Passa ai contenuti principali

Graffe napoletane


Nei bar e nelle pasticcerie napoletane, queste graffe, dei deliziosi dolci fritti, si trovano sempre, tutto l'anno. Richieste prevalentemente, a colazione o come merenda e spuntino, sono preparate con un impasto senza patate, ricoperte con zucchero semolato.

Avendo a disposizione le nuove farine della Garofalo senza additivi, corredate da scheda tecnica completa e dal valore W stampato in chiaro sulla confezione, parametro che rivela anche la forza della farina, ho preparato queste graffe con la ricetta che ho avuto da un pasticcere napoletano.


Ricetta per una ventina di graffe,
ingredienti: 
  • 525 g di farina ottenuti miscelando il 70% di Farina Garofalo W350 ed il 30% di farina 00 W260 Garofalo
  • 12 g di lievito di birra fresco
  • 30 g di zucchero (aromatizzato con bacca di vaniglia)
  • 6 g di sale
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 300 g d’acqua circa
  • 25 g di burro (oppure 20 g. di strutto)
Procedimento

sciogliere il lievito di birra in 50 grammi d’acqua tiepida,  presa dal totale, con 25 grammi di farina ed un cucchiaino raso di zucchero. Aspettare che il composto cominci a lievitare, trascorreranno una trentina di minuti circa ed usare.

Nella ciotola della planetaria versare la farina e lo zucchero. In una scodellina sciogliere il sale nell’acqua intiepidita ed unire alla farina, lentamente, cominciando ad impastare col gancio a foglia; terminata l’acqua, avendo fatto attenzione a non aggiungerla tutta se l'impasto risultasse troppo morbido, unire il tuorlo.

Ad impasto formato, unire il burro morbido e continuare ad impastare a velocità media, fino a che l’impasto non pulisca la ciotola, staccandosene e diventando elastico: trascorreranno almeno una decina di minuti.

Formare l’impasto a palla e metterlo a lievitare fino al raddoppio. Quindi, sgonfiarlo con le nocche delle dita e farlo lievitare di nuovo.

A questo punto, rovescialo su un ripiano leggermente infarinato, piegarlo in tre e spezzarne dei pezzetti da una sessantina di grammi ciascuno; i pezzi andranno avvolti a pallina, poi andranno bucati al centro, facendoli ruotare attorno al dito ad allargarne il foro centrale.

Far lievitare le graffe fino al raddoppio, coperte da pellicola.

Friggerle in abbondante olio d’arachidi non caldissimo, poche graffe per volta, facendole dorare sui due lati. Sgocciolarle dall’olio in eccesso e rotolarle subito nello zucchero semolato.
Meglio gustarle calde.



Commenti

  1. che bella ricetta, adoro le graffe. maria quando scrivi piegarlo in 3 intendi le pieghe?

    RispondiElimina
  2. in toscana si chiamano frati! booni! e anche lì e si mangiano tutto l'anno!

    RispondiElimina
  3. mi accingo a fare la ricetta e desideravo chiederti se sia la farina sia l'acqua usata per la prima fase devono essere poi sottratte dal peso totale indocato nella ricetta. Grazie

    RispondiElimina
  4. Ciao, complimenti per il risultato, sembrano davvero deliziose! Vorrei chiederti una cosa. L'impasto è molto duro? Ti chiedo questo perché ho una planetaria da 600 ma su un sito, impastatriceplanetaraclik, ho letto che una così bassa potenza non riesce ad impastare gli impasti densi.
    Se la planetaria non dovesse riuscire, posso farlo a mano? Otterrei lo stesso risultato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che puoi impastarle a nano, ma sono certa che, vista la consistenza, anche con la planetaria sarà agevole. Fammi sapere

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Papaccelle napoletane ricce imbottite ('mbuttunate)

Sono tra gli ortaggi estivi che più mi piacciono e questa è la loro stagione. Parlo della papaccella napoletana (papaccella riccia), che è diventata anche un presidio Slow Food nel 2004.
E'
una varietà di peperone, dalla pezzaturapiccola, variamente colorata di giallo sole, di verde e di rosso intenso o vinato, tipicamente coltivata nelle zone del napoletano e del vesuviano. Queste in foto sono papaccelle  biologiche che coltiva mia zia Anna nel suo terreno a Napoli.

A me piacciono cucinate in ogni maniera: a minestrina, in padella, stufate con olive e capperi, nella cianfotta, con la pasta oppure crude nelle insalate, quando si trovano fresche, in estate.
Nella stagione invernale, quando si trovano solo sott’aceto, sono utilizzate nell’insalata di rinforzo a Natale o soffritte come contorno della carne di maiale nei mesi più freddi (e lì ci sta bene anche qualche papaccella piccante o forte).

Questa versione della papaccella ‘mbuttunata(imbottita), è quella che più preferisco ed …