Passa ai contenuti principali

Pain au chocolat bicolore


Volevo preparare i "pains au chocolat bicolore" di pasta sfogliata lievitata al cioccolato, come quelle che si vedono passare sulla bacheche dei grandi pasticceri, purtroppo troppo lontani per farci un salto a metà mattinata.
E allora, mi sono messa all'opera per un risultato finale abbastanza soddisfacente, tale da rimandare la trasferta in Francia, almeno per questo motivo.
In effetti, ho usato questa ricetta dove troverete anche le foto del passo - passo, con piccole modifiche.

Per la pasta sfogliata lievitata (PÂTE FEUILLETÉE LEVÉE)

450 g di farina di forza
5 g di sale
20 g di zucchero
10 g di burro
10 g di lievito di birra fresco
260 g di latte intero
200 g di burro (bavarese)

20 g di cacao amaro
10 g d'acqua

8 barrette di cioccolato fondente


La prima operazione è preparare il burro per la sfogliatura: mettere 200 g di burro (bavarese) in un sacchetto per il freezer e utilizzando un mattarello, formare un quadrato di 20 x 20 cm spesso 7/8 mm e conservare in frigo.

Nella ciotola della planetaria, mettere gli ingredienti per fare l'impasto, nel seguente ordine: zucchero, sale, farina, lievito sbriciolato, 10 g di burro tagliato a pezzetti ed il latte. Far impastare giusto il tempo di amalgamare tutto.


Prendere 150 g di questo impasto e rimetterlo in planetaria, aggiungere il cacao amaro e l'acqua.
Impastare brevissimamente e mettere i due impasti, quello al cioccolato e quello bianco, in due ciotole infarinate, sigillare e lasciar lievitare fino al raddoppio (1 ora e mezza circa).

Trascorso questo tempo, stendere l'impasto bianco su un piano infarinato leggermente, formando un quadrato da 40 x 40 cm.


Prendere il burro dal frigo e metterlo al centro dell'impasto bianco in diagonale. Piegare gli angoli dell'impasto bianco sul burro a ricoprirlo completamente.
Stendere questo impasto in modo da formare un rettangolo.
Dare una prima piega semplice, ripiegando la parte superiore sull'impasto e poi quella inferiore.
Girarlo di un quarto di giro verso sinistra e stenderlo di nuovo a formare un rettangolo.
Piegare la parte superiore su se stesso, poi piegare la parte inferiore e si è dato anche il 2 ° giro.
Sigillare l'impasto e lasciare riposare un'ora in frigo.

Riprendere l'impasto dal frigorifero, posizionarselo fronte e cominciare a stendere in modo da formare un rettangolo e dare ancora due giri, il 3° ed il 4°. Sigillare e lasciar riposare per mezz'ora in frigo.

Riprendere la pasta e stenderla in un rettangolo di 30 x 50 cm (spessore 5 mm).
Nel frattempo, prendere l'impasto al cioccolato, sgonfiarlo e su una superficie infarinata, stenderlo ad uno spessore molto sottile e della stessa dimensione dell'impasto bianco.
Utilizzando un pennello, inumidire la superficie dell'impasto bianco e posizionare quello al cioccolato sopra. Premere con il mattarello per saldare i due imapasti.

Girare l'impasto, con la parte bianca sopra e ritagliare otto rettangoli uguali.
Su ogni rettangolo poggiare, ad 1 cm dal lato lungo, una barretta di cioccolato ed arrotolare l'impasto sopra il cioccolato.

Poggiare i pains au chocolat con il taglio sotto, su una placca da forno foderata con carta da forno.

Con una lama affilata, fare delle piccole incisioni sui pain au chocolat, partendo dallo stesso punto.
Lasciar lievitare circa un'ora e mezza a temperatura ambiente.

Preriscaldare il forno alla temp. di 200° C.
Spennellare i pains au chocolat bicolore, delicatamente con il latte (non amo l'uovo).
Cuocere circa 10 minuti e lasciarli raffreddare su una griglia.

Li ho lucidati con uno sciroppo di zucchero. Croccanti, fragranti fuori e morbidi dentro, valgono l'impegno.


Commenti

  1. quanto mi piace sfogliare!
    ci vuole tempo
    e ora che ne ho non posso
    chissà se quando potrò invece ne avrò!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace molto sfogliare, ma ancor di più a me piace mangiare qualunque cosa sia sfogliata, col burro. Non sempre in giro assaggio prodotti buoni quanto belli. Pensavo ci volesse un impegno superiore alle mie capacità a sfogliare, ma poi mi lanciai, qualche insuccesso e non mi sono fermata più. Con tutta l'approssimazione del caso, ma sfoglio: sfoglia inversa, tradizionale, lievitata e sono contenta.
      Magari un giorno ci mettiamo a sfogliare insieme

      Elimina
  2. Ti sono venuti meravigliosamente. Questo weekend mi sono cimentata anche io con i croissant, ma a parte il sapore buono, da vedere erano terribili. Ci riproverò ancora perché sono testarda e appena riuscirò proverò anche questi pain au chocolat, altrimenti mi toccherà sacrificarmi e fare un viaggio a Parigi per consolarmi dal cocente fallimento :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.

Zeppole di San Giuseppe al forno:

Per la pasta bignè:

½ litro d’acqua½ cucchiaino di sale2 cucchiaini di zucchero180 grammi di burro 300 grammi di farina 00 (non debole)7-8 uova grandi Procedimento:
1)mettere al fuoco un recipiente con l’acqua, il burro a pezzetti, lo zucchero, il sale e portare al bollore; 2)quando il liquido bolle, gettare d’un colpo la farina e cominciare subito a mescolare con una spatola di legno, rimestando energicamente fino a che la farina sia ben incorporata; 3)fare asciugare velocemente l’impasto (panade) a fuoco basso fino a sentire degli sfrigolii e ricavarne una palla; 4)togliere dal fuoco, lasciare intiepidire ed aggiungere le uova, due alla volta, fino a completo assorbimento. Si posso far incorporare le uova all'impasto, con la frusta a foglia nella plan…

Pasta, patate e provola

E' un piatto tipico del napoletano, un primo piatto di pasta, una minestra quotidiana con patate e provola. La versione che ho preparato resta classica, ma è un po' più leggera della versione tradizionale che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino, mentrela ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva …

La pastiera napoletana

Pastiera di grano per la Pasqua, ricetta napoletana, di famiglia.

Per il guscio di pasta frolla: 500 g di farina 00200 g di burro2 uova intere1 tuorlo 200 g di zuccheroun pizzico di salebuccia di limone grattugiata Preparare la pasta frolla come d'abitudine, lavorandola pochissimo e facendola riposare in frigo, ben sigillata, almeno un'ora.
Per il ripieno:

innanzitutto cuocere il grano* 300 g di grano cotto* 250 g di latte 35 g di burro1 cucchiaio di zuccheroun pizzico di salebuccia di limone bio (solo la parte gialla) (*) durante il periodo pasquale, a Napoli è ancora possibile trovare il grano sfuso per preparare la pastiera; se non si dovesse riuscire a reperire, non sarà la stessa cosa, ma si userà il grano precotto, un buon compromesso.
Dunque, cuocere il grano dopo averlo sciacquato, nel latte, con tutti gli altri ingredienti, su fiamma bassa, fino a ricavarne una crema densa, mescolando spesso il composto in cottura.
Nel caso si stesse usando il grano in barattolo, sarà ne…