Passa ai contenuti principali

Non tutte le crostate riescono col buco


Non tutte le crostate riescono col buco.

E no, non tutte, neanche questa con le ciliegie. ma ci vogliono un po' di pazienza ed un pizzico di "capa fresca".
Vidi questa, bellissima e con il mio nuovo cerchio microforato de Buyer, comprato on line oramai da parecchio tempo, di diametro 25 cm ed un semplice coppa pasta di diametro 10 cm, mi sono avviata a prepararla. Aspettando, aspettando che arrivasse il momento giusto, è finito il periodo delle fragoline di bosco buone, per cui, non avendo trovato neanche i lamponi, ho optato per le ciliege locali, belle e buone in questo periodo, le Ciliegie del Monte Somma 

Ingredienti per la pate sablée:

  • 250 g di farina 00
  • 100 g di burro
  • 100 g di zucchero semolato
  • 30 g di farina di mandorle
  • 2 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 60 g di fecola di patate
Procedimento:

in una ciotola, mescolare il burro ammorbidito con lo zucchero, aggiungere la fecola, la polvere di mandorle, il sale fino, poi le uova. Incorporare la farina, lavorando poco.
Stendere la pasta tra 2 fogli di carta da forno e lasciar riposare almeno un'ora in frigorifero.
Prendere la pasta dal frigo e con il cerchio micro forato ritagliare la base della crostata; adagiarla su una teglia foderata con carta forno, mettendo il cerchio micro forato a delimitarla ed inserendo la base di pasta delicatamente, all'interno del cerchio.
Con un piccolo coppa pasta (diametro 10 cm), posizionato al centro della base, ritagliare un cerchio di pasta a formare il buco della crostata; poi, tagliare una striscia di impasto corrispondente all'altezza del cerchio micro forato più grande, precedentemente imburrato e facendola aderire all'interno del cerchio stesso, formare il bordo esterno della crostata; imburrare anche il cerchio più piccolo e ritagliare una striscia di pasta per foderarne l'esterno. Bucherellare il fondo della crostata.
Nel tempo che il forno arrivi a temperatura, tenere  la crostata in freezer.
Infornare a 160°C in forno ventilato una trentina di minuti o fino a leggera doratura. Far raffreddare e sformare.

Per la crema occorrono:

500 ml di latte intero
mezza bacca di vaniglia
la parte gialla della buccia di un limone bio
3 cucchiai rasi di amido di mais
4 cucchiai di zucchero semolato
un pizzico di sale
2 uova e 1 tuorlo

Procedimento:


Si fa riscaldare il latte con la buccia del limone e la bacca di vaniglia.
In un'altra casseruola, a freddo, si mescolano bene l'amido di mais, lo zucchero, il sale e poi, le uova;
a questo composto si unisce il latte caldo e si riporta sul fuoco, fino al bollore, mescolando continuamente con una frusta metallica.
Far raffreddare.


Poi, preparare la composta di ciliegie.

Occorrono:

500 g di ciliege lavate, asciugate e snocciolate
2 cucchiai di zucchero semolato
il succo di mezzo limone
1 g di agar agar

Procedimento:
in un recipiente adatto alla cottura in forno a microonde mettere ciliege, zucchero e succo del limone e cuocere per 5 minuti alla massima potenza; far sgocciolare le ciliegie dal loro succo e tenerle da parte; mettere questo succo ottenuto in un un pentolino per farlo addensare lentamente, a fiamma bassa, un quarto d'ora circa.
A caldo aggiungere un grammo di agar agar, poco prima di usare il liquido per lucidare la superficie della crostata.


Montaggio:

spennellare sul fondo della crostata, il succo di ciliege concentrato; formare uno strato con la crema pasticcera (uso il sac a poche); sistemare le ciliege e finire lucidando con lo sciroppo.
Conservare in frigo.


Vorreste provare anche altre crostate? Queste sono ricette testate e garantite da SLOWTHINKING

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…