Passa ai contenuti principali

Zuppetta dolce di grano saraceno e farro perlato al ricordo di pastiera napoletana


Ho voluto preparare una zuppetta dolce che ricordasse, per sapore e profumi, la pastiera napoletana, da assaporare a cucchiaiate, usando i prodotti Nuova Terra.
Della zuppa di pastiera napoletana dello Chef Antonio Borruso, avevo letto qui e ne ho tratto libera ispirazione. 
Ho usato farro perlato bio e grano saraceno bio, aggiungendo il croccante al grano saraceno.

"Zuppetta dolce di grano saraceno e farro perlato al ricordo di pastiera napoletana"

Ingredienti per 4 porzioni

Per la zuppetta
  • 100 grammi di grano saraceno
  • 100 g di farro perlato
  • 400 g di latte
  • 1 limone non trattato
  • 1 arancia non trattata
  • 115 grammi di zucchero
  • un pizzico di sale
  • bacca di vaniglia
  • 250 grammi di ricotta
  • acqua di millefiori
  • cannella q.b.
  • scorzette d'agrumi bio candite q.b.
  • cedro candito q.b.
Cuocere separatamente, il grano saraceno ed il farro perlato, secondo la proporzione di 100 grammi di sementi per 200 grammi d'acqua.
Una volta cotti, impiegheranno una ventina di minuti circa, prelevare 150 grammi di grano saraceno e 150 grammi di farro perlato,mescolarli e farli ricuocere in 350 g di latte, aggiungendo qualche buccia  di limone e d'arancia biologica, coltivata senza trattamenti con anticrittogamici, (prelevare solo la parte colorata e superficiale delle scorzette), un pizzico di sale, 35 grammi di zucchero, mezza bacca di vaniglia e cuocere a fuoco lento, mescolando, fino a quando il composto assumerà la consistenza di una crema.
Togliere la bacca di vaniglia, le bucce di agrume e frullare tutto, aggiungendo un po' di latte, se necessario ad agevolare l'operazione e rendere la giusta cremosità al composto.
Aggiugere 250 grammi di ricotta, di bufala o romana, colata dal siero, setacciata e mescolata ad 80 grammi di zucchero, tenendo da parte circa 50 grammi di crema, per farne dei ciuffetti con un sac a poche.
Aggiungere alla crema di ricotta e cereali, mezza fialetta di acqua millefiori, un pizzico di cannella, un po' di liquore (rhum per pasticceria, limoncello), se gradito. Tenere la crema in frigo fino al consumo.

Per la pasta frolla:
  • 125 g di farina 00 debole
  • 50 g di burro
  • 1 tuorlo
  • 50 g di zucchero
  • un pizzico di sale
  • bucce di agrumi bio grattugiate
Impastare brevemente tutti gli ingredienti, quanto basta ad amalgamarli e riporre in frigo la pasta, almeno 30 minuti.
Trascorso questo tempo, stendere, ritagliare dei cerchietti, dei quadratini ed infornare per pochi minuti a 160° C fino a leggera doratura.

Per il caramello croccante al grano saraceno:

tostare qualche cucchiaio di grano saraceno cotto, passandolo in forno caldo.
Preparare un caramello secco in una padellina antiaderente con 70 g di zucchero ca, aggiungere il grano saraceno tostato e stendere su un silpat.

Per le sferette di cannella:

preparare uno sciroppo facendo bollire 40 g acqua e 30 g zucchero, aggiungere 1 g di cannella in polvere e a caldo, ma fuori dal fuoco, aggiungere 1 grammo di colla di pesce, ammorbidita in acqua e strizzata. Aspirare il composto con una siringa senza ago e far cadere delle gocce di liquido, in un bicchiere di olio di semi freddo. Far stabilizzare in frigo, quindi, colare tutto l'olio aiutandosi con un setaccio e tenere le perle ottenute da parte fino all'utilizzo.

Canditi: tagliare a cubetti le scorzette d'arancia, di mandarino e cedro canditi.

Montaggio:

in coppette o piatti di ceramica di Vietri (Sa), dal fondo accentuato, adagiare la crema, con la sac a poche formare dei ciuffetti di crema di ricotta, distribuire i biscottini di pasta frolla, le sferette di cannella, i cubetti di canditi, i pezzetti ci croccante. 

Questa ricetta fa parte del progetto “#SiamoGolosiani” per Nuova Terra, un marchio toscano che produce mix per zuppe e minestre, cereali biologici e un’ampia gamma di semi oleosi.

http://www.nuovaterra.net/prodotti/farro-perlato-bio/


http://www.nuovaterra.net/prodotti/farro-perlato-bio/

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Migliaccio dolce napoletano nelle due versioni

Il migliaccio dolce è una tipica preparazione napoletana del periodo di Carnevale. 
In famiglia se ne facevano due versioni, una "semplice" ed una coi “capellini d'angelo”, una pasta di grano duro tipo spaghetto, ma molto più sottile.



Recentemente il Dr. Giuseppe Viscardi mi ha scritto queste note sulle origini ed il significato del migliaccio, un dolce antichissimo:


il migliaccio dolce viene preparato nell'anno solare, per la prima volta il 17 gennaio (Sant'Antonio Abate), giorno in cui, secondo la tradizione napoletana finisce il tempo di Natale e comincia il Carnevale.  È un dolce carico di significati, apre e chiude una festa invernale per poi lasciar posto ad un altro dolce, la pastiera, fondamentalmente molto simile, ma che però, al posto della semola di grano duro ottenuta dal raccolto dell'anno prima, sostituisce i primi chicchi di grano (probabilmente ancor prima orzo) del nuovo raccolto.  Attraverso questi sapori e queste preparazioni, si riesce a seguir…

Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…