Passa ai contenuti principali

Fettucce in tricolore, peperoncini verdi e pomodorini del piennolo


Prima di preparare un piatto nuovo ci penso a lungo (troppo), un vero pensiero #slowthinking.
Premetto che a Napoli, i peperoncini verdi, detti di fiume o anche friarielli, sono tradizionalmente e magnificamente preparati e consumati fritti, conditi con un sughetto fresco di pomodoro al basilico.

Questa è proprio la loro stagione ed a me piacciono molto. Dal mio fruttivendolo, appena i peperoncini verdi mi sono sembrati buoni da comperare e di provenienza locale, li ho presi.
Ho pensato di prepararci una pasta, evitandone la classica frittura, ma trattando la cottura dei peperoncini, in forno al microonde. Ne ho ricavato due consistenze: una crema ed una polvere. Ci ho condito delle fettuccelle, per un primo di pasta, che più che vegetariano, è vegano.


Ingredienti per due persone

160 g di pasta di grano duro formato fettucce
250 g di peperoncini verdi di fiume o friarielli napoletani
n. 4 pomodorini vesuviani rossi freschi
500 di pomodorini del piennolo del Vesuvio Dop in passata
foglioline basilico q.b.
 olio evo q.b.



Procedimento
Pulire sia dal picciolo che dai semini, i peperoncini verdi, lavarli ed asciugarli. 
Prenderne una metà e farli asciugare fino a seccare, nel microonde, alla massima potenza, per cicli di cottura da 30 secondi ciascuno.
Quindi, tritarli finissimamente o in polvere, anche con un macinacaffè.

I restanti peperoncini, farli cuocere, in forno a microonde, in un recipiente coperto con la pellicola alimentare, a metà della potenza, per cicli di cottura successivi, da un paio di minuti l'uno. Una volta che i peperoncini risulteranno morbidi, frullarli aggiungendo un filo d'olio d'oliva ed un pizzico di sale.

Passare i pomodorini, appoggiandoli su un setaccio e frullandoli col minipimer. Cuocere la passata ottenuta, con un filo d'olio, un pizzico di sale e qualche foglia di basilico fresco.

In una padellina d'alluminio, in un fondo d'olio evo, far appena soffriggere uno spicchio d'aglio, quindi, friggere i cubetti ricavati dai pomodorini rossi freschi, scolarli e salarli.

Lessare le fettucce e scolarle al dente, tenendo un po' dell'acqua di cottura da parte; ultimare la cottura saltando la pasta con un mestolo d'acqua della pasta e olio evo.

Nei piatti da portata, versare sul fondo, un cucchiaio di crema di peperoncini verdi, eventualmente resa più fluida con un po' d'acqua di cottura della pasta, adagiarvi sopra la pasta, al centro un mestolino di sugo dei pomodori, poi aggiungere i cubetti di pomodoro fritto, un pizzico di polvere di peperoncini verdi e qualche fogliolina di basilico fresco.
Oppure, mantecare la pasta nella crema di peperoncino, posarla su un fondo di sugo dei pomodorini, unire i cubetti di pomodorini fritti, la polvere di peperoncini verdi ed il basilico. 


Vorreste provare anche altre ricette testate e garantite?

 

ALTRE RICETTE DA SLOWTHINKING


Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…