Passa ai contenuti principali

Pasta col Coccio o gallinella

La pasta col Coccio. 
L'ho visto e aveva un "viso" conosciuto, ma sull'etichetta del banco pescheria c'era scritto "gallinella". Il pescivendolo mi fa:" Signora bella (e qui già prende quei 4-500 punti, perché mi fa ridere ogni volta), come la facciamo questa gallinella stasera? Ve la pulisco? Ve la faccio a pezzi? Solo pulita, grazie, forse all'"acqua pazza", vedrò di non maltrattarlo questo Coccio". Mentivo, io, tanto per non cambiare, ci avrei fatto un bel piatto di pasta, saporito e leggero.


Questa è la ricetta, per chi se ne serve (cit.)
Ingredienti per 4 persone:
  • un coccio (gallinella) fresco del peso di 700 g circa
  • 250 g di Calamarata orientale di Gragnano o tubettoni o mezzi canneroni
  • una decina di pomodorini rossi maturi
  • un paio di rametti di timo fresco
  • uno spicchio d'aglio
  • un rametto di prezzemolo
  • un rametto di basilico
  • olio evo q.b.
Procedimento
Sfilettare il coccio.
Con la lisca, la testa e qualche pezzetti meno nobile del coccio, coprendo a filo con l'acqua, aggiungendo il prezzemolo, l'aglio, il basilico, un rametto di timo e qualche pomodorino maturo, preparare un brodetto. Far restringere su fiamma bassa, un'oretta e poi filtrare con un colino a maglie strette.
In acqua bollente salata, cuocere la pasta per circa quattro minuti, poi trasferirla, aiutandosi con una schiumarola, in un tegame largo, in cui, in precedenza, si saranno fatti soffriggere quattro o cinque pomodorini rossi schiacciati, in fondo d'olio extravergine d'oliva e poi, una volta ben soffritti, levati e tenuti da parte.
Per continuare la cottura della pasta, aggiungere, mano a mano che verrà assorbito, il brodetto del coccio bollente.
Ad undici minuti di cottura della pasta, aggiungere i pezzettini di filetto di coccio, quindi, i pomodorini soffritti in precedenza. 
A cottura ultimata (tredici minuti in totale per la Calamarata orientale) unire un filo d'olio evo ed il timo fresco.




Commenti

  1. questo piatto è prenotato. commenterò ad esecuzione degustata grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Zeppole di San Giuseppe al forno

Queste sono le zeppole di San Giuseppe al forno, che si preparano da tradizione napoletana, il 19 di marzo a San Giuseppe, giorno in cui si festeggiano sia i Giuseppe che i papà.



Pasta, patate e provola

Questo è un piatto tipico del napoletano, una minestra quotidiana di pasta, con patate e provola; questa versione che ho preparato resta classica, ma un po' più leggera della versione tradizionale, che secondo me, essendo più ricca in grassi, è più adatta ai climi invernali.
Un'ampia discussione sul tema la trovate sul forum Gennarino,  la ricetta  classica, sia sul blog di Antonia Rimmel che su quello di Teresa.

Ingredienti per  2 persone
N. 3 patate medie tagliate a dadini120 g di pasta mista o mezzi canneroni lisci di Gragnano I.G.P.cipolla q.b.un pezzo di gambo di sedano un pezzetto di carota qualche fogliolina di basilico frescon. 2  pomodorini rossi del piennolo  100 g circa di provola tagliata a dadini, tenuta qualche giorno in frigo  una crosta di parmigiano (se disponibile)formaggi grattugiati  stagionati (parmigiano, pecorino, caciocavallo), se piacciono.pepe nero q.b.Procedimento:

in un tegame ho versato un bel fondo d'olio extra vergine d'oliva e messo sia la c…

Papaccelle napoletane ricce imbottite ('mbuttunate)

Sono tra gli ortaggi estivi che più mi piacciono e questa è la loro stagione. Parlo della papaccella napoletana (papaccella riccia), che è diventata anche un presidio Slow Food nel 2004.
E'
una varietà di peperone, dalla pezzaturapiccola, variamente colorata di giallo sole, di verde e di rosso intenso o vinato, tipicamente coltivata nelle zone del napoletano e del vesuviano. Queste in foto sono papaccelle  biologiche che coltiva mia zia Anna nel suo terreno a Napoli.

A me piacciono cucinate in ogni maniera: a minestrina, in padella, stufate con olive e capperi, nella cianfotta, con la pasta oppure crude nelle insalate, quando si trovano fresche, in estate.
Nella stagione invernale, quando si trovano solo sott’aceto, sono utilizzate nell’insalata di rinforzo a Natale o soffritte come contorno della carne di maiale nei mesi più freddi (e lì ci sta bene anche qualche papaccella piccante o forte).

Questa versione della papaccella ‘mbuttunata(imbottita), è quella che più preferisco ed …