui avevo sciolto il sale, poca per volta e con la foglia, ho continuato a velocità bassa, fino ad ottenere una pasta piuttosto morbida e ben lavorata (non aggiungere tutta l'acqua se l'impasto dovesse risultare troppo morbido). A questo punto, ho aggiunto 50 g di sugna e ho fatto incordare, aumentando la velocità della planetaria. Ho avvolto l'impasto a palla e messo a lievitare in un recipiente leggermente infarinato, un’oretta a temperatura ambiente, quindi, l'ho trasferito in frigo per tutta la notte.

L’indomani, ho ripreso l’impasto e l'ho posato su una superficie appena infarinata; dopo averlo degassato con le nocche delle dita, l’ho steso col mattarello, a formare un quadrato dello spessore di un centimetro circa.
Con la sugna fredda di frigorifero, ho spalmato la metà inferiore del quadrato, aiutandomi con una spatola, poi ho cosparso di pepe, di una spolverata dei formaggi grattugiati e piegato in due l’impasto (la parte senza sugna piegata sopra la parte con la sugna), ma si può piegare come per la pasta sfoglia.
Ho ripetuto questa operazione tre volte, attendendo almeno una decina di minuti tra una “piega” e l’altra, riportando l'impasto in frigo ogni volta, fino a terminare tutta la sugna.
Quindi, ho steso di nuovo e cosparso con i cubetti di salame, di ventresca e di formaggi. Ho arrotolato l’impasto così farcito e tagliato a fette da 4 cm circa di spessore. Le “fette” le  ho disposte su una placca ricoperta da carta forno.
Ho fatto lievitare ancora per un paio d’ore, coprendo la teglia con la pellicola alimentare, ho spennellato con il latte ed infornato a 180° C per 45 minuti, fino a doratura. 
I panini napoletani sono da gustare tiepidi, preferibilmente.

Commenti

  1. Goduriosissimo!!!! che appetito!!!!!

    RispondiElimina
  2. Con questi, a casa mia, mi darebbero un premio. Ne sono golosissimi, soprattutto mia sorella, che andrebbe avanti a botta di casatielli, tortani e pagnottielli :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.

Zeppole di San Giuseppe al forno:

Per la pasta bignè:

½ litro d’acqua½ cucchiaino di sale2 cucchiaini di zucchero180 grammi di burro 300 grammi di farina 00 (non debole)7-8 uova grandi Procedimento:
1)mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a completo assorbimento. Si posso far incorporare le uova all'impasto, con la frusta a foglia nella plan…

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia.

Per il guscio di pasta frolla: 500 g di farina 00200 g di burro2 uova intere1 tuorlo 200 g di zuccheroun pizzico di salebuccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora.
Per il ripieno:

innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro1 cucchiaio di zuccheroun pizzico di salebuccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso.
Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.
Nel caso si stesse usando il grano in barattolo, sarà ne…