Passa ai contenuti principali

Pain au chocolat bicolore


Volevo preparare i "pains au chocolat bicolore" di pasta sfogliata lievitata al cioccolato, come quelle che si vedono passare sulla bacheche dei grandi pasticceri, purtroppo troppo lontani per farci un salto a metà mattinata.
E allora, mi sono messa all'opera per un risultato finale abbastanza soddisfacente, tale da rimandare la trasferta in Francia, almeno per questo motivo.
In effetti, ho usato questa ricetta dove troverete anche le foto del passo - passo, con piccole modifiche.

Per la pasta sfogliata lievitata (PÂTE FEUILLETÉE LEVÉE)

450 g di farina di forza
5 g di sale
20 g di zucchero
10 g di burro
10 g di lievito di birra fresco
260 g di latte intero
200 g di burro (bavarese)

20 g di cacao amaro
10 g d'acqua

8 barrette di cioccolato fondente


La prima operazione è preparare il burro per la sfogliatura: mettere 200 g di burro (bavarese) in un sacchetto per il freezer e utilizzando un mattarello, formare un quadrato di 20 x 20 cm spesso 7/8 mm e conservare in frigo.

Nella ciotola della planetaria, mettere gli ingredienti per fare l'impasto, nel seguente ordine: zucchero, sale, farina, lievito sbriciolato, 10 g di burro tagliato a pezzetti ed il latte. Far impastare giusto il tempo di amalgamare tutto.


Prendere 150 g di questo impasto e rimetterlo in planetaria, aggiungere il cacao amaro e l'acqua.
Impastare brevissimamente e mettere i due impasti, quello al cioccolato e quello bianco, in due ciotole infarinate, sigillare e lasciar lievitare fino al raddoppio (1 ora e mezza circa).

Trascorso questo tempo, stendere l'impasto bianco su un piano infarinato leggermente, formando un quadrato da 40 x 40 cm.


Prendere il burro dal frigo e metterlo al centro dell'impasto bianco in diagonale. Piegare gli angoli dell'impasto bianco sul burro a ricoprirlo completamente.
Stendere questo impasto in modo da formare un rettangolo.
Dare una prima piega semplice, ripiegando la parte superiore sull'impasto e poi quella inferiore.
Girarlo di un quarto di giro verso sinistra e stenderlo di nuovo a formare un rettangolo.
Piegare la parte superiore su se stesso, poi piegare la parte inferiore e si è dato anche il 2 ° giro.
Sigillare l'impasto e lasciare riposare un'ora in frigo.

Riprendere l'impasto dal frigorifero, posizionarselo fronte e cominciare a stendere in modo da formare un rettangolo e dare ancora due giri, il 3° ed il 4°. Sigillare e lasciar riposare per mezz'ora in frigo.

Riprendere la pasta e stenderla in un rettangolo di 30 x 50 cm (spessore 5 mm).
Nel frattempo, prendere l'impasto al cioccolato, sgonfiarlo e su una superficie infarinata, stenderlo ad uno spessore molto sottile e della stessa dimensione dell'impasto bianco.
Utilizzando un pennello, inumidire la superficie dell'impasto bianco e posizionare quello al cioccolato sopra. Premere con il mattarello per saldare i due imapasti.

Girare l'impasto, con la parte bianca sopra e ritagliare otto rettangoli uguali.
Su ogni rettangolo poggiare, ad 1 cm dal lato lungo, una barretta di cioccolato ed arrotolare l'impasto sopra il cioccolato.

Poggiare i pains au chocolat con il taglio sotto, su una placca da forno foderata con carta da forno.

Con una lama affilata, fare delle piccole incisioni sui pain au chocolat, partendo dallo stesso punto.
Lasciar lievitare circa un'ora e mezza a temperatura ambiente.

Preriscaldare il forno alla temp. di 200° C.
Spennellare i pains au chocolat bicolore, delicatamente con il latte (non amo l'uovo).
Cuocere circa 10 minuti e lasciarli raffreddare su una griglia.

Li ho lucidati con uno sciroppo di zucchero. Croccanti, fragranti fuori e morbidi dentro, valgono l'impegno.


Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…